Luca Baraldi: Non si può più andare avanti, ma veniamo sbeffeggiati

Luca Baraldi, Virtus Bologna: Fermiamoci per due mesi nel rispetto degli ammalati, di chi lavora negli ospedali e chiede prevenzione

Luca Baraldi, ad della Virtus Bologna, chiede lo stop del campionato dalle colonne de il Resto del Carlino.

“Non ci sono più le condizioni per andare avanti, ma in questo non siamo ascoltati, anzi semmai sotto traccia siamo stati sbeffeggiati”

La domanda di Massimo Selleri, firma dell’articolo, è come mai la Virtus si ritrovi a predicare nel deserto.

“Perchè non si vuole vedere che lo spettacolo che stiamo offrendo non è sportivo essendo falsato. Dicono che se ci si ferma falliamo, ma la FIBA dice che presso il BAT l’Italia è al secondo posto per contenziosi tra giocator ie club. Questo significa che tutta questa ricchezza non c’è, figurarsi ora che non ci sono ricavi”

Il derby non andrà in chiaro visto che Rai Sport trasmetterà domenica prossima Milano-Venezia.

“Giocare un derby senza pubblico non è bello per nessuno, e sarà la dimostrazione che così non si va da nessuna parte. Per noi la partita dell’anno non è certo quella con Milano, ma quella con la Effe”.

Intanto è saltata anche la gara della Virtus in EuroCup con Andorra: “A dimostrazione che Italia e Europa viaggiano sullo stesso piano. Oggi fare sport a livello nazionale e internazionale è impossibile. Si corre il rischio che le squadre diventino dei vettori di contagio, mentre bisognerebbe fermarsi per un paio di mesi. Il tutto per rispetto delle persone ammalate, per chi lavora negli ospedali, e chiede soprattutto prevenzione e per chi lavora in un club”.

11 thoughts on “Luca Baraldi: Non si può più andare avanti, ma veniamo sbeffeggiati

  1. Ke 🥎🥎🥎 questo “personaggio”. 6 mesi fa piangeva per andare avanti e ora piange per interrompere. Fai pace col cervello. E smetti di parlare di altre squadre. Evidentemente ne ha il complesso. D’altra parte ovunque è andato ne ha combinate + di Bertoldo. Mi stupisce che ci sia ancora gente che ha fiducia in lui. Mah.

  2. Baraldi, dai, muccala lì. Se se sbeffeggito per ogni cosa che dici un motivo ci sarà. Tra gli sportivi mi pare di vedere solo asintomatici e che non si riuscisse a giocare un campionato perfettamente regolare lo avrebbe previsto fin da settembre anche un bambino di 5 anni. Si fa quel che si può e se magari la smettessi di criticare ogni 3 per 2 sarebbe meno difficile.

  3. Se queste parole le avesse dette un altro personaggio, avrei anche potute condividerle, invece dette da un personaggio squallido cone Baraldi sono inaccettabili perché lui era l’unico che a marzo, in piena emergenza a causa della pandemia, voleva continuare a tutti i costi, anche senza pubblico per i suoi interessi e non per quelli collettivi. Ma perché nessun giornalista non gli chiede come mai a marzo il pubblico non era essenziale, mentre ora è diventata una questione di vita o di morte? Sarei curioso di conoscere la sua risposta, anche se penso di sapere la sua risposta…

  4. Ma che domande fai, Andrea?
    A marzo gli incassi del botteghino erano già entrati, gli abbonamenti, le partite già giocate, i diritti di sponsor e tv.
    Quest’anno nada.
    La differenza è tutta lì.
    Molte squadre stanno fallendo o sono fallite.
    Io non sono d’accordo con Baraldi sulla sospensione, ma lui ha le sue ragioni, non banali, e d’interesse collettivo.

  5. Non ci si può mai fidare di quel che dice uno come Baraldi. Grazie a Maggi per proporcelo nel blog, dobbiamo sempre ricordare che mondo abbiamo intorno

  6. Se il signor Baraldi ha delle certezze sull’uscita e distribuzioni dei vaccini, tali per cui tra due mesi si è certi di poter riprendere in condizioni di sicurezza, ci farebbe piacere se ce lo comunicasse apertamente

  7. Faccio due osservazioni sulle parole di questo signore: la sua è una proposta a metà. Cosa vuol dire ci fermiamo un paio di mesi e poi ripartiamo? Intanto perché due mesi e non tre o quattro? E poi dica come si riprenderà! Si finisce il girone e poi PO ? Retrocessioni ? Coppa Italia ? Faccia proposte serie !!! La seconda riguarda le sue parole lette subSportando Dove dice che i risultati sono falsati dall’assenza del pubblico e come conferma dice che la Virtus ha perso il 75% delle partite in casa. Cosa vuol dire ? Che con il pubblico le avrebbe vinte tutte? E che se le avesse vinte tutte anche senza pubblico allora il campionato non sarebbe stato falsato? Ma allora il dubbio viene….

  8. Domandatevi come mai Baraldi invece di dire “Dobbiamo andare al governo ed esigere che ci lascino giocare davanti a un pubblico limitato, controllato e socialmente distanziato” dice “Dobbiamo chiudere tutto e ricominciare fra 2 mesi, quando non sapremo neanche come saremo messi”

  9. Palmasco, credi che veramente che sia solo una questione di soldi? Se fosse come dici tu, che a marzo gli incassi del botteghino, degli abbonamenti e dei diritti di sponsor e tv erano già entrati, perché voleva continuare a tutti i costi contro il parere di tutte le altre squadre che erano favorevoli alla sospensione? Per me il discorso economico non regge, o meglio non è solo per questo. A marzo voleva continuare sia il campionato sia l’Eurocup perché era convintissimo di vincere entrambe le competizioni (senza dimenticare che la vittoria dell’Eurocup dava l’accesso all’Eurolega, vero obiettivo di Bologna), mentre ora la sua squadra non è che stia andando così bene come era nelle previsioni. E poi sinceramente ci ha stancato perché è da quando che ha perso la Supercoppa contro noi che piange. Farebbe bene a stare zitto!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Next Post

Dan Peterson: EuroLeague ha detto no, ma i fatti danno ragione a Messina

Dan Peterson cerca soluzioni per il basket italiano nell'era del Covid-19 dalle colonne del QN. Ecco alcuni passaggi
Ettore Messina

Iscriviti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Leggi articolo precedente:
Luis Scola
Buongiorno Olimpia | Se Luis Scola chiama, l’Italia risponda

Buongiorno Olimpia, la rubrica semi-quotidiana di cui non si sentiva il bisogno che ci accompagnerà quasi ogni mattina al risveglio

Chiudi