Annunci

Essere Rakim Sanders. Esplodere, per poi magari volare ancora più in alto?

Read Time:1 Minute, 41 Second

Essere Rakim Sanders. Mvp di tutto, a più riprese (con l’eccezione delle ultime Final Four di Supercoppa Italia), eppure così lontano dalle bocche degli appassionati. Immagine di grandezza che non è parola, ma poco importa a chi ha sempre cercato di lasciare il segno nei momenti pesanti. 

9 gare in EuroLeague, 23’ di media, 14 punti all’attivo con 4 rimbalzi, e apici che parlano dei 25 punti a Bamberga, dei 22 contro l’Anadolu, dei 19 con il Baskonia e dei 17 con il Fenerbahce.

Esserci, quando l’occhio di bue dei riflettori capita a tiro. Essere Rakim Sanders insomma, perché chi lo conosce lo sa, tutti vogliono dare il massimo contro Milano per avere, magari, un giorno il suo posto. E lui a cercar di essere sempre superiore, perché quel posto lo vuole, e forse si guarda ancora più in alto.

Inutile negarlo, il ruolo lasciato vacante da Alessandro Gentile potrebbe essere suo. Non tanto per la presenza, perché l’essere americano, e di poche parole, non aiuta. Quanto per l’essenza, in campo, che è il giusto equilibrio tra talento e resa. Il contratto scadrà nel 2017, ma niente parrebbe scontato. Già un anno fa qualche pensierino era emerso prima dello scudetto, ora si racconta di un rapporto tutt’altro che idilliaco con Jasmin Repesa. Ma sono cose da poco, perché il mondo è quello professionistico, e a Milano non si dice di no a cuor leggero. 4 perimetrale? Sì, perché in tal senso l’addio di Gentile cambierebbe poco o nulla, a meno di un colpo di mercato nel reparto lunghi con la conferma di Miroslav Raduljica (difficile, non impossibile).

Certo, se l’osservatore ha l’occhio vigile, un pensiero lo farebbe anche. Al Fenerbahce, Zeljko Obradovic lavora per fare di James Nunnally, ultimo mvp del campionato italiano, un giocatore in grado di lasciare il segno in pochi minuti. Rakim Sanders, questo, lo fa da una vita. E i 17 di quella sera al Forum, solo emblema del tutto.

Alessandro Luigi Maggi

About Post Author

Alessandro Maggi

alekmaggi@gmail.com Giornalista Professionista, direttore responsabile presso Be.Pi Sport, collaboratore presso Sportando, cronista per Il Giorno
Annunci

1
Lascia una recensione

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Subscribe  
Notificami
trackback

[…] in gioco, ma soprattutto nel caso dell’americano l’accordo non sarebbe di semplice conclusione (qui una nostra riflessione di inizio dicembre). Il classe 1989 vorrà d’altronde valutare opzioni estere, mentre Mantas Kalnietis […]

Next Post

Gli eroi sono morti per scarsa fiducia nel sistema. Il dopo Cska tra domande, mercato e interpretazioni semplici quanto pesanti

«Tutti gli eroi del mondo sono due metri sotto terra». Così Jasmin Repesa, nel dopogara più doloroso della stagione. Fuori il silenzio di una sconfitta con un Cska privo di Milos Teodosic e Nando De Colo. Nel volto il dubbio atroce dell’uomo che potrebbe non avere soluzione. Perché l’eroe che […]

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: