Un semplice giudizio del roster dei #meninred – La squadra

Dopo aver analizzato i tre reparti, e la posizione del giocatore più rappresentativo, chiusura obbligata con quella che è la somma finale: la squadra. La squadra nel suo concetto, passando per due paragoni e la categorizzazione finale, quella classica, ovvero pregi contro difetti. Sia chiaro come tutto si confronti con una singola dimensione, l’Eurolega. Oggi come oggi il discorso italico non reggerebbe, perché Milano ha vinto le due competizioni del 2015-2016 dominando in Coppa Italia e chiudendo i playoff con un record 10-4, reagendo peraltro con un 5-0 complessivo ai due momenti di difficoltà (1-2 con Venezia e 2-2 con Reggio Emilia). Dopo tutto questo, tra le squadre di riferimento ha cambiato meno e cambiato prima. Ma su questo torneremo più avanti.

RAPPORTO CON LA STAGIONE 2015-2016

Proponibile solo in caso di addio ad Alessandro Gentile. Dunque, improponibile. L’Olimpia ha confermato sette giocatori salutandone sei. Di questi, Batista è stato sostituito con Raduljica, Jenkins con Dragic, Cerella con Abass e Lafayette con Hickman. Al lordo degli interrogativi fisici sull’ex Maccabi, qualche lecito dubbio solo su quest’ultimo confronto.

RAPPORTO CON LA STAGIONE 2013-2014

Ovvero l’unica dell’era Armani conclusasi con i playoff (prima, solo nel 1997). Quello era un roster, lo ricordiamo, a 12 uomini, in cui non avevano peso Momo Tourè (poi Willy Deane) e Angelo Gigli. Hackett allora era un play in ascesa, Langford un realizzatore che oggi non ha eguali in roster, Moss un difensore puro che dominava in Europa. Ma il discorso si ferma qui: di fatto una reale individualità sostituita oggi da tanti buoni giocatori, spesso polivalenti su ambo i lati del campo. E se questo vale per il discorso esterni, che dire degli interni? Melli, è vero. Samuels, da non dimenticare. Ma il tutto si completava con due giocatori sul viale del tramonto, Kangur e Wallace, e un giocatore monodimensionale bocciato ad alti livelli, Lawal.

PREGI

• Quantità. Roster da 12 giocatori di rotazione Eurolega, 13 da Serie A (dentro Fontecchio). Un anno fa erano 11 per il campionato e 10 per la massima competizione continentale.

• Fisicità sugli esterni. I centimetri di Kalnietis in regia, i centimetri e il peso di Simon, Sanders, Gentile e Abass. E oggi sotto canestro c’è Raduljica, un anno fa, di questi tempi, Stanko Barac.

• Lunghi difensivi. Repesa può contare su ben quattro uomini in grado di accettare i cambi sul p&r: Sanders, Macvan, McLean e Pascolo.

• Qualità realizzativa. Simon, Sanders, Gentile, Dragic e Raduljica sono elementi con punti facili tra le mani. Un anno fa, di questi tempi, erano solo due…

• Differenziazione nel playmaking. Kalnietis garantisce fisico e transizione, Cinciarini una gestione lucida ma propensa all’anima contropiedista della squadra, Hickman è invece un giocatore con ottimo ball-handling, lettura del p&r e tiro.

DIFETTI

• Mentale. Negli ultimi playoff Repesa accusò una tendenza «immobilizzante» nei momenti di difficoltà. Il mercato, a parte forse il solo Hickman, non ha portato grandi leader in roster.

• Scarsa esperienza di Eurolega. Di fatto solo Gentile e Hickman hanno giocato ad alti livelli la competizione. Raduljica vi si è affacciato nella passata stagione, con magri risultati.

• Tanti giocatori da «palla in mano». Tendenza viva anche tra i tiratori, o presunti tali. Simon ama costruire dal palleggio, Sanders ha una fisicità che tende all’attacco al ferro, Hickman è comunque un play.

• Pochi tiratori, la conseguenza. Da qui l’attenzione sulle scelte di mercato. Jon Diebler, una volta chiuso il rapporto con l’Efes, pareva più utile di un Dragic. E tra i lunghi, un 4 perimetrale sarebbe stato possibile solo al posto di Macvan. Bargnani? E chi avrebbe difeso, visti i limiti di Raduljica?

• Assenza di un secondo centro? Ne parleremo in un post apposito.

(5/5, fine)

Alessandro Luigi Maggi

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...