Olimpia Milano Speciale Mercato | Le prospettive di Achille Polonara

Torna «Olimpia Milano Speciale Mercato» che dopo il capitolo globale sugli italiani di domenica scorsa passa al numero uno attuale

Achille Polonara | Il suo posto nel basket europeo

«Ne parlavo proprio l’altro giorno con il suo agente, Matteo Comellini. Per Achille la differenza sta arrivando da una nuova consapevolezza. Quando arrivai a Sassari nessuno credeva potesse giocare in EuroLeague. Ribadisco una mia convinzione, il fattore psicologico nel lavoro di un allenatore è importantissimo». Gianmarco Pozzecco, venerdì 18 dicembre.

«Da quando sono arrivato a Vitoria Achille ha sempre giocato benissimo», Dusko Ivanovic, 18 ottobre.

Attualmente Achille Polonara è in EuroLeague quinto nella classifica rimbalzi, quinto in quella delle stoppate e sedicesimo nelle palle rubate. Dietro i numeri sempre terrificanti di Walter Tavares, c’è l’ala di Ancona.

Rispetto al centro del Real, meno intimidazione, ma maggior dinamismo, che fanno del classe 1991 il miglior difensore di questa prima fase di EuroLeague, parlando di adattabilità sui cambi, di aggressività sui raddoppi, di peso specifico nel pitturato.

Il punto di partenza si chiama quindi difesa, che ha creato una base di certezze capace di garantire al giocatore una ritrovata sicurezza anche in attacco. Si può sbagliare, e riprovare, un tiro quando in difesa si è diventati un totem per compagni e allenatore.

Parliamo di un giocatore che nelle ultime cinque gare di EuroLeague è andato in doppia cifra per quattro volte, trovando la doppia doppia con il Bayern e raccogliendo un 15+8+6 (dove 6 sono gli assist) il 10 dicembre con il Maccabi.

Vai a Pagina 5

O Scorri in basso per cambiare pagina

17 thoughts on “Olimpia Milano Speciale Mercato | Le prospettive di Achille Polonara

  1. Ethan Happ naturalizzato italiano a rinforzare il pacchetto lunghi italiani: quello sarebbe un bel colpo….!

  2. No per favore no. Porconara no no no. Non discuto il giocatore ma l’uomo. Lui no. Ci sarà qualcuno altro….

  3. A pelle (e quindi il mio è un giudizio di nessuna rilevanza tecnica) mi è sempre stato antipatico in modo viscerale, quindi tutta la vita Happ!
    Se arriva Polonara devo fare una cura zen di quelle pesanti….

  4. Noi dobbiamo vincere e continuare a vincere. Conta la maglia non i giocatori O allenatori simpatici o meno. Anche a me Gentile non sta simpatico ma obiettivamente se tornasse non mi dispiacerebbe.
    Ps: poi se ci stanno simpatici meglio

  5. Polonara sarebbe eventualmente per l’anno prossimo. Mi chiedo invece se Campogrande (o Dalmasso) in uscita da Roma non sarebbe stato utile quest’anno visti i problemi di guardie Italiane.

  6. Il Pollo attualmente e’ l’unico giocatore italiano, a parte Datome e Brooks, in grado di giocare e bene in Eurolega. Ha fisico, salta, punta il ferro e soprattutto non molla mai. L’ho conosciuto (sono di Varese), ha carattere ma non è ingestibile, anzi. Tutta la vita lo vorrei a Milano, gente con cojones, come Gentile. In ultimo, spero che Moraschini si riprenda e decida qual è il suo ruolo, così non serve ne’ in EL ne’ per il campionato

  7. Moraschini sempre piu deludente,ha perso col passare del tempo decisione e precisione, sembra non sapere cosa fare in campo, cosi progressivamente il campo se lo scorderà e accompagnato a fine stagione alla porta sarà e tanti saluti

  8. L’alzata di muscoli a Varese di Polonara ancora ce la ricordiamo e non è un piacevole ricordo , però forse il tempo lava le coscienze e i peccati

  9. Stefano, purtroppo non è Moraschini che deve decidere quale sia il suo ruolo, la responsabilità è di Messina che lo impiega come play come guardia o come ala piccola generando confusione al giocatore..Senza contare che secondo Orlandoilrosso, il quale conosce bene il nostro coach, a breve lo vedremo giocare anche come ala grande…

  10. Gentili Fab e Andrea, prima di tutto sinceri auguri, sperando in una situazione serena e perché no, di tornare al Forum. Andrea ha ragione, appena scritto il post mi sono reso conto dello sbaglio, sicuramente il coach non ha contribuito a definire il ruolo di Mora. Però anche Fab non ha torto, vedo un giocatore incerto e molle sulle gambe, spero davvero si riprenda. Deve stare concentrato in difesa, certo che se si accoppia a piccoli veloci, ciao Pep…. Fab, c’ero quando Pollo mostro’ i muscoli, e’ un passionale lo si può comprendere. Serve gente così, contando che ci vuole un gran fisico per EL. E poi tieni conto, io sono di Varese, super fan di Milano da 30 anni, pensa quante me ne dicono!

  11. Stefano, certo anche Fab ha ragione ma è la conseguenza del mio commento. Ti faccio un esempio banale per renderti l’idea: noi abbiamo 3 play in squadra e in Italia cosa fa il nostro coach? Invece di impiegare Cinciarini nel suo ruolo naturale al suo posto mette Moraschini che non è un play togliendo certezze allo stesso giocatore che ne risente il quale viene anche da un periodo di problemi fisici. Cosa serve impiegare Moraschini come play in italia quando in Europa non giocherà mai in quel ruolo? Risultato: il giocatore é confuso perdendo le sue certezze e la fiducia in se stesso..

  12. Moraschini è un giocatore ormai adulto e maturo e un professionista, deve riuscire a trovare in primis dentro di se la forza per uscire dalla sua non bella situazione, come già da me detto è il momento per lui di tirare fuori le palle, auguri ricambiati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Next Post

Urania Wildcats vs. Derthona | In campo alle ore 18 al BiellaForum

Al Lido arriva la capolista in striscia positiva da 6 partita, i Wildcats invece saranno per la prima volta al completo. Stasera (ore 18) all’Allianz Clud arriva un cliente davvero ostico per l’Urania Milano, la capolista Derthona, prima in classifica a punteggio pieno (6-0). Squadra costruita in estate per competere […]

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Leggi articolo precedente:
Gianmarco Pozzecco
Buongiorno Olimpia | Pozzecco? No, preserviamo il timeout dalle videocamere

Buongiorno Olimpia, la rubrica semi-quotidiana di cui non si sentiva il bisogno che ci accompagnerà quasi ogni mattina al risveglio

Chiudi