Luca Baraldi: Vincere lo Scudetto ci darebbe conforto sui nostri punti di riferimento

Torna a parlare Luca Baraldi, ad di Virtus Bologna: Abbiamo le idee molto chiare su quello che stiamo facendo e quello che faremo

Sentito ai microfoni di TRC, l’ amministratore delegato di Virtus Segafredo Bologna Luca Baraldi ha fatto il punto prima dell’inizio dei Playoff di LBA.

“Un momento importante della nostra stagione, la Virtus da sei anni non partecipa ai playoff e sono 14 anni che non arriva in finale. Il nostro obiettivo è quello di arrivare in fondo e dimostrare il valore di questo gruppo, dei giocatori, dell’allenatore, dello staff. Visto il momento importante è normale che il nostro coach ieri abbia avuto determinazione ed energia in conferenza stampa. Sono mesi in cui abbiamo parlato poco dopo momenti belli ma anche dopo momenti di dispiacere ma non pensiamo più a quello che poteva essere. Ci giochiamo uno scudetto, ci crediamo tutti e i primi a crederci sono il coach e i giocatori.”

Baraldi ha analizzato il momento di forma della squadra: “Il gruppo sta bene, ha fatto un ottimo lavoro, con Trento si è visto quanto ha pesato il lavoro fisico e dovremmo iniziare a beneficiarne da questa sera. C’è stato un carico di lavoro non indifferente. Gli stimoli sono importanti, anche l’intervento del coach è uno stimolo in più a fare bene soprattutto perché si sono lette tante cose nelle ultime settimane. Posso garantirci che noi abbiamo un allenatore, crediamo in questo gruppo di lavoro e francamente non stiamo dietro a quelle che sono voci o riflessioni che vengono fatte, in maniera legittima, dalla stampa. Abbiamo le idee molto chiare su quello che stiamo facendo e quello che faremo. Una vittoria del campionato ci darebbe conforto sui nostri punti di riferimento che in questi due anni abbiamo costruito. Siamo concentrati sull’obiettivo, ma del futuro ne parleremo dopo l’ultima partita che spero sia il più tardi possibile.”

Uno sguardo anche sul futuro che attende la Virtus e sui momenti decisivi della stagione, passati e futuri: “Il mondo del basket non è il mondo del calcio, ci sono contratti molto brevi e sono tutti abituati a lavorare in questo modo. Ciò porta forse a fare ancora meglio per convincere la società a prolungare questi contratti e questo è un aspetto positivo. Un esempio è Pajola: rimanere in una società come questa e in una città come Bologna è una cosa molto importante per dimostrare di meritare la conferma. Sono passati tanti anni dall’ultima volta che la Virtus non si giocava obiettivi importanti, sia a livello nazionale che internazionale. Le squadre che vincono sono abituate a vincere e quando passa un po’ di tempo bisogna riabituarsi a vincere. In alcuni momenti ci sono stati aspetti emotivi e psicologici che hanno influito negativamente: momenti importanti, che non sono stati assolutamente pochi. Questo non è frutto di mancata preparazione ma avviene perché dobbiamo abituarci di nuovo a vincere e questi playoff sono una grande opportunità. Mettere la maglia della Virtus è un punto di riferimento molto importante, è una maglia che pesa soprattutto a livello psicologico.”

Infine, l’augurio di riabbracciare finalmente i propri tifosi alla Segafredo Arena: “Mi auguro di avere i tifosi dalle semifinale se dovessimo riuscire a continuare il percorso che noi immaginiamo. Stiamo lavorando, gli ottimi rapporti con le istituzioni ci danno la possibilità di poter sperare anche se non dipende direttamente dalla Regione o dalle Autorità Sanitarie ma dipende dal governo. Aprono le palestre, riapre bene o male tutto, mi auguro che ci sia la possibilità ad inizio di giugno di aprire anche la nostra Arena, anche perché abbiamo già 1500 abbonati che hanno sottoscritto l’abbonamento quando poteva entrare il 20-25% degli spettatori.”

4 thoughts on “Luca Baraldi: Vincere lo Scudetto ci darebbe conforto sui nostri punti di riferimento

  1. Mi piacerebbe vederli in finale. Che trattino la vittoria del campionato semplicemente come validazione dei loro punti di riferimento mi sembra delirante però.

  2. Ha ragione per lui è l’unico modo per salvare la sua poltronq

  3. La V è stata molto fortunata negli incroci, Treviso è più abbordabile di Trento e giocare contro Brindisi con i recenti problemi (ammesso che superi Trieste, cosa che non dobbiamo dare per scontata) mi sembra meglio che affrontare Venezia o anche Sassari. Loro possono davvero arrivare freschi in finale con doppio 3-0.

  4. io dico che Virtus non arriverà in finale. Primo perchè Brindisi, anche se non al 100%, è certamente al livello di Bologna. Secondo perchè, a mio giudizio, hanno perso un po’ di unità e fiducia nel gruppo. E le voci di sostituzione dell’allenatore, di probabile rivisitazione dell’intera ossatura della squadra potrebbero non aiutare a gestire con serenità i momenti importanti che questi play off dovrebbero palesare. E aggiungo anche che la poca tranquillità dimostrata dal trio slavo (i due play e il coach) in molte partite può essere un ulteriore limite.
    Certo hanno una squadra completa, che può ambire alla finale. Ma mi sembra di percepire qualche crepa.
    vedremo.

    Non so e Trento sia davvero meno abbordabile di Trieste. Sicuramente Trento è molto più fisica

Comments are closed.

Next Post

Olimpia Milano vs Trento | Tornano Delaney e Datome, ecco gli esclusi

Le scelte sul turnover di Ettore Messina, per il primo impegno dei playoff 2021 in Serie A

Iscriviti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Leggi articolo precedente:
Christos Stavropoulos Messina
LBA Playoff, Olimpia Milano aveva proposto un format meno gravoso per i club

Tema sempre d’attualità, in questi giorni, il format playoff di LBA con il Back-to-Back. La posizione di Gandini, e di...

Chiudi