Ettore Messina: Vincere dà fiducia. Solo battere la Virtus nei playoff ci darà pace

Ettore Messina protagonista su Repubblica-Milano. Ecco alcune delle dichiarazioni rilasciate dal coach di Olimpia Milano a Luca Chiabotti

Ettore Messina protagonista su Repubblica-Milano. Ecco alcune delle dichiarazioni rilasciate dal coach di Olimpia Milano a Luca Chiabotti.

SULLA COPPA ITALIA

«Per chi ha grandi obiettivi, perdere la Coppa riempie la testa di dubbi. Vincere dà alla squadra fiducia e la serenità per provare ad elevare ulteriormente la qualità del gioco».

SUL CONFRONTO CON LE SUE SQUADRE DEL PASSATO

«Con la Virtus del Grande Slam di Ginobili e il Cska di Papaloukas e Smodis per la grande etica lavorativa e la coesione umana. Merito di quei 4 o 5 giocatori pilastro che si preoccupano non solo di quello che succede in campo ma, anche, di come vanno le cose in spogliatoio».

SUL RIENTRO DI MITOGLOU E SHIELDS

«Sarà un momento molto delicato, perché dovremo creare uno spazio per tutti in una maniera funzionale all’ottenimento di certi risultati e al mantenimento dell’energia di ognuno. Devon Hall e Nicolo Melli li abbiamo spremuti e dovremo usare l’abbondanza per gestire bene le energie mentali e fìsiche di chi ha tirato la carretta. Finora abbiamo ottenuto un certo equilibrio, ma col rientro di giocatori pesantissimi come Dinos e Shavon dobbiamo stare molto attenti».

SULLE FINAL EIGHT

«È positivo che il basket italiano scopra nuove realtà e non diventi solo Virtus-Olimpia. E credo che solo una eventuale vittoria nei playoff contro Bologna potrà portare a una pacificazione con noi stessi per l’insoddisfazione del risultato della finale dell’anno scorso».

4 thoughts on “Ettore Messina: Vincere dà fiducia. Solo battere la Virtus nei playoff ci darà pace

  1. Sottoscrivo quasi totalmente le dichiarazioni del nostro coach,sempre lucide e pertinenti.
    Con rispetto mi dissocio invece quando fa riferimento al valore quasi salvifico e taumaturgico di una vittoria in finale di lega italiana con la Virtus.
    Premesso che a me l’unica cosa che importa, parlando di campionato,e’ Il vincerlo (a prescindere dall’avversario in finale) ,quello che mi rode ancora ,e parecchio,e’ invece Il tiro cannato da Punter in semifinale di Eurolega.
    Io mi sento un po’ come i supporters calcistici del Real Madrid ,i titoli nazionali si contano ma solo le vittorie in Europa ti danno la gloria ed io aspetto da troppi anni di non parlare più solamente di Mike,Dino ,e Bob….

  2. “La nostra fede, la tua mentalità: hai le chiavi di questa città”

  3. In realtà ha semplicemente confermato che, dopo una stagione giocata come la scorsa, ovvero a livello clamoroso, la figura di m…. fatta in finale ha pesato a lui quanto ai giocatori e che per lui/loro sarebbe necessario vincere con la Virtus per essere sereni.
    Evidentemente se dovessimo vincere lo scudetto contro un’altra squadra che non sia la Virtus non sarebbe la stessa cosa.

    1. A me cambia zero: se la Virtus non riesce a fare finale giocando 3 su 5 o 4 su 7, significa che è inferiore a quella che l’Olimpia batterebbe in finale per vincere lo scudetto. La proprietà transitiva fa miracoli.

Comments are closed.

Next Post

Gigi Datome: A volto il modo di Messina non ti piace. Ma ti spinge alla perfezione, quel che volevo

Gigi Datome reduce da un successo in Coppa Italia da protagonista, commenta i temi caldi sul Corriere dello Sport
Olimpia Milano post Derthona

Iscriviti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: