Goudelock 5.5 – 7 punti nel secondo quarto come apice, non gli riesce la fiammata negli ultimi 10’. 3 palle perse, che celano una maggiore volontà di coinvolgimento dei lunghi.

Micov 6.5 – La spalla pare nuovamente infastidirlo nel finale. Ha il merito di produrre tanto quando l’attacco di Milano si ferma.

Tarczewski 5 – Condannato dai falli non entra mai in partita. Apprezzabile la volontà di lottare nel finale, ma la gara è già finita.

Kuzminskas 6 – Miglior marcatore di squadra con 17 punti, chiude con 6/9 al tiro. Valore notevole in squadra, ma difensivamente non alza mai il suo livello.

Cinciarini 5.5 – Solita volontà, ma soffre dannatamente la pressione dei padroni di casa nel secondo quarto.

M’Baye 4.5 – Si fa notare solo per un fallo su tiro da tre punti di Dobric. Deve sfruttare al meglio le occasioni europee, altrimenti il suo posto nei playoff sarà in tribuna. Ma rischia di essere già troppo tardi.

Theodore 5.5 – 13 punti con 5/5 da 2 e 8 assist sono bottino apprezzabile. Ma c’è sempre quel lato difensivo dopo Rochestie, a tratti, lo ridicolizza.

Bertans 6 – Rincorre una partita dove i parziali passivi arrivano spesso in sua assenza. Alla fine sono 10 punti in 18’ con 3 intelligenti assist. Difensivamente il migliore del reparto piccoli.

Jerrells 6 – 12’ di grande impatto offensivo (3/3 dal campo), ma difensivamente è molto lontano dai suoi standard.

Gudaitis 5 – Buona produzione offensiva, con l’apice di una giocata in palleggio partendo dall’arco, ma le letture sui p&r difensivi sono drammatiche, e nella lotta ha quasi sempre la peggio.

Coach Pianigiani 5.5 – Passo indietro contro un avversario che, da perdere, aveva in più solo il fattore campo. La certezza è la crescita di un sistema offensivo, l’urgenza la totale apatia globale nel momento della lotta. E alle Final Eight, inevitabilmente, spunteranno i coltelli.

Alessandro Luigi Maggi

Annunci

Rispondi