Virtus vs Olimpia Milano#4 | Le Pagelle di RealOlimpiaMilano

Punter, LeDay, Micov e il Chacho spettatori impotenti. Shields prova a rialzarsi, Messina insegue Djordjevic per 160′: le pagelle di ROM

Punter 4 – Una sfuriata in avvio, che illude. Poi è il solito KP0 di queste finals: soffocato da una difesa che gli oscura il cielo, costretto a forzature da fuori. Non riesce a leggere le situazioni, e probabilmente non ci vede più dalla fatica

LeDay 4 – Si salva tirando qualche schiaffo a rimbalzo, in attacco ci impiega il doppio del tempo a fare i suoi movimenti, letti alla perfezione da una difesa che lo divora.

Micov 4 – 16’ di nulla. Gioca tre ritmi sotto quel che richiede una gara che comunque non viaggia a 100 allora. Non è riuscito a riprendersi dai problemi di questa stagione, e probabilmente per lui arriva la fine più amara di un’esperienza eccellente a Milano.

Moraschini sv

Rodriguez 4 – Raccapricciante. Purtroppo. Senza voler infierire. Senza l’appoggio di Delaney si ritrova “nudo alla meta”, divorato da Pajola, senza le gambe per esplodere il ritmo. Chi “ringraziava” lo stop di Delaney dovrebbe farsi non una, ma quindici domande, oltre che aver peccato di buon gusto.

Biligha 6 – La grinta che ci vuole, in gare come queste. In attacco non può nulla, ma i suoi sono 11’ veri. Prima di dire che gli italiani di Milano sono impresentabili, pensate prima al buon Paul.

Cinciarini 6 – Messina lo butta nella mischia, subito. Lui risponde con una tripla e un assist, anche se è dentro i parziali che costano caro. Certamente, arrivati a gara-4, poteva aver spazio ben prima.

Shields 6 – Finale orgoglioso, non senza aver risolto le sue difficoltà, ma certo reagendo da campione orgoglioso con 16 punti e 10 rimbalzi. Per lui, le finali scudetto in Italia, restano un dolore.

Brooks sv

Hines 6 – Non è stata una gran gara per lui. Non ha fatto quel che ha sempre fatto. Ma ci ha provato. Non c’è sconfitta nel cuore di chi lotta.

Datome 6 – Altro campione orgoglioso, che dopo il pessimo primo tempo di gara-3 ha provato a reagire. Alla fine sono 10 punti, anche se non riesce a sovvertire la condanna.

Wojciechowski sv

Coach Messina 4 – Vista l’esperienza e la competenza non ha certo sottostimato una serie che si è tuttavia ritrovato a rincorrere, impotente. E dopo una stagione da ricordare, è questa impotenza a fare più male. A lui, e non solo a lui. Quel che è stato resta, quel che sarà avrà il sapore di una rivincita.

One thought on “Virtus vs Olimpia Milano#4 | Le Pagelle di RealOlimpiaMilano

  1. Una prova collettiva raccapricciante, carne da macello triturata ad hamburger dalla difesa virtussina. Palle perse a raffica come mai avevo visto

    Biligha stava facendo bene battendosi a rimbalzo in attacco e in difesa, ma poi volendo devastare il canestro virtussino con schiacciata catatonica, ha subito una stoppata impressionante (andatevela a rivedere) da Alibegovic: fine delle trasmissioni

    Salviamo Hines e Datome, generoso il 4 a Rodriguez ridotto all’incapacità di intendere e di volere, LeDay irrilevante: dopo il suo infortunio un po di tempo fa rendimento a picco

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Next Post

Dal profilo di Shaun Stonerook: 4-0? Certe cose non cambiano mai :):):):)

L’Olimpia Milano cade 0-4 con la Virtus Bologna, e questo è il post che compare sul profilo della bandiera della Mens Sana Siena

Iscriviti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Leggi articolo precedente:
Ettore Messina: Proveremo a tornare a questo punto della stagione pronti a competere

Le parole di Ettore Messina in una notte amara: Faccio i complimenti alla Virtus, sono stati bravi a ricompattarsi dopo...

Chiudi