L’Olimpia Milano prima dorme, poi scopre di avere paura: è 2-0, e il Forum fa la differenza

Una Milano sonnacchiosa nel primo tempo rischia grosso con Sassari, uscendo vincitrice nella corrida della ripresa con le giocate di Shields, Hall e Rodriguez

Una Milano sonnacchiosa nel primo tempo rischia grosso con Sassari, uscendo vincitrice nella corrida della ripresa con le giocate di Shields, Hall e Rodriguez. Passo indietro rispetto alla prima sfida, ma il Forum torna a fare la differenza.

91-82 il finale, serie sul 2-0.

La partita

Dinamo che almeno inizialmente non pare voler modificare il copione, con Sergio Rodriguez libero di agire, e Kyle Hines padrone dall’altezza del tiro libero sino al ferro. Il problema è che Milano, dal 7-2, non segna, producendo nel primo quarto un 7/19 complessivo (la prima tripla arriverà dopo 16′, Datome colpirà dopo 6 errori in fila).

Il 22-18 del decimo minuto è quindi un’occasione persa, un rifiuto della tanta grazia di una Sassari che in difesa non sa prendere le misure, toccando il bonus dopo soli 2′ del secondo quarto e concedendo ai biancorossi 13 liberi in fila.

Tuttavia, se si dorme sotto l’albero di Natale, alla fine qualcun altro si prende i regali. O, quanto meno, se li riporta a casa. David Logan legge la sonnacchiosità dei padroni di casa, prende le misure, e deflagra nel parziale di 10-0 che ribalta il secondo quarto, arrivando al 41-49 dell’intervallo con 10 punti sul personale tabellino.

Sono colpe capitali e imperdonabili a questi livelli, perchè Sassari si nutre degli errori di Milano trovando certezze. Così se l’Olimpia parte con due triple dando la sensazione di poter subito rivoltare la gara, Sassari risponde con i tagli di Bendzius che arriva con facilità al ferro (anche 4 triple per lui), e quando c’è il sorpasso sul 62-61 con le fiammate del Chacho, ci pensano Bilan e Gentile ad arrivare con continuità in lunetta.

E’ un quarto quarto da corrida, dove Milano prova a fuggire con le triple in successione di Baldasso e Hall, e Sassari risponde con le giocate di Logan e una grande pressione in raddoppio sul p&r dei portatori di palla di Messina.

A 2.24 Shields appoggia l’84-79, quindi dopo l’1/2 di Bilan dalla lunetta trova un’entrata delle sue per il canestro e fallo, e sull’errore dalla lunetta Melli vola e il Chacho inchioda la tripla che fa esplodere il Forum.

29 thoughts on “L’Olimpia Milano prima dorme, poi scopre di avere paura: è 2-0, e il Forum fa la differenza

  1. Attendo di vedere pagelle e commenti dei tifosi. Unica cosa positiva: il risultato. Il resto, veramente poca roba da salvare. Gioco pessimo, isolamenti e tiri che stavolta sono entrati, ma che se non entrano, perdi.

    1- Logan, Bendzius, Bilan: sembrava di avere davanti Larkin Micic e Pleiss…. Ecco, qualche domanda me la farei.

    2- Condizione fisica assolutamente improponibile: non tenevamo un 1vs1 che fosse uno. Sistematicamente saltati per 35 minuti, o raddoppi sotto canestro hanno aiutato. Se no era un massacro.

    3- Non possiamo permetterci di regalare un americano: se Grant non è affidabile in tutti i match, facciamolo ruotare. Daniels in questo gioco di prendi e spara può avere un suo senso: davvero lo escludiamo per tutti i play-off? Anche contro difese che lasciano spazio al tiro? Non sono d’accordo. Va inserito nel contesto, eccome.

    4- Non sono pessimista, sono realista e un grande e vero tifoso di Milano: questa squadra non da fiducia, vive sull’equilibrio di qualche invenzione individuale, da l’idea di poter cadere da un momento all’altro. Domanda a voi tifosi: voi vi sentite tranquilli a tifare questa Olimpia, quando è indietro nel risultato? Io no. Sudo ogni volta…. E non è normale, in Serie A.

    5- Ora come ora, Bologna vince facile. Magari le cose cambiano, se ci inventiamo qualcosa…
    Forza Olimpia!

    1. Meno male che non sei pessimista. E’ che sei ansioso, vorresti ai play-off vedere vincere sempre di 30 punti altrimenti sudi e poi perdi l’equilibrio e non ragioni più.
      Perchè io ho visto che che alcune cose funzionano abbastanza bene: Baldasso che permette al Chacho di riprendere fiato, Biligha che nei pochi minuti che è in campo fa il suo, Shields che sta tornando in condizione.
      Poi abbiamo peccato di superficialità, grosso errore contro Sassari che corre e segna, ma invece di perdere con pazienza abbiamo recuperato e questo è un segnale della fiducia che ha la squadra.
      Ti ricordo che la Virtus la prima se non c’era Beli che l’ha risolta perdeva alla grande contro Tortona che ha sette giocatori in grado di stare in campo .
      Per cui forse è meno drammatica di come la dipingi

      1. C’è una differenza enorme tra il pessimismo e il realismo. Non vedere le difficoltà di gioco che abbiamo in questo momento significa far finta di nulla. Spero di sbagliarmi, ripeto, ma quando il gioco non è fluido, quando si viene battuti sistematicamente in 1 vs 1 e quando ci si affida alle soluzioni individuali, o hai giocatori come Larkin Micic Belinelli che vincono da soli, e noi non li abbiamo, oppure difficilmente porti qualcosa a casa. Vediamo tra un paio di settimane. Se poi per te tutto è perfetto, giochiamo bene e tu ti senti forte e tranquillo , abbiamo un altra maniera di vedere e intendere il basket. Buona giornata

      2. Purtroppo molti confondono il realismo per pessimismo, e chiunque muova una critica passa per pessimista, loro vedono sempre il bicchiere pieno perché sono ottimisti a prescindere.

      3. Caro Fra84 credo che le partite ai play-off non siano lineari ne semplici.
        Se la riguardi loro hanno fatto un break nei soli tre minuti in cui non abbiamo giocato e questo con il quintetto titolare. Con Sassari sbagli tre tiri e gli lasci la transizione e ti punisce. Poi però abbiamo recuperato con l’apporto di tutti. Abbiamo anche oggi segnato 90 punti quindi l’attacco funziona. E’ tutto perfetto? No ma alla fine della stagione giocando ogni due giorni la perfezione non esiste, ma esiste la “resilienza” cioè la capacità di venirne fuori anche se si fanno errori e questo mi sembra ci sia.
        Vinceremo contro Bologna? Non lo so ma sono sicuro che fra due squadre forti e con tanti campioni in grado di risolvere le partite vincerà chi farà meno errori ..vedremo ma ti assicuro che dovremo sudare molto, quindi preparati

    2. Fra84, isolamenti e tiri che stavolta sono entrati? Datome, con un’ iniziale 0 su 6 ( più unico che raro ). Condizione fisica, assolutamente improponibile? Sinceramente, Rodriguez, Hall e Shields, non mi sembravano così giù di corda…Solo 13 punti, concessi a Sassari, nell’ ultimo quarto : forse, fisicamente, erano messi peggio, gli avversari. Olimpia Milano, quando è indietro nel risultato? Fine primo tempo, -8. Risultato finale +9. Se poi, hai la pretesa, di vincere tutte le partite, con 20 punti di scarto, ti segnalo che nemmeno l’ ” inarrivabile ” Virtus, è capace di tanto. ( gara 1 con Pesaro e Tortona )

      1. Beh, dire che Bologna in finale la vince facile non si può dire che è realismo… e definire improponibile la condizione fisica lo trovo un po’ estremo. Quanto al fatto che non sia normale sudare almeno un po’ alle semifinali di playoff è pretendere un po’ troppo, storicamente sono rarissime le squadre che almeno non ti abbiano fatto scendere qualche gocciolina, anche perché senza quelle sarebbe abbastanza noioso. Poi chiaro, se contro Bologna giochi come gli ultimi minuti del secondo quarto ciaone, ma vale anche l’inverso: se Bologna gioca con noi come in gara1 contro Tortona siamo tranquilli. Ma così non sarà, la finale vedrà un’intensità completamente diversa rispetto alle semifinali. Non vedo l’ora!

    3. Se pensi questo della gara di ieri sera non oso immaginare cosa hai pensato dopo gara-1 di Bologna con Tortona… Sempre per il realismo eh.

  2. Giocata male anzi giocata molto bene da Sassari che poteva fare il colpo per fortuna sono arrivati col fiato corto d noi abbiamo trovato le giocate giuste da parte del Chacho che aveva perso qualche pallone di troppo. Bene così aver vinto giocando male contro Sassari poi e un buon segno. A Sassari bisognerà passare meglio la palla e perdere meno palloni tirando meglio soprattutto da tre

  3. Ero sicuro che avremmo vinto, mai dubitato, era solo questione di svegliarsi.
    Squadra che dà l’impressione di essere molto difficile da battere.

    Una cosa sul chacho: sentirlo parlare italiano, ho già la nostalgia di lui…

  4. Se non fosse stato per Paternicò avremmo fatto una bella fatica, per fortuna il buon Carmelo ci ha dato una mano. Forza Olimpia!

  5. Ma come fa il Chacho a non rimanere qui l’anno prossimo. E’ il capitano; ha imparato anche l’italiano e poi tutto il forum oggi tifava x lui. Deve rimanere

  6. Signor Fra84 ho letto tra le sue righe alcune osservazioni molto interessanti e pertinenti ma non condivido in alcuna maniera le sue legittime conclusioni.
    Anzi mi associo completamente al signor Leonardo ed alla sua convinzione che avremmo certamente vinto e così e’ stato.Del resto siamo pur sempre in una semifinale di campionato contro una squadra che se può sviluppare il suo gioco può mettere in crisi chiunque come si e’ visto quando ha travolto pure quella Virtus che molti ( non io ,ne’ Doc 63) ritengono ancora la favorita.
    DOC 63 :MENO 5

    1. Quello che trovo evidente è la nostra scarsa condizione fisica. Quando vieni battuto sistematicamente in 1 vs 1 per 35’, bisogna farsi delle domande. A Novembre – Gennaio, eravamo impenetrabili dietro, e arrivavamo sempre prima sul pallone. Oggi, è l’esatto opposto.

    2. Ogni volta che vedo un tuo post (mi permetto di darti del tu), ho un tuffo al cuore leggendo il tuo Nick che mi riportano al mio caro papà. Bogoncelli a Miliani Reina Rubini Sforza e poi Stefanini Pagàni Gamba .. persino al massaggiatore Bassetti !!! Un saluto

    3. Hai dimenticato il sottoscritto, perché io sono sempre stato convinto che noi siamo superiori alla Virtus.
      Bene così: -5

  7. Togliete il passaporto al Chacho così non può uscire dall’Italia. Qualche segnale di ripresa … nella ripresa .. di Melli … dai Olimpia

  8. Penso che oggi siano entrati in campo poco concentrati e il +7 iniziale non ha aiutato. Poi Sassari ha fatto 29 punti in 4 minuti con dormita generale. Quando ci siamo riconcentrati nel secondo tempo è stato +17.
    Mi aspetto di chiuderla in scioltezza mercoledì. Sassari oggi ha dato tutto. Magari Kell lo proverei se sta bene giusto per fare assaggiare atmosfera play-off . Sul fatto che la Virtus sia più forte ricordo la loro prima con Tortona.

  9. partita non bella, 20-6 che non si può vedere in casa con Sassari, ma è finita bene, quindi avanti verso la finale.
    Detto questo, con Bologna temo ci vorrà ben altro non per vincere, ma per non essere ancora travolti
    Se Melli e Shields recuperano condizione e se Chacho e Datome ce la fanno fisicamente, c’è la possiamo fare a non essere travolti, per vincere ci vorrà molto di più difensivamente e a livello di concentrazione e cattiveria
    Sono cero al 100% che ci proveranno con tutte le loro energie e spero c’è la possano fare.
    Poi l’anno prossimo credo e spero aggiusteremo il roster.
    Sempre forza Olimpia!!!

  10. Giocare 9gni due giorni e tenere rendimenti elevatissimi non è facile. Mai avuto impressione di poter perdere. Grant ha fatto il suo ma ha avuto poco spazio. Dopo 10 minuti e un secondo Messina aveva già ruotato 11 giocatori (Alviti sta in panca solo perché è italiano): buon segnale.
    Forse una gara a Kell la darei anche io anche se è importante difendere forte sui piccoli e Grant garantisce meglio questo aspetto. Bologna: ci penseremo quando saremo in finale. Non partiremo favoriti ma questo potrebbe anche essere un piccolo vantaggio. Bendzus meritava due tecnici per aver fatto fallo dopo il fischio degli arbitri

    1. Capisco tutto, ma lamentarsi degli arbitri anche no. Paternico’ ha giocato a senso unico.

  11. Ricambio cordialmente il saluto al signor Olimpia Milano 1936.
    Quanto al resto mi associo totalmente alla acuta osservazione del signor Iellini riguardo Baldasso ed il fatto che abbia garantito di poter avere Sergio a pieni giri quando contava.

  12. Mi associo con chi ha scritto che il vero problema è stato l’approccio superficiale e che il 7-0 iniziale abbia inculcato in qualcuno (chacho) che si poteva vincere facile. Non condivido chi parla di scarsa condizione fisica, altrimenti non si vince il 4^ quarto di 10. Le cose positive sono state Baldasso e rivedere Melli con Hines nell’ultimo periodo, guarda caso Sassari ne ha segnati solo 13. Infine ritengo normale che in una partita punto a punto, alla fine le rotazioni le fai con 7/8 giocatori, non con 10 o 11.

  13. Ieri sera per oltre tre quarti ci hanno fatto penare e hanno giocato anche bene.
    Sassari come sempre squadra indigesta che conferma che la serie è tutt’altro che finita.
    Alla fine la vincono i fuoriclasse con assíst e cesti, come è successo anche a Bologna, è sempre successo e sempre succederà.
    Non ho capito perché Bucchi non ha messo Burnell su Shields che si è mangiato vivo il povero Kruslin.
    Buon per noi.
    Chacho da incatenare a Milano e sequstrargli il passaporto.

  14. Più difficile del previsto, sorprende, ma fino ad un certo punto, sappiamo che Sassari è squadra che va a fiammate, e quando si accende, incendia; noi, con Melli che inizia a carburare, possiamo solo che migliorare

Comments are closed.

Next Post

Olimpia Milano vs Sassari#2 | Il Tabellino di una gara complicata

Il tabellino di gara-2 tra Olimpia Milano e Dinamo Sassari: una gara che i biancorossi vincono nel finale, soffrendo

Iscriviti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: