Un semplice giudizio sul roster Olimpia Milano: Billy Baron

Il nostro viaggio nel nuovo roster dei campioni d’Italia ci porta oggi alla scoperta del tiratore americano, proveniente dallo Zenit

Terzo appuntamento con la nostra analisi sul nuovo roster dell’Olimpia Milano, che dal 24 agosto inizierà i propri lavori per andare a caccia del 30° scudetto e delle Final Four di Eurolega. Oggi parliamo di un nuovo acquisto: Billy Baron, proveniente dallo Zenit San Pietroburgo ed ha firmato un contratto biennale con la società biancorossa.

Olimpia Milano roster | Cosa può dare Billy Baron

Tiro da fuori – È uno dei migliori tiratori d’Europa ed è questa la principale caratteristica per cui è stato inserito nel roster dei campioni d’Italia. Lo spot dove l’anno scorso è mancato Troy Daniels.

Dinamico – Pur preferendo una conclusione uscendo dai blocchi, l’esterno americano è in grado di crearsi un tiro con efficacia anche per conto proprio, attaccando il proprio difensore.

Difesa – A differenza di altri tiratori, Baron è un discreto difensore. Il fisico gli permette di non andare in difficoltà con la maggior parte degli avversari diretti, in particolare sul pick and roll. Certo, se viene attaccato direttamente dal palleggio, può andare in difficoltà.

Olimpia Milano roster | Le criticità per Billy Baron

Top team – Per la prima volta nella sua carriera è in una squadra a caccia della vittoria in Eurolega, quindi con pressione importante. Anche se ha già vinto da MVP un titolo in Lega Adriatica.

Playmaking – Il suo ruolo è un altro, anche se spesso i ‘2’ danno una mano a portare su il pallone. Baron può andare un po’ in difficoltà se utilizzato da playmaker.

11 thoughts on “Un semplice giudizio sul roster Olimpia Milano: Billy Baron

  1. Aspettiamo tutti di vederlo giocare da noi, credo, con attese e curiosità, una specie di Michael Roll potenziato, per rifarsi a l’ultimo giocatore in quel ruolo che abbiamo amato e apprezzato per l’impegno.
    Da Bill Baron ci aspettiamo ancora di più che il semplice impegno.

    Entra a giocare in un sistema offensivo che è molto costruito per giocatori come lui, spero che questo lo incoraggi a sentirsi bene, a sentirsi a casa, e quindi a dare tutto quello che ha.

      1. Mah… Bertans lo ricordo con un senso di delusione – non mi pare che da noi abbia mai veramente inciso.
        Diciamo che si è giovato della fama del fratello, da cui però in campo si è rivelato piuttosto lontano.
        Bertans lo ricordo piuttosto disordinato in campo, e nel mio ricordo con una tendenza a fare le scelte sbagliate – che è tra i peggiori difetti, secondo me.

        Roll invece è sempre stato meno brillante, ma molto solido, disponibile a sacrificarsi per la squadra, accanito difensore nei limiti del suo fisico, e se non sbaglio per un periodo s’è prestato perfino a portare palla.
        E poi il suo tiro in uscita dal ricciolo era letale

      2. No dai, Bertans non è mai stato veramente un punto di riferimento. Roll per il minutaggio che aveva ha sempre dato certezze. Per me se Baron portasse quell’apporto già sarebbe ok, si tratta di allungare le rotazioni in modo significativo.

      3. Fisicamente anche io direi Roll, che ricorda molto. Spero che abbia la stessa diligente professionalità di Michael, un giocatore mai sufficientemente apprezzato a Milano. Un’eredità non facilissima per Billy!

  2. L’obiettivo per Baron? Diventare il nostro Hall bianco, un mister utility certo con meno stazza fisica, che giostra su 1 e 2, invece che il buon Devon che svaria da 1 a 3

    1. Stanno aspettando che si liberi dal Cska Mosca, per non pagare nessun buyout, stile Pangos.

  3. Baron .. posso solo esprimere un giudizio per quello che abbiamo visto quando era avversario. Ottimo tiratore in grado di costruirsi i tiri anche da solo cosa che Daniels (pur essendo una sentenza al tiro .. non sapeva fare .. piedi per terra in direzione del canestro e meccanica di tiro perfetta ma lenta e con le difese del continente europeo …). Capace di giocare 1c1 finalizzando e sapendo attaccare bene il ferro. Buon passatore soprattutto in fase di penetra e scarica, meno in quella nella fase di portatore palla che lo ha visto spesso coinvolto allo Zenit. Buon fisico veloce e capace di reggere urti fisici tra guardie sebbene non eccella in altezza. Difensore quanto basta senza strafare 😂 lo scopriremo pian pianino anche alla luce di quello che Messina gli chiederà. Tra Hall lui e Tonut dovremmo essere tranquilli anche sulle rotazioni. Buon basket a tutti

Comments are closed.

Next Post

Gigi Datome e il concerto di Patti Smith: Un'amicizia nata con la figlia

Gigi Datome torna sulla sua partecipazione al concerto di Patti Smith. Si parte con una battuta: Ha cercato il miglior chitarrista in Italia
Gigi Datome Patti Smith

Iscriviti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: