Gigi Datome a Tutti Convocati: Con Milano parleremo di obiettivi e di ruolo

Alessandro Maggi 18

Gigi Datome è intervenuto a Tutti Convocati, Radio24, per parlare anche di futuro. L’ala sarda è infatti in scadenza di contratto

Gigi Datome è intervenuto a Tutti Convocati, Radio24, per parlare anche di futuro. L’ala sarda è infatti in scadenza di contratto dopo la conquista del primo scudetto da protagonista della sua carriera.

«Piani per il futuro? Porto la famiglia a Napoli, luglio in vacanza in Sardegna, poi la Nazionale, poi la prossima stagione…farò ancora il giocatore di basket. A Milano? Ora sono free agent, parleremo di obiettivi e del ruolo che posso avere».

18 thoughts on “Gigi Datome a Tutti Convocati: Con Milano parleremo di obiettivi e di ruolo

  1. Mi sembrano dichiarazioni un po’ fredde, Hines ha detto varie volte di sperare di rimanere a Milano, Rodriguez forse andrà via ma ha avuto belle parole per la città e la squadra, Datome mi pare più freddo, non a caso si è definito free agent. Dopo tutte il tempo che lo abbiamo aspettato, poteva spendere qualche parola in più.

  2. Anch’io sono sorpreso: dalle lacrime al free agent in 36 ore, è un bel salto. Cmq mi piacerebbe che tutti gli italiani venissero confermati. Aspettando Tonut.

  3. Tutto dipende dai soldi, io rinuncerei a pangos pur di fare un annuale per tenere Gigione.

  4. Io, invece, non rinuncerei a Pangos per rinnovare Datome per un anno, anche per una questione anagrafica.
    Datome giocherà a Milano l’anno prossimo se accetterà le condizioni poste da Milano, perché si deve rendere conto che l’età avanza pure per lui e non ha più il fisico per reggere una stagione da 90 partite e credo che ciò si è ampiamente visto nelle ultime due stagioni.
    A differenza del Chacho e di Hines, per l’eventuale conferma di Datome molto dipenderà dall’aspetto economico, perché gli obiettivi di Milano, di cui lui accenna, non sono ne cambiati me messi in discussione e vanno in una dimensione ancora più grande rispetto ai precedenti.
    Le uniche squadre in Italia che si possono permettere il suo stipendio siamo noi e la Virtus.

  5. Mah, pensavo ci fosse una bella storia tra Datome e Olimpia, evidentemente non cosi bella per impedire a Gigi di citare il suo status di free-agent (un pò cinico)…….vabbè, nel caso, arrivederci e grazie

  6. Effettivamente un po’ di calore in più avrebbe fatto piacere, tipo ” sono in scadenza di contratto ma spero con tutto il cuore di restare…” in ogni caso spero resti!

  7. forse vi dimenticate i 23 punti in gara 6, non penso si debba chiedere di fare 90 partite, e comunque anche Hines, sempre chapeau davanti a lui, ma ripeto anche Hines non penso prenda poco, non lascerei andare via Gigione, e poi non rinuncerei a grant, che con pangos e mitrou long non avrebbe spazio, sempre a mio modesto parere.

    1. Nessuno dimentica i 23 punti in gara-6, però bisogna anche considerare che il suo fisico, da anni, non è più integro e va gestito, per cui sarebbe giusta la scelta della società per un rinnovo al ribasso. Poi ovviamente sta al giocatore accettare o rifiutare. Il paragone con Hines non sta in piedi perché Hines in 2 anni da noi non ha mai avuto acciacchi fisici.

  8. Non voglio fare l’avvocato di nessuno ma non mi pare abbia detto niente di particolarmente censurabile.
    C’è’ chi tira in ballo la famiglia,chi si definisce ‘free agent,chi tempo addietro non sapeva se sarebbe restato o no ( ha da poco rinnovato…),alla fine sono tutti professionisti ed e’ ovvio(come faremmo pure tutti noi)che cerchino di spuntare le migliori condizioni.Come sempre Gigi usa un tono misurato ed accomodante,
    realistico,senza troppi inutili orpelli,da persona per bene quale ha dimostrato di essere a Milano,poi se tra lui e la società non ci sarà un accordo ce ne faremo una ragione come per Sergio e chiunque altro.
    L’Olimpia sempre prima di tutto e di tutti.

  9. Gigi e’ un monumento e un’importante pedina di leadership e esempio per il gruppo. Da li’ pero’, sotto il profilo puramente atletico, l’occhio esperto coglie le avvisaglie dei primi cracks di un corpo che non si muove più’ come una volta, esposto e vulnerabile a infortuni, e che richiede una diversa gestione. Rimangono solidi l’action dal perimetro, entro certi limiti il mid-post game, e un indiscusso “basketball IQ” che lo rende utilissimo per qualsiasi team che cerca gravitas e esperienza. Potrebbe pagare un declino difensivo, atletico e di efficienza in attacco se non gestito bene in carichi e minutaggio, quindi un calcolo difficile in termini costi/ingaggio e benefici. Ma dovrebbe essere riconfermato, chiudere con un titolo EL a Milano sarebbe una bel coronamento per tutto quanto ha dato al gruppo in questi anni

  10. Penso che entrambe le parti vogliano proseguire il rapporto, l’Olimpia presumo proporrà un ritocco verso il basso all’ingaggio, Gigi come da sue parole vorrà capire quale potrebbe essere il suo ruolo nel roster. Non dovesse trovarsi un accordo sono abbastanza convinto che deciderebbe di chiudere la carriera in Sardegna.
    Personalmente lo ritengo fiugra molto importante all’interno dello spogliatoio, però non si può far finta di non vedere i numerosi acciacchi nel corso della stagione e un ritocchino all’ingaggio verso il basso sarebbe corretto.

  11. Non è più giovanissimi, deve monetizzare. A Milano non potrà certi avere un ruolo primario e ka stagione è lunga e usurante. Me lo immagino in qualche squadra di EL, all’estero, per il prossimo anno. Giusto così. Spiace, ma dobbiamo costruire il futuro. Grazie Gigione, per tutto. Buona fortuna.

  12. Non vedo niente di grave in quanto detto da Datome, ognuno ha il suo modo di esprimersi.
    L’attaccamento alla maglia l’ha mostrato non ultimo in gara 6 e alla premiazione.

    Comunque non ci sarà nessun problema e resterà, ne sono sicuro.

  13. Non capisco tutto questo clamore. Anzitutto esistono due parti: se l’Olimpia avesse considerato Datome insostituibile avrebbe proposto un prolungamento, quindi “sono free agent” vuol dire tutto e nulla. E poi è normale che voglia capire il tipo di ruolo e dove vuole andare l’Olimpia, non mi sembra una cosa folle.

  14. Gigi dice che vuole capire dove vuole andare l’Olimpia. L’Olimpia (per voce del Coach supportato dal patron Armani) vuole giocare la finale di Eurolega e vuole la terza stella. Quindi l’Olimpia non molla di un centimetro ma anzi rilancia prendendo il buono di questo triennio per migliorarsi. Bisogna capire quanto Gigi può essere funzionale al progetto, perché ok, la gara decisiva dei playoff l’ha giocata benissimo, ma tutto il resto della stagione? 90 partite le regge solo tra un infortunio e l’altro, e non è colpa di nessuno se non dell’età che avanza. Per cui dato che aveva un ingaggio importante, se resta deve accettare una potatura, se invece vuole monetizzare altrove in €Lega lo scudetto vinto, tantissimi ringraziamenti, saluti e buona fortuna.

    (Che poi è lo stesso motivo per cui sono contrario a un prepensionamento di lusso del Gallo in Olimpia a 37-38 anni, reduce dall NBA con fisico indebolito da 20 anni di basket professionistico.)

  15. Ieri piange x l’emozione oggi è solo un giocatore free agent. Datome ha un modo di pensare complicato e farraginoso. Se da un lato si emoziona ma non ha + fame di altri trofei italiani, dall’altra pensa a fare altro nel basket e solo temporaneamente 1-2 anni ancora a fare il giocatore. Insomma, l’ha buttata in caciara. Aspetta proposte che vaglierà. Auguri comunque vada e grazie Gigione.

  16. Gigi sarebbe determinante ma con un ruolo da specialista con minutaggio contingentato per avere una squadra di alto livello. Purtroppo fisicamente linea anche lui quel che può dare facendo parte dell’Olimpia. Ma lo sa pure lui, penso, da persona intelligente.

Comments are closed.

Next Post

Ecco le ammende delle LBA Finals 2022: la Virtus comanda con 2.500 euro, per Milano 1.000

Pubblicati i provvedimenti del Giudice Sportivo sulle LBA Finals 2022. 2.500 euro di ammenda alla Virtus Bologna, 1.000 all’Olimpia Milano
Olimpia Milano vs Virtus

Iscriviti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: