Coronavirus | Petrucci aveva già dubbi, la LBA rischia l’epilogo definitivo

Il campionato LBA Serie A rischia di fermarsi dopo la decisione di questa mattina dovuta al Coronavirus. Petrucci aveva già espresso dubbi ieri

Il campionato LBA Serie A rischia di fermarsi dopo la decisione di questa mattina. La decisione della lega è davvero un brutto colpo, per quanto inevitabile, sul calendario di questa stagione 2019-2020.

Gianni Petrucci aveva d’altronde reso pubblico il suo dubbio nella giornata di ieri, in un’intervista concessa a Donatella Scarnati di Dribbling, nota trasmissione RAI

E’ vero, a fine febbraio, abbiamo rinviato un turno di gioco per tutti i campionati nazionali, ma occorre essere realisti, quanto tempo possiamo ancora continuare a rinviare? Le scuole sono chiuse per quindici giorni, ma siamo sicuro che saranno solo quindici giorni? E’ chiaro che qui si naviga a vista, ma noi abbiamo dato questo segnale che la vita riprende. Certo che le società ci rimettono in termini di incassi e rate delle sponsorizzazioni, ma dobbiamo anche essere coscienti che a questo punto non avremmo avuto altre date per la regolarità del campionato

Alle difficoltà e alle diverse casistiche che si possono presentare “potremmo rispondere oggi con il Decreto della Presidenza del Consiglio e con le regole che sono in vigore

In Serie A2 e B, secondo La Prealpina, sarebbero allo studio cambi di format dei campionati. Ma quando si tornerà davvero alla normalità?

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Next Post

Coronavirus, Serie A2 sospesa a data da destinarsi

Da domani i campionati di Serie A2 e Serie B vanno intesi come sospesi, fino a data da destinarsi. Urania Milano si ferma
Coronavirus

Iscriviti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Leggi articolo precedente:
Coronavirus
Coronavirus, Giuseppe Conte ha firmato il decreto nella notte

Nella notte il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha firmato il decreto dando concretezza alla Bozza uscita sui giornali ieri...

Chiudi