La Corte di Giustizia UE si esprime sul calcio. EuroLeague ora può tremare?

La Corte di Giustizia Europea si è espressa sulle posizioni di FIFA e UEFA in merito alla Superlega calcistica

La Corte di Giustizia Europea si è espressa sulle posizioni di FIFA e UEFA in merito alla Superlega calcistica, e questo punto di vista può avere un peso anche sui destini del basket europeo. Ne parla oggi Tuttosport.

Di cosa parliamo?

Athanasios Rantos è avvocato generale della Corte dell’UE. Interpellato sulla diatriba che spacca da alcuni mesi il calcio europeo, ha dovuto esprimere un parere “non vincolante”. Da una parte FIFA e Uefa, dall’altra la Superlega promossa da Real Madrid, Barcellona e dall’ormai vecchia dirigenza della Juventus.

Quando depositato è illuminante, e citiamo quando scritto da Marco Bellinazzo sul Sole 24ore: «I club fautori della Superlega sono liberi di istituire la propria competizione calcistica indipendente, ma non possono contemporaneamente continuare a partecipare alle competizioni calcistiche organizzate da Fifa e Uefa senza il consenso di queste ultime».

Urgono un paio di precisazioni. FIBA e UEFA detengono nel calcio il monopolio per l’autorizzazione e l’organizzazione delle competizioni internazionali di calcio professionistico in Europa.

La FIBA ha una forma simile, tenendo conto che in Europa ha FIBA Europe. Entrambe hanno strutture piramidali, che dall’attività giovanili e dilettantistiche arrivano sino ai massimi campionati nazionali sul principio del merito sportivo.

Ma da inizio millennio la massima competizione continentale per club è in mano alle società, dunque il “monopolio” è decaduto da tempo. Da quando lo scontro si è riacceso all’inizio dello scorso decennio, da una parte abbiamo la FIBA che ha cercato di riprendersi in mano l’organizzazione, creando quella BCL che inizialmente prevedeva anche una serie di licenze pluriennali per i top club, e dall’altra EuroLeague, che ha messo in piedi una competizione d’elite ma con qualche problema di sostenibilità economica.

Questo parere rimescola le carte anche nella pallacanestro?

5 thoughts on “La Corte di Giustizia UE si esprime sul calcio. EuroLeague ora può tremare?

  1. Vabbè si abbandona la LBA, che problema c’è per Milano?
    O si crea una società satellite per la LBA.
    Vale anche il viceversa: la FIBA non può pretendere che tutte le società di sto mondo partecipino esclusivamente a competzioni targate FIBA, e non può obbligare i club che partecipano a competizioni non FIBA a concedere i propri giocatori per competizioni FIBA.
    Come sempre bisogna sedersi e parlarne e trovare un accordo, quando qualcuno pretende e basta non è mai giusto.

  2. Se la Uefa fosse stata miope come la Fiba che nel 2000 lasciò la porta aperta a Uleb e creò l’Eurolega provocando una scissione nelle competizioni europee, ora ci sarebbe una Superlega di calcio che funzionerebbe bene quanto l’Eurolega basket.

    Guardando avanti, per me è più facile uno sviluppo di Eurolega coi club licenziatari che smettono di competere nei campionati nazionali, che una restaurazione FIBA. Perché tutti i migliori club europei stanno in Eurolega, chi con licenza pluriennale, chi con licenza annuale.

    Se nel calcio le migliori società europee (le tre italiane, 4 spagnole, 4-5 inglesi, 4 tedesche, un paio di francesi, l’Ajax in Olanda etc) uscissero dalla Champions League per disputare la Supelega, la manifestazione Uefa diventerebbe un flop colossale perché tutti i media sarebbero puntati sulla Superlega esattamente come si fa nel basket con Eurolega. Petrucci ha provato ad escludere dalla LBA le squadre Eurolega ed Eurocup quando è nata la Champions League FIBA che scimiottava la Champions calcistica ed è uscito scornato, per cui non è detto che i club calcistici dell’eventuale Superlega debbano rinunciare ai campionati nazionali.

    Semplicemente, la sentenza di fatto non vieta la Superlega, ma le squadre partecipanti non potranno partecipare alle Coppe Uefa. Ma se il meglio del calcio stesse in Superlega come il meglio del basket sta in Eurolega, essere estromessi dalla Champions League calcistica lnon fregherebbe niente a nessuno, tranne alla Uefa che perderebbe soldi.

    1. Sono pienamente d’accordo con te, aggiungo solo che a differenza del basket dove i grandi club hanno trovato una quadra per dare vita all’Eurolega, nel calcio ciò è difficilmente ipotizzabile per i troppi interessi economici che ruotano intorno al calcio e per l’egoismo dei top club.

  3. abbandonare lba dove ogni tanto qualcosa si vince non ha senso per fare solo l’euroleague dove non si vincerebbe mai, o Armani trova altri sponsor per arrivare ad un budget di almeno 50 milioni o ritengo inutile e deleterio fare solo l’euroleague.

  4. Sul fatto che EL funziona bene, ci sarebbe da discutere. Basterebbe quardare i bilanci. I presupposti iniziali erano ben diversi

Comments are closed.

Next Post

Billy Baron: Andare avanti, guardare avanti

Serata da 19 punti per Billy Baron, tripla decisiva compresa in quel di Belgrado. Per la guardia anche 2 rimbalzi e 2 assist
Billy Baron

Iscriviti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: