Roberto De Ponti: Un anno fa bene, poi James si trasformò nel peggior James

Roberto De Ponti firma «Dai e Vai» sul Corriere della Sera – Milano: L’Olimpia è dove Messina voleva, ma pensare che il più sia fatto sarebbe un errore

Roberto De Ponti, come tutti i martedì, firma «Dai e Vai» sul Corriere della Sera – Milano. Ecco alcuni passaggi.

L’Olimpia si trova là dove avrebbe voluto il suo allenatore: nelle prime posizioni in Italia, in perfetta media playoff in Europa

Non male per una squadra che fino a qualche tempo fa sembrava considerare la Serie A un fastidioso diversivo ai viaggi europei

Pensare che il più sia fatto però sarebbe un errore. Proprio in questi tempi, lo scorso anno, l’Olimpia era in testa in Italia e tra le prime otto in Europa. Poi sappiamo, finì come finì: si fracassò Gudaitis, James si trasformò nel peggior James

Chiusi i due gironi d’andata si potrà capire dove si troverà esattamente Milano. Senza dimenticare mai che la boa di mezzo campionato significa poco o nulla: le stagioni passate insegnano

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

6 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
leopard
leopard
9 mesi fa

non sarò mai d’accordo con questo continuo scarico di colpe su james. la situazione di squadra non pare fosse così idilliaca. litigi tra questo e quell’altro, giocatori infortunati con minutaggi esagerati a caricare il nativo dell’oregon. la sua stagione corrente sta a dimostrare che, se il suo impiego è ben calibrato, mike non ha molti rivali.

palmasco
palmasco
9 mesi fa

A me sembrano vere entrambe le cose. Grandissimo fenomeno James, lo dimostra ancora una volta a Mosca, ma nello stesso tempo è anche vero che da noi poi si è trasformato nella versione più oscura di se stesso, con conseguenze disastrose per la squadra – soprattutto in campionato. C’è un motivo chiaro, una causa, per quella trasformazione, ovvero gli infortuni dei due giocatori più preziosi di quella squadra, e la conseguente gestione esagerata del minutaggio di Mike James. Infatti ho scritto che lui è un grandissimo fenomeno, non un grandissimo campione – ovvero un leader. Negli occhi di tutti noi… Leggi il resto »

Alberto Vanedoli
Alberto Vanedoli
9 mesi fa

Vista da fuori, un Allenatore incapace che carica un giocatore che non ci sta a perdere. Poi perdono e scaricano su di lui. Bah.

GAE
GAE
9 mesi fa

James come tutti i grandi campioni hanno pregi e difetti perché anche i grandissimi campioni hanno o loro difetti nessuno è perfetto..la perfezione non esiste..detto ciò James era partito bene perché tutti stavano bene e lui era meno responsabilizzato poi ci furono infortuni a catena privando a Pianegiani 2 pedine fondamentali nel gioco quali Nedovic e Gudaitis ed era normale che il gioco ne risentisse e James per giocoforza si dovette prendere responsabilità superiori a quelle che aveva già oltre a giocare tutte le partite quasi sempre i 40 minuti perché non aveva alternative e alla fine arrivò giustamente spremuto… Leggi il resto »

Iellini
Iellini
9 mesi fa
Reply to  GAE

Condivido tutto quello che hai scritto

Luca Mascoli (@3CorsaroNero)
Luca Mascoli (@3CorsaroNero)
9 mesi fa

Non è assolutamente vero…

La trasformazione nel cattivo #Mikelino è figlio di tanti fattori,

il primo sono gli infortuni di #Guda e #Nedo,
il secondo la gestione atletica errata,
il terzo la non volontà di #Piangina di fare la voce grossa.

Next Post

Olimpia Milano-Virtus Bologna, ecco il nome per la Legabasket

Tiene sempre banco la politica sportiva nel nostro basket. Ieri, su Sportando, abbiamo annunciato il nome di Virtus e Olimpia Milano per il dopo Bianchi
Roberto De Ponti

Subscribe US Now

6
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: