L’Olimpia Milano ha dunque deciso di ufficializzare la rinuncia a Mike James. Dalle reazioni del giocatore, pensiero credibile che il tutto si sia evoluto rapidamente al momento del sì di Shelvin Mack, per settimane in attesa di chiamate Nba. Invano.

Secondo quanto emerso nei corridoi del Forum d’Assago, i contatti per chiudere il rapporto sarebbero in corso. La volontà è permettere al giocatore di essere in ritiro con un altro club per la ripartenza della stagione, evitando al tempo stesso al club la presenza di un elemento con “situazione in divenire”. Tyrese Rice, al Barcellona, l’esempio da evitare.

La palla passa quindi nelle mani di Christos Stavropoulos, chiamato a gestire la prima “patata bollente” della sua avventura milanese. Trattasi di dirigente di basket che in carriera ha vissuto tante situazioni complicate nel delirio episodico del basket greco. Il tempo non manca, l’ottimismo dirigenziale è vivo, andando oltre all’immediato, e naturale, sconforto del giocatore.

Mike James è professionista serio, che vive di basket, e si considera nel momento più “caldo” della sua carriera. Una fase da sfruttare senza perdite di tempo. Ecco perchè, in fin dei conti, un accordo di risoluzione potrebbe arrivare nelle prossime settimane, anche se nessuno si pone delle deadline di principio.

A prescindere dalle voci, non confermate, sugli interessi di Maccabi Tel Aviv e Cska, chiaro che il futuro di Mike James possa essere ancora in EuroLeague, da avversario.

Chiudiamo con un passaggio della dichiarazione di Ettore Messina: «In seguito all’arrivo di Shelvin Mack, e l’ulteriore inserimento che andremo a effettuare nel ruolo di playmaker…». Quel play è ovviamente Sergio Rodriguez. Al momento, non risultato altre trattative in corso, anche per non esaurire il numero dei visti già in estate, come riportato questa mattina nel punto di Fabio Cavagnera.

Annunci

34 Comments »

  1. Ecco le statistiche di #Mike in Regolar Season di Euolega 2018/2019:
    Statistiche Eurolega Regular Season:

    Rank
    Posizione:1
    Partite giocate:30
    Punti a referto:595
    Ave.:19.83
    Per 40 Min.:23.37

    Total Rebound
    Posizione:35
    Partite giocate:30
    Totale Rimbalzi:114
    Ave.:3.80
    Per 40 Min.:4.48

    Assist
    Posizione:2
    Partite giovate:30
    Totale assist:191
    Ave.:6.37
    Per 40 Min.:7.50

    Palle recuperate
    Posizione:3
    Partite giocate:30
    Totale steals:39
    Ave.:1.45
    Per 40 Min.:2.51

    Palle perse
    Posizione:3
    Partite giocate:30
    Totale turnovers:77( il primo Calathes con 94)
    Ave.:2.57
    Per 40 Min.:3.02

    Assist-Palle perse
    Posizione:10
    Partite giocare:30
    Totale Turnovers:77
    Totale Assist:191
    Assist-Palle perse:248.05%

    Purtroppo non ho trovato la statistica riguardante la difesa individuale 1VS1 e quella in cui non torna a difendere e quella in cui fa passare il suo diretto avversario.

  2. Aggiungi anche le % al tiro con relativa posizione. da 2 non e’ nei primi 100 in Eurolega e da 3 mi sembra verso il70esimo posto. Con quel numero di tiri che si prende altri avrebbero fatto quei punti. Ma quello che poi conta è l’atteggiamento .
    Comunque è il passato , per me e per la maggioranza senza rimpianti.

      • Messina ha fatto una scelta. Spocchia? No, scelta. Io ne avrei preferita un’altra, ma nessuna spocchia e nessuna supponenza. Qui c’è gente che lavora, e fa scelte.

    • Senza Nedovic ha dovuto prendere tutti i suoi e non suoi tiri,
      e le % ne hanno risentito.
      Sono orgoglioso di non far parte dela maggioranza!
      Mi piacerebbe sapere tutta questa maggioranza quante partite dell’Olimpia ha visto quest’anno sia dal vivo che da casa,ma anche delle ultime 10 stagioni…
      e chissà quanti di questa pseudo maggioranza a marzo sia al palazetto che da casa urlava MVP MVP

  3. Secondo me parecchi hanno i paraocchi..come se fosse che James avesse giocato da solo contro tutto e tutti..a me è piaciuto e prima di lui negli ultimi 20 anni mi avevano fatto emozionare solo GALLINARI e ALÉ GENTILE..se Messina ha preferito così avrà sicuramente le sue ragioni ma per lo meno ora non ha più alibi perché se fosse rimasto James e Messina fallisse avrebbe addossato la colpa a James sostenendo che aveva un contratto on essere..ora non ha più nessun tipo di alibi..detto questo gli obiettivi sono i play-off di europea e vittorie coppa Italia e campionato in Italia..vedremo se li raggiungerà..

