Buongiorno Olimpia | La LBA lavora. La FIP ha promesso rivoluzioni? Lo dimostri

Buongiorno Olimpia, la rubrica semi-quotidiana di cui non si sentiva il bisogno che ci accompagnerà quasi ogni mattina al risveglio

Buongiorno Olimpia, la rubrica semi-quotidiana di cui non si sentiva il bisogno che ci accompagnerà quasi ogni mattina al risveglio.

«Una serie A svincolata dal diritto sportivo e con un rigido criterio di accesso e permanenza, basato su parametri in grado di garantire un prodotto basket più competitivo»

«Programma ambizioso ma difficilmente realizzabile per due ragioni di ordine pratico: la prima riguarda la tradizionale resistenza della FIP al cambio di regole in corsa, perché presentare la soluzione delle licenze a primavera significherebbe rischiare di bloccare l’interscambio A-A2 a campionati largamente inoltrati». 

«Il secondo è quello della difficoltà di alzare l’asticella dei parametri – richiedendo ripianamenti economici ed investimenti importanti sulla struttura – in vista della prossima stagione, che si annuncia problematica sul piano dei conti per un numero elevato di club costretti a sobbarcarsi costi da stagione normale nella straordinarietà della pandemia con sponsor in fuga e ricavi azzerati da botteghino».

Tripla citazione dalla Prealpina di ieri. Alcune considerazione. LBA non può pensare di attuare in due stagioni e mezza (dall’avvento di Umberto Gandini) una rivoluzione dopo aver portato all’addio in tutta fretta il predecessore.

Il 2021-2022 deve partire, se non con un codice civile e penale nuovo, quanto meno con basi diverse al passato, e propedeutiche al futuro, come parametri economici più stringenti o progetti di settore giovanili nuovi, e già parzialmente concreti. 

Vieni poi da chiedersi dove sia il problema del “cambio in corsa”, visto che la prossima estate non sarà molto differente dalla precedente a livello economico, ovvero quando non si trovò mezzo club per completare l’organico della massima serie prima delle decisioni di Cremona e Roma.

Fretta? Magari no, ma urgenza sì. E questo pare ben chiaro al presidente Umberto Gandini, che ai cambiamenti concreti lavora, fiducioso che un “no” non possa arrivare senza spiegazioni, e alternative, da una FIP che ha promesso “rivoluzioni” salvifiche per l’ultimo mandato Petrucci.

One thought on “Buongiorno Olimpia | La LBA lavora. La FIP ha promesso rivoluzioni? Lo dimostri

  1. E’ l’occasione di rifondare, magari perdendo qualcuno per strada. Il mostro basket ha pica credibilita’ e per rilanciarlo si deve lavorare sulla qualita’, a costo di avere una serie A da sole 12 squadre.
    Poi sarebbe bello che lo stato (alias la politica) incominciasse ad investire davvero nello sport, quale veicolo di cultura che non puo’ essere solo calcio.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Next Post

Danilo Gallinari: Giocare in un'Olimpia come quella di adesso resta un sogno

Danilo Gallinari ospite d’onore della rubrica «Uomini e Canestri» di Luca Chiabotti su Repubblica-Milano. Ecco alcune sue dicharazioni
Bogdanovic Gallinari

Iscriviti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Leggi articolo precedente:
Olimpia Milano, le dieci più belle stoppate in EuroLeague

Al termine del girone di andata di EuroLeague iniziamo una carrellata di highlights per categoria. Si parte con le 10...

Chiudi