Olimpia Milano post Zalgiris | Cambi o raddoppi, Punter e Tarczewski

Olimpia Milano post Zalgiris che ovviamente non passa solo per lo zainetto di Zach LeDay, che comunque rimane argomento chiave

Olimpia Milano post Zalgiris che ovviamente non passa solo per lo zainetto di Zach LeDay, che comunque rimane argomento chiave per comprendere la stagione di Olimpia Milano. Torniamo sul 98-92 finale.

La partita, la difesa

«Negli ultimi quattro o cinque minuti siamo tornati a giocare bene, è stato molto importante Kyle Hines, che ha sostenuto il peso della difesa e ha catturato un rimbalzo d’attacco fondamentale» come ricorda inoltre Ettore Messina, chiave è anche la rinuncia al cambio sistematico difensivo.

Non un assolutismo, quanto una soluzione delle varie possibili a gara in corso. L’Olimpia Milano nella seconda parte del primo quarto non regge più un uno contro uno, e questo accade nuovamente tra terzo e quarto quarto dopo aver toccato il +20.

Lo Zalgiris, con Lekavicius e soprattutto con Jokubaitis (gara negativa invece per Walkup, il più atteso) anticipa nei momenti propizi i cambi avversari e arriva con comodità al ferro. L’Olimpia insegue costantemente, e questo cancella forze e lucidità.

C’è invece il fattore Hines, che in aiuto allunga la mano rallentando i giochi avversari. E questo è stato fattore importantissimo della gara. Resta un aspetto, l’attacco.

L’Olimpia ha segnato 98 punti, iniziando con una grande circolazione di palla e firmando un 7/8 da 3 nel secondo quarto. Ma ci sono stati anche momenti di calo (seconda metà del primo quarto e la decina di minuti a cavallo tra terzo e quarto), che hanno portato a scelte infelici e transizioni rapide dello Zalgiris contro una Milano mal messa in campo.

Eliminare queste incertezze, che sono naturali esami di un lungo percorso, possono innalzare e non poco il valore della squadra di Ettore Messina.

Kevin Punter

Il valore di Punter sta nella sua diversità. Ovvero nella rapidità di percorrenza del campo, e nella capacità di costruirsi tiri dal palleggio o da scarico.

Unicità, che oggi ci racconta di un giocatore a dir poco sorprendente. Al rientro da un infortunio, produce una gara da 22 punti, con 8 ad inizio terzo quarto e giocate chiave nel finale.

Un elemento di completamento, che oggi si sta rivelando un fuoriclasse. Forse.

Kaleb Tarczewski

Ne parleremo. 5’23’’, -4 di valutazione e -5 di plus/minus. Abbiamo un problema, è noto alla globalità ed evidentemente in fase di discussione tra le parti.

Ettore Messina non vuole affrontare il discorso in sala stampa, ma ricordiamoci il punto di partenza. Ovvero un giocatore in crescita, che ha firmato un pluriennale in estate diventando parte fondante del progetto.

Senza dimenticare le difficoltà del momento, enormi, non dimentichiamoci che il ragazzo è a Milano su volere di Jasmin Repesa, ovvero due allenatori fa.

8 thoughts on “Olimpia Milano post Zalgiris | Cambi o raddoppi, Punter e Tarczewski

  1. Ottima analisi come sempre.

    Con Delaney e Punter difendiamo molto meglio, perché capaci di tenere l’1/1 e chiudere bene le linee di passaggio.
    Certo, non hanno ancora la condizione per difendere a quel livello per tutto il tempo che stanno in campo – dove peraltro è importante che stiano per le loro qualità in attacco.
    Il momento di calo, quando Zalgiris è rientrata fino alla parità, è molto probabile che sia dovuto a un offuscamento da fatica delle nostre guardie, non ancora in condizione, ripeto.
    Consideriamo anche che manca Moraschini, che ormai non deve più dimostrare di potere tenere il campo anche in EL, e che sarebbe un validissimo cambio per gli esterni, soprattutto in giornate in cui Roll ha quel calo che ha mostrato ieri – di concentrazione soprattutto, secondo me; se no quei tiri non li sbaglia mai.
    Tutta roba che si può mettere a posto senza troppe difficoltà.

    Su Tarczewski ricordo bene un altro periodo, sotto Pianigiani, che arrivò di nuovo al margine della contestazione per scarso rendimento che porta i giocatori ad essere tagliati, e da lì cominciò un lento e costante recupero.
    A me piace, mi piacciono la sua energia, il suo attaccamento alla nostra maglia, e le sue potenzialità, insieme al suo essere un’intimidazione per tutti davanti al nostro ferro, se gli esterni fanno le cose per bene e impediscono il caos nella nostra area.
    L’atteggiamento di Messina per il momento è quello del bastone, mi auguro che serva, mi auguro che come fu l’altra volta che ho ricordato, anche stavolta il buon Kaleb si metta le mani della protesta agli arbitri in tasca, e le usi invece per tornare a essere quello che è stato già, più l’accumulo d’esperienza dei mesi passati con Hines, che qualcosa in allenamento gli ha insegnato per forza.
    Sarebbe un bene per tutti!

  2. Ottima analisi
    Aggiungo: non so se scelta tattica o dovuta, ma DIFESA E CAMBIO su P&R ultimamente non sta pagando, bisogna tenere 1c1.

    Capitolo Tarczewski: voglio credere e sperare sia in un momento NO, ma che possa riprednersi.
    Ritengo che il ragazzo debba giocare di piu soprattutto in LBA per ritrovare fiducia e ritmo.

  3. @Alessandro: io penso che voglia dire che se è sempre a Milano con il terzo allenatore passato dal suo arrivo, qualcosa vorrà dire… (questo è quello che ho deditto)

  4. Bo io l ho intesa diversamente. Non saprei.
    Pero Tarcisisio da quando è qui ha giocato a alti livelli metà della scorsa stagione. Per il resto tra la sufficienza tirata e il mediocre .

  5. Si aspetta ogni anno che cresca ma purtroppo non ha messo su un fondamentale che è 1. sta giocando 5 minuti a partita quando gioca, mi aspetto presto più minuti di Biligha.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Next Post

Italia, c'è Davide Moretti tra i convocati per la bolla di Tallinn

C'è anche il giovane biancorosso tra i convocati del ct Sacchetti per le gare della 'bolla' di Tallinn di qualificazione ad Eurobasket 2022

Iscriviti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Leggi articolo precedente:
Kyle Hines, 2.500 punti in Eurolega

Il lungo biancorosso ha tagliato il prestigioso traguardo, con i 10 punti messi a segno ieri sera con lo Zalgiris

Chiudi