L’Olimpia Milano ai dettagli con Jakub “Kuba” Wojciechowski

Alessandro Maggi 10

L’Olimpia Milano aggiunge un’unità al suo pacchetto italiani. Arriva Jakub Wojciechowski con un contratto sino a fine stagione

L’Olimpia Milano ai dettagli con Jakub “Kuba” Wojciechowski. Domani la giornata decisiva.

Classe 1990 di Lodz, Polonia, con cittadinanza italiana, Jakub Wojciechowski, per tutti Kuba, è cresciuto come cestita in Italia, a Treviso. Nel nostro campionato ha vestito le maglie di Casalpusterlengo, Brescia, Brindisi, Torino, Veroli, Mantova, Cantù, Cremomna, Orlandina e Brindisi.

213 centimetri, 112 chili, Kuba è un centro che va a rimpinguare il roster di Ettore Messina. In questa stagione era a Biella, dove in 13 partite ha prodotto 10.3 punti per 7.5 rimbalzi nel girone Verde di A2.

Il giocatore è rappresentato dalla Tangram Sports di Stefano Meller.

10 thoughts on “L’Olimpia Milano ai dettagli con Jakub “Kuba” Wojciechowski

    1. Secondo me c’è ancora un vuoto in ala grande, speriamo Brooks rientri presto e Bhiliga possa adattarsi al ruolo. Quanto sopra vale ovviamente per la LBA., ma permetterebbe ad Hines e Leday di concentrarsi su EL.

  1. Biligha, secondo me, non ha nulla per giocare da ala grande, cosi’ come si intende oggi il ruolo. Non ha assolutamente tiro da fuori e gli manca un po’ di visione di gioco.
    Spero che questo acquisto non “rovini” l’ambiente e che sia da stimolo ulteriore a Tarczewsky

  2. Non conosco il giocatore ma la scelta è stata necessaria per evitare sovraminutaggi in LBA a Kyle Hines data la contemporanea assenza di Biligha e Brooks. Come si integrerà nel sistema Messina è tutto da scoprire e verificare, auguriamoci sia rapida e fruttifera. Meglio di Omic sarà….

    1. Omic arrivò con l’ambizione di avere pretese di un certo livello e le disattese in pieno(quelle pretese). Questo ragazzone, anch’egli di origine polacca arriva da noi solo per dare una mano(e speriamo ce la dia) Benvenuto Kuba

  3. Forse è stato preso per il cognome 😁 i centri a Milano possono solo esser chiamati per nome. A parte questo, credo che il senso sia un po’ diverso, un lungo italiano ( ha passaporto italiano) permette non solo di dare riposo ai lunghi americani ma anche di sfruttare le guardie non italiane che spesso invece devono stare fuori per lasciare spazio a Kaleb + Hines e che sono uno dei punti di forza dell’Olimpia 20-21. Rodriguez + Delaney + Punter + Shields non li ha nessuno in Italia (e pochi in Europa) ma di fatto non hanno quasi mai giocato insieme per le rotazioni da regolamento. Forza Kuba!

  4. Anyway dovremo accettare di perdere qualche partita in LBA piuttosto che far arrivare spompati Hines e LeDay ai playoff … basta arrivare primi … mica vincerle o stravincerle tutte …

  5. Sembra chiaro il volere un lungo per alternare sempre Hines e Tarceswki in LBA e convocare sempre le guardie. Il prossimo passo potrebbe essere il prestito di Moretti? Dopo il tiro rifiutato di domenica scorsa per buttare un pallone e l’ennesima lunga panchina credo che per questa stagione Messina ci ha messo la croce sopra. Moretti ne beneficerebbe da un prestito per giocare e ritrovare fiducia.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Next Post

Alberto Rossini: Ognuno si sacrifica per la vittoria

Alberto Rossini, ds di Olimpia Milano, ospite di Luca Chiabotti a «Uomini e Canestri» di Repubblica-Milano. Ecco alcune sue dichiarazioni
Alberto Rossini

Iscriviti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Leggi articolo precedente:
Mike James Cska
Mike James torna in campo, ma il Cska perde con lo Zielona Gora

Cska in campo in Vtb dopo il reintegro di Mike James. Ma in Vtb successo storico dello Zielona Gora con...

Chiudi