La Gazzetta dello Sport titola: La Beffa più atroce

«La Beffa più atroce» titola la Gazzetta dello Sport oggi in edicola nell’articolo a firma Vincenzo Di Schiavi

«La Beffa più atroce» titola la Gazzetta dello Sport oggi in edicola nell’articolo a firma Vincenzo Di Schiavi. 

Questo l’attacco: «Indimenticabile. Comunque. Ci può essere delusione, ma non tristezza alla fine di una cavalcata europea che sa di nuova era e non di mesto epilogo. Il Barcellona tiene fede alle proprie premesse, ovvero cercare di riportare inCatalogna un trofeo che manca dal 2010. Ma non lo fa con la stessa ferocia delle due partite di stagione regolare, anzi«. 

«Serve alla banda Jasikevicius una magia di Higgins a 8 decimi dalla fine per oscurare il bellissimo secondo tempo di Milano che, padrona del campo con quintetti agili e tattici, toglie al Barça quel senso di superiorità scritto nel primo tempo. La tripla finale di un grande Punter non ha fortuna, ma va bene anche così. L’Olimpia esce dalla semifinale con la stessa sensazione di inizio stagione: poter competere con tutti, anche con i più forti, ovvero un roster costruito quasi su logiche calcistiche e illuminato da Nikola Mirotic, il migliore per continuità, mister 9 milioni a stagione».

Next Post

Olimpia Milano post Barcellona | Ingiusta amarezza prologo di una nuova, grande sfida

Olimpia Milano post Barcellona quasi muto, silenziato da un’enorme e ingiusta amarezza. Occhi sbigottiti come solo un colpo al cuore
Olimpia Milano post Barcellona

Iscriviti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Leggi articolo precedente:
La Visione del Guazz
La Visione del Guazz | Final Four: Punter, Higgins, Micov. Orgoglio e fede ma voglio morire adesso

Palla fuori, palla dentro. Sconfitta e vittoria. Il basket è uno sport cattivo, crudele, brutale. Bellissimo, perfetta rappresentazione della vita....

Chiudi