Christos Stavropoulos: È una competizione alterata, ma non potevamo fare altro

Christos Stavropoulos, GM di Olimpia Milano, ha commentato le ultime decisioni di Euroleague con la sospensione dei tre club russi

Christos Stavropoulos, GM di Olimpia Milano, ha commentato per Repubblica-Milano le ultime decisioni di Euroleague con la sospensione dei tre club russi.

«È una competizione alterata, spiace tantissimo, ma non potevamo fare altro. Quanto meno, rispetto allo stop di due anni fa per Covid, la situazione è più chiara. Andremo avanti e vedremo se ci sarà lo spazio per riprendere regolarmente».

5 thoughts on “Christos Stavropoulos: È una competizione alterata, ma non potevamo fare altro

  1. No, caro Stravros, la competizione non può tornare regolare, la squadre russe vanno espulse, perchè da una guerra, che non è la sospensione della realtà,ma la rottura della stessa, non si torna indietro

    1. Non sono d’accordo sulla sospensione. Le squadre russe andavano escluse almeno per l’intera stagione, perché l’aggressione bellica della Russia è un fatto molto grave e la Russia deve patirne le conseguenze a tutti i livelli, politici, economici e sportivi. Inoltre, anche se si riammettessero le squadre russe tra un mese, 1) non ci sarebbe tempo per recuperare le partite 2) i giocatori stranieri che ormai hanno lasciato il paese difficilmente tornerebbero in Russia, per cui i roster delle squadre russe si presenterebbero alterati alla ripresa.

    2. Perfettamente d’accordo. Quando si vedono missili, sventrare abitazioni civili, oppure colpire lunghe code di automobili, che cercano solo di lasciare il Paese, non esiste nessun spazio, per tutto ciò che è riconducibile, allo Zar del Cremlino.

  2. Christos Stavropoulos, GM di Olimpia, dall’alto della sua esperienza, ha detto la stessa cosa che ho scritto io eri sera e che per questo sono stato tacciato come ipocrita. Ovviamente con parole diverse, perché Stavropoulos è un addetto ai lavori e fa parte di una società di Eurolega con licenza pluriennale, e non può usare termini troppo eccelsi, cosa che a noi tifosi, invece, è consentito.

Comments are closed.

Next Post

Zach LeDay: A Milano abbiamo vinto quasi tutto. E ho imparato a rialzarmi dopo una sconfitta

Zach LeDay, per tutti “zainetto”, si racconta a Donatas Urbonas su basketnews e torna sul suo passato a Milano
Olimpia Milano post Trento

Iscriviti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: