Pozzecco: Sono incazzato, ho dei figli che rischiano un contagio e vanno rispettati

Dopo essere stato espulso nella semifinale di ieri, il tecnico dei sardi si è infuriato davanti ai microfoni sulla direzione arbitrale

Espulso nel terzo quarto della semifinale, per un doppio tecnico per vibranti proteste nei confronti della terna arbitrale, Gianmarco Pozzecco è sbottato anche nel post gara. Arrabbiandosi notevolmente per quanto visto in campo e lamentandosi della direzione dei tre arbitri.

Parole fortissime, in cui si parla anche della pandemia in corso: “Sono veramente incazzato: io ho dei figli che in questo momento pericoloso, triste e drammatico che stiamo vivendo con il Covid, scendono a un compromesso che è quello di rischiare un contagio nel momento in cui vanno in campo. E non solo per questo motivo, ma soprattutto per questo, i miei giocatori devono essere rispettati“.

E poi rincara la dose: “Nel momento in cui io vedo qualcosa che non mi piace – come un padre dovrebbe fare sempre – li proteggo. Non va bene. Io questa notte non dormirò, come avevo detto prima della partita – non so a chi cazzo l’avevo detto ma a qualcuno l’avevo detto – bisogna far giocare i ragazzi. Tutti quelli che sono intorno non contano una sega. Contano solo i 5 ragazzi di una squadra e i 5 dell’altra, più quelli che sono in panchina, che devono giocarsi le vittorie, le sconfitte combattendo e divertendosi in campo“.

2 thoughts on “Pozzecco: Sono incazzato, ho dei figli che rischiano un contagio e vanno rispettati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Next Post

La Gazzetta dello Sport: Primo confronto in Supercoppa, e non c'è favorita

Olimpia Milano vs Virtus è una gara senza precedenti nella storia della Supercoppa di Legabasket, come ci ricorda La Gazzetta dello Sport

Iscriviti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Leggi articolo precedente:
Ettore Messina: Grande difesa per poter pensare alla vittoria

Ettore Messina lancia Olimpia Milano vs Virtus: «Sappiamo di giocare contro un’avversaria molto forte, profonda, ben allenata»

Chiudi