Olimpia Milano vs Brescia | I top e flop del successo del Forum

L’Olimpia ha conquistato il quarto successo in Supercoppa: i più e meno della gara del Forum contro Brescia

Quarta partita e quarta vittoria per l’Olimpia Milano in Supercoppa, con le Final Four ipotecate. Un successo più sofferto di quelli precedenti, con percentuali più basse dall’arco e qualche palla persa di troppo. Ma sempre controllando il match dall’inizio alla fine.

Olimpia Milano vs Brescia | I top

Malcolm Delaney – L’MVP di serata. Scrive quota 25 alla fine sul proprio tabellino, con una serie di giocate di grande classe nei momenti del bisogno. Aggiunge anche 9 falli subiti, 3 assist e 4 rimbalzi, in una prova buona anche a livello difensivo.

Kyle Hines – Un maestro nei pressi del tabellone, ma anche in grado di contenere gli uno contro uno degli avversari più piccoli sulla linea del tiro da 3 punti. Un giocatore imprescindibile sui due lati del campo, mettendo per l’ennesima volta in mostra la sua grande intelligenza cestistica.

Kaleb Tarczewski – Non viene coinvolto moltissimo in attacco, comunque non sbaglia nessun tiro tra quelli presi, raccoglie 4 rimbalzi ed è un costante problema per gli avversari in difesa. Ha fatto anche partite migliori, ma il suo l’ha portato a casa.

Olimpia Milano vs Brescia | I flop

Michael Roll – Un paio di pregevoli assist ed una tripla, ma tanti errori su tiri aperti e qualche altra difficoltà sui due lati del campo. 

Sergio Rodriguez – Nonostante un assist strabiliante per Tarczewski, è stranamente molto confusionario in attacco, con tante palle perse ed un po’ di nervosismo. Dietro va in difficoltà, in particolare contro Kalinoski. 

9 thoughts on “Olimpia Milano vs Brescia | I top e flop del successo del Forum

  1. io fra i flop metterei pure moretti, alla fine ha giocato 9 minuti anonimi, senza manco provare qualcosa. 1 tiro e 1 fallo. troppo poco per essere uno che in partite come questa (Brescia, non il CSKA) deve dimostrare che puntare fra quelli bravi almeno in Italia. Ha 22 anni, non 16, deve tirar fuori un pó di personalità, perché Messina gli da sicuramente tempo e fiducia.

  2. L’Olimpia vince con il 32% da 3 e il Chacho anonimo. Forse la miglior partita in termine di segnali per il lungo periodo, speriamo siano segnali veri

  3. Non capisco perché il Messia non ha concesso nessun minuto al Cincia e Biligha..iniziamo con gli stessi errori dell’anno scorso?? Ma poi se non ha fiducia in questi giocatori perché li ha confermati?? Oltretutto Biligha l’ha scelto lui..ah vero se lo avesse mandato via sarebbe stato un altro dei suoi fallimenti 😂😂😂 troppo facile dare spazio agli italiani quando si vince con 30 punti di scarto e presentarsi in sala stampa a dichiarare che ha dato spazio a tutto il roster e a congratularsi da solo ma è proprio in partite come queste che si nota se il coach ha fiducia negli italiani e a quanto pare non ne ha..e poi per assurdo concede 20 minuti a un bidone come Roll altro acquisto fallimentare della sua gestione..il Cincia merita rispetto e non certamente un trattamento simile..

  4. Non capisco perché Messina non legga con più attenzione i suggerimenti illuminanti che gli arrivano da questo blog.
    Davvero strano…

    Su Moretti sono stra d’accordo e stra positivo. Supererà la cura Messina e diventerà molto più forte. In questo momento è chiaramente in difficoltà in difesa, ma ha grinta e talento, verrà fuori alla grande.

  5. Hines: uno spettacolo! Non solo per quello che fa in campo ma per l’esempio che da agli altri. Ieri due volte e’ andato a calmare Delaney e El Chacho che protestavano con gli arbitri. Questo e’ quello che fa di un buonissimo giocatore, un campione!

    Piantiamola un po’ con questa cosa dello spazio agli italiani: siamo al quattro settembe, alla quarta gara ufficiale. Se non adesso, quando e’ che creiamo intesa e automatismi? Non e’ che per Shields, Delaney o Punter le cose siano automatiche, eh!

    Diamo tempo al tempo. Ieri con le basse percentuali da tre era importante il gioco sotto e quello in p&r. Ecco perche’ Biligha non ha visto il campo.

    Ricordo comunque che tenere (confermare) sei italiani era d’obbligo, non solo una scelta. Via AdV (dopo un anno insieme non e’ nato l’idillio con il coach) e’ stato preso Moretti, giovane e da svezzare (come molti tifosi pretendevano: giovani e forti), giocatore che si fara’, certamente. Via Burns, e’ arrivato un certo Datome, vecchietto finche’ volete ma certamente un vincente.
    Dovevamo cedere anche Biligha? Per prendere chi, poi? Fare i nomi, please, di gente che merita di stare in campo venti minuti a gara.
    Iniziare gia’ a criticare mi sembra davvero una esagerazione. Da queste gare abbiamo visto gia’, di importante: propensione alla difesa, gioco di squadra, talento offensivo notevole, voglia di giocare insieme. Uno come Roll, che non e’ un fenomeno, rientra perfettamente in questo progetto perche’ potra’ permettersi di fare solo il… Roll, e non gli si chiederanno venti punti a partita. Insomma: possiamo crescere ancora tanto ma, per favore, lasciamo al coach il tempo per costrire la squadra che ancora non c’e’ (anche se ha vinto di trenta o quaranta punti contro Canth’ e Varese).

  6. @U.Fo per lo meno con te si può interagire a differenza di qualcun altro che è prevenuto nei miei confronti ma poco mi interessa..tornando a noi anche l’anno scorso di questi tempi si scrivevano le stesse cose quando non venivano schierati gli italiani cioe che bisognava creare intesa e automatismi tra i vecchi e i nuovi ma poi con le partite ufficiali si è visto chiaramente che il trend non è cambiato..lo so anche io che in LBA ci vogliono 6 italiani per regolamento ma che senso ha confermare 2 giocatori come Cinciarini e Biligha che oltre a non vedere mai il campo in Europa rischieranno di giocare pochissimo o niente in Italia?? Allora tanto vale tenere in squadra giocatori giovani come per esempio Bortolani..tu giustamente scrivi di tirare fuori i nomi ma non credo che un allenatore con l’esperienza del Messia non sappia trovare 2 giocatori italiani che ripeto non devono essere giocoforza campioni ma che li utilizzi perlomeno in campionato..cmq per ora è prematuro discuterne..quando inizierà il campionato vedremo il loro utilizzo..per quanto riguarda Roll nessuno pretende che faccia 20 punti a partita perché sappiamo tutti che non è quel tipo di giocatore ma lui non fa neanche il suo minimo sindacale..a testimonianza di ciò basta vedere la partita di ieri contro Brescia..perché a lui si concedono 20 minuti mentre al Cincia nemmeno un minuto??..in ogni caso il nostro capitano merita rispetto e non il trattamento che gli sta riservando il Messia dall’anno scorso ad oggi..

  7. È intellettualmente disonesto trovare critiche al momento attuale, chi lo fa lo fa per spirito contrario (spero, l’alternativa è peggio). Questo non significa che l’Olimpia è questa e che dominerà tutto, significa che in questo specifico momento tutto funziona come dovrebbe. L’anno scorso una partita senza Micov, Nedovic e con il Chacho impalpabile o quasi ci avrebbe fatto temere una gara con una squadra di A2; quest’anno collettivamente la squadra ha sempre le risposte giuste. Ripeto, questo non significa che giocherà sempre così ma visto che così sta giocando ora, questo è quello che si commenta. Quando non entra il tiro da 3 si gioca di squadra, quando entrano le triple si diventa immarcabili, quando non entrano i canestri e basta si difende forte, stanno ruotando un po’ tutti: in questo momento le critiche sono semplicemente forzate.

  8. forse se serve a stimolare si metta pure Moretti nei flop ma consapevoli che è una situazione transitoria. la faccia tosta e la grinta al giovane non mancano lo ha dimostrato nelle altre gare. Poi si legge di chi critica a prescindere, meglio sorvolare.
    Abbiamo non uno ma tre playmaker in guardia +uno in ala ma cosa vogliamo di più? Certo, se lo scopo è criticare il coach ci sta tutto e di più, ma qui siamo alla follia.
    vedo i prodromi di un’annata da campioni

  9. C’è chi critica il Messia anche se si vince come c’è chi lo osanna e venera quando si perde 😂😂😂

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Next Post

Che spettacolo Scola! Gara da imperatore e primo successo per Varese

Gara senza valore di classifica a Varese, ma che riporta il pubblico tra le sue mura. 84-77 il finale contro Cantù
Luis Scola

Iscriviti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Leggi articolo precedente:
Messina: Test utile, non si può sempre pensare di vincere facilmente

Il commento del tecnico biancorosso sul quarto vittorioso impegno in Supercoppa dei biancorossi

Chiudi