    • Condivio in pieno ma solo nella prima parte.
      Se Messina fosse cosi bravo come dice lo avrebbe dovuto tenere e farlo entrare nel suo gioco.
      Cosi mi sembra solo una mancanzadi rispetto verso l’uomo e il giocatore James.
      Che si vinca o meno è un grosso rimpianto vederlo andare via,
      negli ultimi 20 anni almenoè il 5 di quelli forti e che davvero possono farti emozionare e farti vincere.
      Ma chi va a vedere l’Armani non è quello che va a vedere l’Olimpia mettendoci dentro tutto.

  4. Rileggo la dichiarazione di Messina:Gesù anche l’italiano è rimasto a livello di scuola dell’obbligo come al tempo della coppia tragicomica! Re Giorgio è un grande appassionato e un grande imprenditore, ma non è proprio capace di selezionare la dirigenza (si vede che nel settore moda non è rilevante—sono a disposizione per consulenza gratuita)

  5. Mi dispiace che tu non capisca ma è un problema tuo Corsaro:sono d’accordo proprio con te sull’insipienza di questa dirigenza (e su quella precedente) che non è in grado nemmeno di scrivere (a proposito:tu sei in grado di leggere?), figuriamoci di guidare una squadra di elite.

  6. Spero non dia fastidio un contributore recente e di spirito critico (come il tuo peraltro): sono da anni un appassionato (anche se non mi picco di essere un allenatore professionista) che vorrebbe un utilizzo migliore dei capitali e della passione di Armani in materia di basket.Se hai pazienza scorri gli ultimi mesi di interventi.

    • I fastidi sono altri,ma a differenza suo le mie sono critiche competenti e sopratutto costruttive come ogni critica dovrebbero essere.
      Non picco di poter essere un’allenatore professionista ma come ogni cosa nella vita l’esperienza sul “campo” paga ed è importante.
      Sul fatto di poter usare meglio i capitali messi in campodal Sig. Armani la penso come te,ci dovrebbero essere in società gente che respira e vive di basket.
      Mi fido che hai fatto degli interventi nei mesi scorsi.

  7. Credo quelli che rimpiangono James sono gli stessi che rimpiangevano Gentile. Gli altri (la maggioranza) non rimpiangono entrambi. 2 modi di intendere il basket non necessariamente giusto o sbagliato. Questione di gusti. Quello che conta è l’Olimpia, i giocatori oggi vanno e vengono e non ci sono più i D’Antoni. Quindi in bocca al lupo a James e welcome Mack.
    Ps
    Certi commenti su questa dirigenza lasciano però increduli

    • Infatti è cosi,
      sono quelli che hanno un cuore e la passione verso una società e vogliono il meglio e non seguono le masse come dei pecoroni.
      La passione non è questione di gusti,ma bensi è un’istinto che è come l’educazione,non la si può comperare la si ha oppure no.
      P.S:Mack e James sono come il giorno e la notte,come l’amante e la mogliie.
      P.S.S:Mack che tipo di giocatore è…#Ettore che tipo di gioco vorrebbe proporre???

  8. Non capisco tutto questo accanimento nei confronti di Mike James come se fosse l’unico colpevole di una stagione fallimentare..per me le ragioni della separazione non sono di carattere tecnico perché solo un pazzo può discuterne il talento immenso che ha..basta andare a rileggere i commenti al momento del suo acquisto o quando un intero palazzetto gli ha cantato “MVP MVP”..ora invece tutti a dargli addosso come se tutto ad un tratto fosse diventato un brocco..invece per me paga la sua personalità perché potrebbe offuscare il ‘io” di sua maestà Messina che non vuole avere in squadra qualcuno che abbia la sua stessa personalità..si può amare o odiare James ma non si può discutere il suo valore e sopratutto bisogna avere rispetto di un giocatore che nel bene e nel male è sempre stato sincero e diretto..forse paga proprio questo suo modo di essere genuino in un mondo pieno di gente falsa che prima ti tratta come un Dio e poi ti colpisce alle spalle..ovviamente questo vale specialmente per noi tifosi..che ai vinca o si perda lo rimpiangeremo presto..da tifoso di Milano quale sono spero di non doverlo incrociare mai sulla nostra strada perché altrimenti saranno dolori per noi..

  9. Il giudizio su di un giocatore lo danno non i numeri ma le vittorie da protagonista.
    Il nostro, per fortuna, ex non mi sembra abbia vinto nulla di particolarmente significativo.
    E non citatemi lo scudetto col Pana, perché il protagonista vero di quella serie è stato il suo compagno di reparto.
    Allora anche Goudelock ha vinto uno scudetto, ma non mi sembra certo un campione da ricordare.
    Io ricordo un certo Bob Mc Adoo tuffarsi a metà campo per recuperare un pallone che ci è valso uno scudetto.
    Non ho mai visto fare al vostro eroe nulla di tutto questo.
    Già, ma lui gioca per le statistiche…troppa fatica, come in difesa.
    Datemi retta, non ci mancherà…

  10. Il tuo giudizio,
    il secondo titolo vinto con Pana dopo il ritorno dalla NBA hai visto la serie?
    o solo i riflessi filamati e le statistiche?
    Goudelock si è infortunato gravemente dopo l’esperienza Olimpia e cmq è solo per merito suo,non per la stoppata di Gara5,se abbiamo vinto il titolo numero 28.
    Gli eroi,come li chiami tu,non ci sono + per colpa di voi pseudo tifosi…
    Nessuno gioca per le statistiche ma quando ci sono degli attacchi gratuito mi sento in dovere di usarle!
    Quanto ce ne 40 di punti e vincerà la partita con un suo tiro decisivo mi penserai!!!

  11. Condivido in toto quanto scritto da Gae e Corsaro a proposito di MJ (il che autorizza qualche ironia critica su chi lo ha “licenziato” così malamente e improvvidamente o no?)

  12. Ah beh… purtroppo i troll sono arrivati anche qui, che ne sembravamo esenti da un anno e più a questa parte: i troll che si sentono in grado di giudicare chi è un tifoso vero e chi no, chi ha visto le partite e chi no.
    Mah…
    Si stava meglio prima, quando chi aveva qualcosa da dire la diceva, senza sentire il bisogno di dare le patenti del tifoso, di dividere tra quelli dell’Olimpia e quelli dell’Armani…

    Si stava molto meglio, e si parlava meglio, anche perché non abbiamo bisogno di divisioni inutili e dei troll che le propongono.

    (palmasco)

  13. Evidentemente invece c’è bisogno di fare distinzione,
    perchè queste situziani c’erano anche prima e ci saranno anche poi.
    Da fastidio che ci sia qualcuno come ME che lo scrive,lo fa presente e ci mette la “faccia” caro Anonimo Palmasco.
    Ho sottolineato la differenza perchè di base c’è ed è visibile,ma non è un giudizioè la verità,e mi sembra senza senso il tuo discorso.
    Se hai qualcosa da dire scrivilo,se non ti va bene quello che scrivo non leggerlo,rendi una cosa facile difficile attraverso l’inutile.

    • Sono stato chiamato in causa, giustamente. «Maggioranza» come motivazione per dare forza ad un’opinione è quanto meno volgare e inadatto, visto che da una vita combatto per pensarla a modo mio. «Pseudo tifosi» è idiozia che su queste frequenze non voglio leggere. Questa è casa mia, e certe imbecillità non le accetto, perchè rendono idiota anche il mio lavoro. E’ una richiesta per tutti, non un avvertimento, visto che non ritengo lo stare in casa mia come un privilegio, o una concessione. Grazie.

  14. Seguo questo blog da un anno e ne ho sempre apprezzato l’unicità e lo stile: le persone scrivevano il loro pensiero una volta per articolo, non si sentivano in dovere di aprire un continuo contradditorio con gli altri, (che di solito parte piano e poi arriva al contrasto e poi all’insulto). Era un bel modo di sentire altre opinioni e non dover affermare la propria verità continuando a dirla all’infinito. Mi ero illuso che questa isola felice durasse.
    Invece da qualche giorno il blog si è uniformato agli altri (es. Sportando) dove si continua a parlarsi addosso senza dire niente. Peccato.

    Mi chiedo che senso ha continuare ad affermare la propria opinione rispondendo a tutto ed a tutti.
    Non sarebbe più interessante scrivere una risposta anche lunga e dettagliata e poi fermarsi li accentando anche pareri contrari senza dover per forza continuare a rispondere.

    So che solo un illuso ma mi piacerebbe tornare allo stile originale del blog

      • Iellini, Palmasco, Ufo. Sono super d’accordo e chiederei umilmente al moderatore di intervenire. Ancora qualche giorno così e smetterò di venire a leggere commenti. Capisco che la “minaccia” non faccia tremare nessuno e a nessuno freghi niente che io stia qua o no, ma sarebbe bello che ognuno avesse rispetto del luogo virtuale o no che sta visitando. Il mondo è grande e c’è posto per tutti, lasciateci in pace a parlare di basket e non di rispetto, onore, ego, tifosi veri e tifosi falsi. Lo dico piano, sommesso e umile. Lasciateci in pace….

  15. Buona domenica,
    l’unicita e lo stilo è fatto da chi scrive e sopratutto da chi legge e rispondendo da una propria opione.
    Io non mi permetto di insultare nessuno,leggendo il tuo pezzo mi sono sentito tirare in causa,perchè non è nel mio stile,com’è nel mio stile scrivere quello che penso senza filtri.
    Sono fatto cosi,non lo scelgo.
    Cmq tornando al tuo pezzo che parla di isola felice è vero,lo è lo sarà sempre,il blog è fatta di gente competente che ogni tanto come può succedere eccede…ma è la vita.
    Io non voglio affermare la mia opinione e tantomeno non voglio obbligare altri utenti a pensare e di conseguneza scrivere come la penso io e mi spiace se ti ho passato questo tipo di messaggio perchè non è nelle mie intenzioni.
    I blog sono fatti di discussioni e di conseguenza domande e risposte per accresscere la proprio cultuta sul “gioco”.

  16. Per essere coerente con quello che scrivo sarà la prima e unica volta che rispondo.
    Non voglio giudicare te come persona, ma è un dato oggettivo che in questo articolo su 24 commenti la metà sono tuoi.
    Ecco io penso di aver capito la tua posizione su James e di non condividerla, ma il punto non è questo.
    Non mi interessa un blog con un continuo ed estenuante contraddittorio ma sentire tutte le opinioni approfondite e quindi anche la tua, che rispetto, e che si capisce essere di uno che mastica basket da una vita.

    Preferisco un blog con pochi commenti dove ognuno esprime con dettaglio la sua posizione ad un blog dove regna il contraddittorio continuo ed alla fine svilisce il commento tecnico.

    Questione di gusti. Quindi io ti chiedo di riflettere su questa diversa modalità di intendere il Blog, poi ognuno libero di fare come vuole : tu di scrivere 20/30 volte ed io alla fine di non leggere più il blog.

  17. E’ bello scrivere, sfruttando l’ospitalita’ di questo blog. E’ bello leggere e confrontarsi. E’ giusto rispettare le idee di tutti.
    Premesso che mi sembra assurdo criticare ora chi ha solo iniziato a lavorare, vogliamo parlare di James? Ok. E’ un buon giocatore, spettacolare, divertent, coraggioso. Ha statistiche ottime. E’ anche quello che resta sempre sul p&r, quello che si ferma a meta’ campo mentre gli altri ritornano. Sono circa quarant’anni checseguo Milano (ero a Losanna a vedere McAdoo, Meneghin e D’Antoni alzare la coppa dei campioni) e non mi ricordo molti giocatori cosi’ poco devoti alla squadra. Nemmeno Marshon Brooks, pessimo difensore. Lo stesso Goudelock ha fatto la differenza con una stoppata, e non solo con le triple.
    Vogliamo parlare di Gentile? Ok. Buon giocatore, grande atleta, un trasconatore. Ha dato molto nell’anno dello scudetto. Ha anche rotto lo spogliatoio, probabilmente ci e’ costato l’addio di Melli (ma e’ un mio pregiudizio, non ho prove) e comunque fa fatica a trovare ingaggi in squadre di EL (che ci sia un perche’?).
    Ok. Ora lasciamo lavorare Messina.
    Ha il doppio ruolo di coach e presidente; scelta coraggiosa (e unica in Italua, probabilmente anche in Europa). Ha accantonate James e ceduto Nunnally; scelte coraggiosissime (anxhe perche’ , come diceva qualcuno, non ha piu’ scuse da accampare). Ha trattenuto AdV, dopo un’annata disgraziata; scelta coraggiosa. Insomma: io vedo coraggio, visione chiara, determinazione. Non so dove tutto questo ci portera’ ma lasciamogli il tempo per “provare”. Poi eventualmente critichetemo. 🙂

  18. Ok,parliamo di roster con riflessioni specifiche:via anche Nunnally,chi ha tanti punti ma tanti nelle mani (almeno uno ci vuole sempre)?— la questione di un terzo lungo da Eurolega (con Guda convalescente)?

  19. Nedovic e’ un realizzatore puro.
    Il terzo lungo piacerebbe anche a me ma non e’ facile trovarne, a meno che non ci si accontenti, come lo scorso anno (con risultati da depressione).
    In ogni caso non so se la sicieta’ lo stia davvero cercando. Anche questa e’ una scelta: vedremo se paghera’!

Rispondi