Il rinnovo di Kaleb Tarczewski. I Perchè, e i Percome, di una trattativa

Non ci sono dubbi, come anticipato da La Gazzetta dello Sport, e confermato a Sportando, l’Olimpia Milano lavora al rinnovo di Kaleb Tarczewski. Il classe 1993, 213 centimetri, arrivò a Milano sul finire del mese di marzo grazie ad un’intuizione dello scout (ora anche responsabile del settore giovanile) RobertoBreveglieri, reduce da 43 gare in D-League co 10 punti di media, per 7.3 rimbalzi, in 25’ di utilizzo.

Firmato un contratto sino al 30 giugno 2017, con opzione di rinnovo a favore della società sino al 30 giugno 2018, Tarczewski rispose bene nelle 15 gare agli ordini di Jasmin Repesa, raccogliendo 6.7 punti per 5.1 rimbalzi in meno di 15’ a gara.

Numeri facili, che convinsero la società ad esercitare l’opzione di rinnovo, fors’anche per un’ipotesi di passaporto polacco lasciata intravedere dell’agenzia del giocatore. Ma in estate il passaporto non arriva, Tarczewski convince poco in fase di preparazione, e visto il tempo richiesto dal recupero di Patric Young, l’Olimpia firma un biennale con Arturas Gudaitis e Marco Cusin.

Una bocciatura? No, un ampio ventaglio di alternative. Simone Pianigiani non dimentica affatto il prodotto di Arizona, che parte stabilmente in quintetto in EuroLeague, e si avvicina alla chiusura del girone d’andata con quasi 20’ di media, per 6.9 punti e soprattutto 6.7 rimbalzi che ne fanno il terzo assoluto nella classifica di specialità (dietro a Stimac dell’Efes e Robinson del Khimki).

Il 10 dicembre arriva così l’esordio in LBA contro la Fiat Torino. E’ la spia di una promozione netta nel progetto «di squadra», e della volontà di testare Tarczewski sul doppio impegno, a livello fisico come tecnico.

In questo senso le risposte non sono ancora definitive, ma l’Olimpia ha iniziato a parlare con l’agenzia del giocatore. Ovvio che quest’ultima giochi sul fattore NBA per dilatare i tempi della trattativa (ipotesi di accordo? Biennale con escape NBA al 30 giugno 2019), ma al momento sarebbero soprattutto due le variabili, sempre legate all’eleggibilità dei giocatori stranieri nella prossima stagione. La LBA, sul tavolo della trattativa, ha depositato una proposta senza limiti, la FIP credibilmente imporrà un 6+6 senza limiti di passaporto.

Lo spazio per Tarczewski ci sarebbe dunque (anche se Milano dovrà svoltare sul mercato italiano, gioco-forza), ma il passaporto polacco, che un tempo pareva prezioso alleato, ora potrebbe essere un ostacolo. Perchè un Tarczewski comunitario, sul mercato europeo, avrebbe altra valenza.

Alessandro Luigi Maggi

Annunci

5 pensieri su “Il rinnovo di Kaleb Tarczewski. I Perchè, e i Percome, di una trattativa

  1. A me sembra che ogni partita faccia qualcosa in più. Ultimamente ha messo palla a terra e attaccato il canestro – per esempio. È vero che nel secondo tempo si vede meno, ma gioca con 3 esterni, tra cui il play, che nel secondo tempo giocano a vincere la partita da soli. Ed è un problema non solo di Tarc, che speriamo di tenerlo perchè vale tanto, ma anche della squadra…

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...