L’Olimpia Milano batte non senza preoccupazioni la Sidigas Avellino ipotecando il primo posto alla fine della stagione regolare. Momenti di passaggio in vista dei playoff, ma questo 85-79 ha qualcosa da dire.

Le rotazioni

Nemanja Nedovic rientrerà nei playoff, e Vladimir Micov si siede in tribuna. Tenendo conto dei 34’ di Curtis Jerrells e dei 29’ di James Nunnally, arriviamo alle parole di Simone Pianigiani in sala stampa: «Nei playoff sarà importante averne tanti nelle migliori condizioni possibili, poi se dopo due gare qualcuno deve stare fermo è giusto aspettarsi che sia pronto la gara successiva». Dunque, rispetto ad un anno fa, ampio turnover anche nei playoff la tendenza nella mente di Simone Pianigiani. Sarà così? Certamente l’Olimpia, nel bene e nel male, cresce, mentre Nemanja Nedovic è spesso ai box. Attenzione.

Amedeo Della Valle e Simone Fontecchio

11’ in accoppiata con 0 punti. Sono un caso, poco da dire, e solo per colpa loro. L’ex Cremona è in scadenza, e non è certo un male, mentre ADV ha ancora due anni di contratto a cifre importanti. Che fare? Servirebbe provare a reagire, sempre, ma ne avrà la forza?

Kaleb Tarczewski

«E’ importante avere Tarczewski al meglio: con lui oggi eravamo +22, ma anche a Brescia dove aveva giocato poco per i falli e il tecnico con lui in campo eravamo abbondantemente avanti». Così dice Pianigiani. Anche Avellino «pasteggia» al Forum con 44 rimbalzi di cui 16 offensivi, ma in effetti il centro USA, +22 di plus/minus giocando 24’ in una gara vinta di 6, pare fondamentale.

L’Olimpia non ha saputo crearsi una dimensione di «quintetto piccolo» dopo lo stop di Gudaitis. Era la grande missione lanciata anche da Simone Pianigiani dopo l’arrivo di James Nunnally, ma complici fors’anche gli acciacchi di Nemanja Nedovic non è mai decollata.

Annunci

6 Comments »

  1. Se devo essere sincero sono  deluso ed un po’ preoccupato. Milano non ha gioco, ha un solo centro che puo’ schierare (perche’ Omic e’ semplicemente inguardabile) e dipende troppo dal tiro da tre.
    Non vorrei essere nei panni di Pianigiani: Della Valle, Burns e Fontecchio sono ormai impresentabili (colpa dei singoli e del coach) ma e’ costretto a portarli in panca. E siccome i posti sono solo dodici si capisce che a turno Nedovic,  Micov, Jerrels o addirittura James dovranno restare in borghese. Le rotazioni dunque sono limitatissime anche perche’ Milano sta in partita solo se in campo c’e’ Tarczewski. Anche ieri, alla fine, abbiamo giocato in sei e mezzo (Kuz gioca solo nella meta’ campo offensiva) e direi che da qui a fine stagione sara’  sempre cosi’.
    Se Avellino avesse messo uno solo degli ultimi tre comodi tiri da tre saremmo qui a commentare un’altra sconfitta meritata. Insomma: non mi sembra davvero che questa squadra sia favorita per il titolo e continuare a sentire commenti nei quali si parla del grande talento o della panchina lunga di Milano mi fa un po’ arrabbiare perche’ secondo me non e’ vero.
    Prepariamoci a grandi battaglie e a  qualche delusione.

  2. Commento sull’articolo: responsabilità della scomparsa di Fontecchio e ADV da ripartire 30% giocatori e 70% coach. Dopo Abass, Pascolo ora tocca a loro due. Errare è umano ma perservarare e’ diabolico. È ovvio che sminchia i giocatori quando vedo e che loro sono fuori al primo errore mentre James e Jerrels ne possono fare di ogni e giocano lo stesso.

  3. Sparare su Omic e’ abbastanza semplice, ma ieri sera si e’ visto benissimo e spesso che nessuno ruota in difesa quando lui esce a fare lo show. Mettiamo che un paio di volte ha cannato lui ma le altre ? E’ sempre e solo la difesa il problema.

  4. Omic e’ solo tanto quanto Tarczewsky. In compenso e’ piu’ lento e non guarda MAI il ferro. Credo che Burns (quello dello scorso anno a Cantu’) sia piu’ performante, nonostante la taglia decisamente inferiore. Parlo di LBA, ovviamente.
    La difesa e’ comunque un problema dall’inizio dell’anno, quasi un “vizio di forma”.
    Aggiungo un particolare: Nedovic e’ di nuovo infortunato. Mi auguro davvero che possa rimettersi presto ed in maniera definitiva, per essere pronto per la prossima stagione. In questa riuscira’ a dare poco perche’ ha poche gare nelle gambe ed ha giocato poco con il resto della squadra. Speriamo bene e auguri, Nedo!

Rispondi