Dan Peterson: Milano può vincere l’EuroLeague? Sì, ma dovrà essere in forma alla fine

Dan Peterson firma su La Gazzetta dello Sport l’editoriale: «Piccola ricetta per il futuro dopo l’impresa dell’Olimpia»

Dan Peterson firma su La Gazzetta dello Sport l’editoriale: «Piccola ricetta per il futuro dopo l’impresa dell’Olimpia».

Si parte da un assunto: «”Milano quest’anno può vincere l’Eurolega?”. Dopo una prestazione eccezionale come quella di martedì, sì. Certo, non c’è nulla di scontato nello sport. Ci sono i rivali. Ci sono altri inconvenienti. Ciò che fa sperare in casa Olimpia è che ha vinto non solo in una bolgia, non solo in trasferta, non solo con la favorita per il titolo: l’ha fatto senza due titolari, Mitoglou e Shields!».

Per arrivare ad una constatazione: «A vincere, alla fine, sarà la squadra più in forma nel momento che conta. Esempio? L’anno scorso l’Olimpia, favorita per il titolo, approdò alla finale scudetto con le pile scariche dopo aver perso la semifinale di Eurolega, mentre la Virtus Bologna arrivò in grande salute. Evinse 4-0».

Quindi, la conclusione: «Non sto suggerendo nulla a nessuno. Ogni allenatore conosce i propri uomini. Dico solo che Messina da qui alla fine deve saper leggere la situazione ogni giorno, avere un feeling con la squadra, ascoltare il suo staff».

5 thoughts on “Dan Peterson: Milano può vincere l’EuroLeague? Sì, ma dovrà essere in forma alla fine

  1. Pillole di banalità, anche il Barca aveva le sue assenze (compreso Higgins che era presente), che poi vinca chi arriva in forma al momento del dunque….ca va sans dire……non scomodate il piccolo grande Dan per estorcergli queste banalità

    1. Dan ha scritto sulla rosea di ieri il suo minieditoriale, poi c’erano altre due pagine dedicate all’Olimpia con l’intervista a 4 allenatori, Sacchetti, Recalcati, Tanjevic e Majkovic. sempre con lo stesso quesito, se può essere l’anno buono per un Eurolega by Olimpia, sull’onda della vittoria di Barcellona.

      E le risposte sono tutte in sintonia con Peterson, ossia che Messina è una garanzia e Melli pure, che certo l’Olimpia può farcela ma dipende ovviamente dallo stato di salute delle squadre alle final four.

      La premessa era che nessuno ha la sfera di cristallo, e infatti il prodotto finale dell’intervista a 4 più l’editoriale di Dan è una bella confezione di pillole di banalità, tipo che bisogna stare attenti al Real Madrid.

      Comunque fa sempre piacere che la rosea dedichi qualche pagina (pochissime) al basket, quando la pallavolo ha costantemente pagine intere ed inserti.

  2. Neanche tanto banale come concetto, visto che abbiamo perso uno scudetto per essere arrivati scarichi contro un avversario assolutamente alla portata. Poi magari qualcuno dirà che ne valeva la pena, capisco anche se concordo solo in parte, ma coach Dan sta dicendo che se vuoi vincere EL devi programmarti la stagione per farlo, che è diverso dal programmarti per fare i PO. Lui vinse così a Losanna, certo prese grossi rischi partendo piano contro l’Aris, ma loro avevano in mente il finale di stagione ed andò come previsto. Forse per vincere EL bisogna davvero fare un salto di ambizione e puntare a quello.

  3. Per vincere EL serve un salto di budget parametrato all’ambizione e prenderti i Mirotic del caso. Il budget attuale Olimpia non è alla pari delle bbig Barca e Real Madrid, e non è un’accusa perché la polisportiva Barcellona è sommersa da miliardi di debiti nel calcio e in Spagna se ne fregano per cui cosa importa avere un budget per il basket raddoppiato rispetto alla altre squadre. Quanto al mitco coach Dan Peterson ha preso delle batoste anche lui in carriera, ma ora a benificio dell’editoriale della rosea ricorda solo le volte che gli è andata bene, e ringraziando per l’Olimpia sono tante. Dan è un grande ma viene da un’altra era del basket, per cui quello che dice va preso col beneficio d’inventario e infatti non di rado spara discrete cavolate.

  4. Come tutti i grandi coach il mitico Dan ha vinto e ha perso durante la sua strepitosa carriera. Ma siccome ha vinto la Coppa Campioni con la nostra Olimpia per me puoi dire qualsiasi banalità perché chi vince ha sempre ragione. E poi quel successo per me rappresenta un ricordo indelebile perché abbiamo vinto proprio quando iniziai a seguire il basket tifando per le nostra beneamata Olimpia.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Next Post

EuroLeague, calendario in alto mare. Ben 19 recuperi senza una data

Si chiude oggi quel che resta del 20° round di EuroLeague. Ma qual è lo stato attuale della competizione a livello di recuperi?
Olimpia Milano Barcellona

Iscriviti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: