Kaleb Tarczewski, la trattativa per il rinnovo è in corso

Sabato pasquale per parlare di Olimpia Milano Mercato. Ecco il quadro attuale sulla trattativa di rinnovo con Kaleb Tarczewski

Olimpia Milano Mercato per parlare di Kaleb Tarczewski. Il centro biancorosso firmò un biennale nell’estate 2018, per un accordo di fatto già trovato in primavera, più o meno un anno dopo il suo sbarco in città.

Ora, il 30 giugno si avvicina: quale sarà il suo destino?

Olimpia Milano Mercato | Kaleb Tarczewski, la crescita nei numeri e nei valori

Kaleb non è un giocatore qualsiasi per Milano. Dal marzo del 2017 in Olimpia Milano si sono succeduti due presidenti, Livio Proli ed Ettore Messina, tre GM o ds, Flavio Portaluppi, Alberto Rossini e Christos Stavropoulos, e tre coach, Jasmin Repesa, Simone Pianigiani e Ettore Messina.

Vere e proprie ere nel costante mutamento biancorosso, con il centro individuato dallo scout Roberto Breveglieri agli Oklahoma City Blue come prodigiosa continuità. 

Fisico imponente, velocità inattesa, talento da sgrezzare. Questo era Kaleb Tarczewski, oggi in EuroLeague quarto nei tiri dal campo, nono nei rimbalzi, nono in quelli offensivi, quarto nelle stoppate, in tutto 8.1 punti di media per 5.8 carambole in Europa, 8.2+5.8 in LBA, dove si è messo alle spalle un primo, storico, 700+500 in carriera.

E qui sta uno dei due punti di forza del giocatore. Kaleb Tarczewski è applicazione. Il battesimo con Ettore Messina non è stato semplicissimo. La richiesta non era più solo fisica, la richiesta era anche mentale. Crescita, visione, ingresso nella complessità del gioco.

Il risultato è stato un avvio non semplice, unico interprete del ruolo in attesa del rientro di Arturas Gudaitis. Ma il lavoro è sempre l’unica salvezza, e oggi il classe 1993 di Claremont è diventato certezza, aumentando il suo rendimento e il suo bagaglio tecnico, con una certa inclinazione anche al passaggio.

Kaleb Tarczewski, la prospettiva di mercato

Quando il virus è esploso a Milano, ho pensato subito alla mia famiglia negli Stati Uniti. Tutti ci sentiamo più a nostro agio a casa, sarebbe bello essere con loro in questi giorni, con i miei familiari, è un fatto psicologico. Ma ho sempre saputo di far parte di una famiglia anche qui a Milano e non la lascerei mai perché ha bisogno di me. Solo se la stagione venisse cancellata definitivamente proverei ad andarmene. Fino a quel giorno, sarò qui.

Ecco, Kaleb Tarczewski è anche questo, e niente più di questa lettera inviata al Corriere della Sera può dimostrarlo. Kaleb è appartenenza, un sentimento che a questi lidi è sempre stato poco percepito, Alessandro Gentile e Andrea Cinciarini a parte.

Oggi, con il capitano e Riccardo Moraschini, Kaleb Tarczewski è base fondante dello spogliatoio, esempio di legame, voce appassionata anche nei timeout motivazionali in panchina. Kaleb Tarczewski è partecipazione, parafrasando Gaber.

E allora, entriamo nel vivo della situazione. Kaleb Tarczewski vuole restare all’Olimpia Milano. Vuole rimanere nella città che considera “casa”. Ma ha un’agenzia importante, la YouFirst, che si guarda intorno e spinge per tenere accesa la trattativa con numerose opzioni.

Nba? Ipotesi ventilata, ma abbastanza povera di prospettive, esattamente come due anni fa. Il rischio, anche in caso di offerta reale, è ritrovarsi al punto di partenza, ovvero in G League. Accettabile più di tre anni dopo?

Quindi EuroLeague. E qui ci sarebbe in effetti l’Olympiacos, che potrebbe non esercitare l’opzione nel contratto di Ethan Happ e farsi avanti per Kaleb, un obiettivo indicato direttamente da coach Georgios Bartzokas. L’abbinamento con Hassan Martin, peraltro non ancora sicuro, sarebbe assolutamente ben assortito. O il Barcellona, in cerca di un giocatore diverso da affiancare a Brandon Davies nel pitturato.

E l’Olimpia Milano? Un dialogo è stato abbozzato mesi fa, a conferma della positiva volontà di entrambe le parti. Ora, ovviamente, tutto si è interrotto, e le tempistiche potrebbe dettarle EuroLeague, che in caso di cancellazione della stagione porterà Kaleb Tarczewski a rientrare negli USA.

Tutto questo avverrà senza un accordo delineato? Una cosa è certa: Kaleb vuole Milano, l’Olimpia stima Kaleb. Il patto, tra chi si conosce da così tanto tempo, potrebbe anche arrivare sulla parola, in attesa della fine dell’emergenza. E Ettore Messina avrebbe i suoi tre centri per la stagione 2020-2021.

10 thoughts on “Kaleb Tarczewski, la trattativa per il rinnovo è in corso

  1. Kaleb è forse l’unico giocatore che ha palesato una crescita sostanziale in questa stagione. Merita la riconferma a livello di valutazione oggettiva, ma il problema è un altro: quale Gudaitis vedremo nella prossima stagione? Il centro dominante ffi due anni fa o quello in faticoso recupero di quest’anno? Nel primo caso potremmo anche star bene cosi come spot 5 (c’è anche Biligha), in caso contrario saremmo troppo fragili nel ruolo, stante anche il difetto principale di Kaleb, cioè la gestione dei falli… Insomma, valutazione non facile. Mi sarebbe piaciuto già avere una sorta di pivot-garanzia, come il veterano Othello Hunter, vero punto di forza del Maccabi quest’anno (ma ha fatto bene ovunque). Una delle tante scelte cruciali di Messina per la prossima stagione.

  2. È anche migliorato ma per completezza di informazione mi piacerebbe sapere la percentuale dei punti fatti su assist a 1 cm dal ferro e qualla dei punti fatti procurandosi da solo il tiro. Sarà che sono di palato un po’ difficile ma credo che i giocatori che fanno la differenza siano quelli che i tiri se li procurano o li procurino agli altri. Insomma i giocatori che conoscono il basket e che se avessero scelto la pallavolo non sarebbe stato lo stesso. Ah statistiche alla mno con guda e tark ai rimbalzi abbiamo subito un po’ con tutti.

  3. È anche migliorato ma per completezza di informazione mi piacerebbe sapere la percentuale dei punti fatti su assist a 1 cm dal ferro e qualla dei punti fatti procurandosi da solo il tiro. Sarà che sono di palato un po’ difficile ma credo che i giocatori che fanno la differenza sono quelli che i tiri se li procurano o li procurino agli altri. Insomma i giocatori che conoscono il basket e che se avessero scelto la pallavolo non sarebbe stato lo stesso.

  4. Ma insomma! È ovvio che c’è chi gioca meglio dì Tarzan ma la grinta, la passione la velocità e il senso della posizione nelle due parti del campo hanno pochi contender. Può crescere e sa ascoltare. Messina in poco tempo lo ha plasmato, dicevano di Tarzan che non progrediva nel suo gioco e invece vediamo cosa è successo quest’anno. A parte la simpatia per questo ragazzone attaccato alla maglia non si può lasciare andare uno così se poi Gudaitis torna quello di prima dell’infortunio o arriva Milutinov chi ci può fermare? E non dimenticare Giorgio che il subire di alcune partite nasce dai buchi degli esterni dove occorre avere giocatori veloci ma con fisico importante.

  5. Ale: grazie per l’ottima disamina.
    Il mio parere.
    1 e’ uno che ci tiene alla maglia
    2 e’ uno che lotta
    3 e’ uno che nobilita lo spogliatoio e non lo rovina.
    Questi sono gia’ tre buoni motivi per tenercelo stretto!
    Quest’anno e’ migliorato ancora: merito del suo lavoro, del fatto che per molto e’ stato l’unico centro di “stazza” e del lavoro con Messina. Ma anche (o soprattutto) dell’avere al fianco uno come Scola, che sa come ci si muove spalle a canestro.
    Puo’ crescere ancora e migliorare magari imparando a giocare spalle a canestro. Comunque ha un fisico e un atletismo unici, in eurolega.
    Poi e’ chiaro che a fianco avra’ bisogno di un altro pari ruolo di spesdore, che sia Gudaitis o qualcun altro.

  6. Se pensiamo davvero di riproporre Tarcisio e Gudaitis (che forse nessuno ha notato che dopo la rottura del crociato non è più lui) mettiamoci da subito una pietra sopra.

  7. @ Giorgio, vero ma Gudaitis ha ancora un anno di contratto mentre Kaleb si libera a giugno: che fare? Rischiare di perderlo o chiudere subito il discorso centri? Io lo terrei e vediamo se si trova un italiano forte.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Next Post

L'Olimpia Milano e la margherita dei play: Delaney? Wanamaker?

Olimpia Milano Mercato sempre di attualità. Dopo il fallimento Shelvin Mack, nomi già caldissimi per il ruolo di play della prossima stagione
Olimpia Milano Mercato

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: