Sergio Rodriguez: Il ko con Cantù deve essere una motivazione in più

Sergio Rodriguez ha parlato sui Social dopo Cantù: Siamo fatti per competere in entrambi i campionati e lo faremo ogni giorno come fosse l’ultimo

Sergio Rodriguez ha affidato a Facebook un piccolo pensiero sul momento di Olimpia Milano.

Ieri abbiamo finito il primo girone di campionato. La strada è ancora lunga ma stiamo lavorando molto bene. A volte i risultati in una partita non riflettono questo lavoro però voglio dire che questa squadra non mollerà mai.

Siamo fatti per competere in entrambi i campionati e lo faremo ogni giorno come se fosse l’ultimo.

Ieri è stata dura perdere il derby contro Cantù ma questa sconfitta deve essere una motivazione in più per migliorare e affrontare
insieme il secondo girone di campionato.

Forza Olimpia!
Grazie Forum per il supporto!!!

5 thoughts on “Sergio Rodriguez: Il ko con Cantù deve essere una motivazione in più

  1. Bravo Chacho un po’ di ottimismo! Basta col piangersi addosso. Abbiamo visto di peggio in passato anche se in campo c’erano giocatori top. Con partite ogni 3 giorni momenti di crisi ci stanno. Ora spero che possiamo recuperare definitivamente Nedovic, gestire bene le risorse chiave a costo di perdere qualche partita in EL. Non c’ero al Forum ma fa piacere leggere che il pubblico ha supportato la squadra.

  2. E devo aggiungere una cosa che non è stata scritta da nessuna parte.
    Ieri la squadra ha giocato in modo decente solo un quarto, il terzo.
    Vero.
    Ma NON ho mai visto in campo una squadra svogliata, anzi ricordo almeno 3 o 4 episodi con giocatori tuffati a terra per recuperare palloni.

    Come ho scritto ieri, la vera cura per me sarebbe una settimana di palestra a porte chiuse senza partite, peccato non sia possibile…

  3. In questa nebbia che ci avvolge ogni tanto si intravede qualche faro a cui approdare. Il Chaco è uno di questi un uomo un leader

  4. Ho visto solo oggi la gara. Primo quarto così così ma sicuramente sufficiente in attacco. Il quintetto “big size” non ha avuto un impatto particolare ma non mi è dispiaciuto. Almeno si vede qualche novità tattica, come la zona usata nel secondo quarto.
    Il secondo quarto non è stato all’altezza, soprattutto in difesa. A volte sembra che siano tutti in ritardo e tutto nasce dalla partenza sul p&r avversario. Su questo dobbiamo continuare a lavorare sodo!
    Il terzo quarto è stato ottimo, secondo me, con tiri presi bene; Scola che ne segna sette di fila e Moraschini che si è visto anche in attacco e una buona difesa generale, anche fisica.

    Nell’ultimo vi è stato un tracollo. Qui si è vista davvero un po’ di paura nel prendere certi tiri. Però concordo con chi dice che non vi è stato alcun tracollo, che la squadra si è impegnata, che tutti si sono mossi per cercare di fare qualcosa.

    Secondo me la chiave potrebbe essere davvero far inserire gli italiani. Se si riscisse a farli rendere come possono (e, mi ripeto, Della Valle vale certamente uno Stefano Gentile, Biligha vale certamente un Ricci, Moraschini vale quanto un Aradori) i vari Rodriguez, Scola, Micov (e Nedovic quando rientrerà) potranno fare i fenomeni e risolvere e vincere le partite.

    Messina dovrebbe dare loro un po’ più di minuti in LBA per renderli ancora più consapevoli delle loro possibilità.

    Stesso discorso per White: è il momento di responsablizzarlo per cercare di recuperarlo. Almeno in LBA dovrebbe giocare 20 minuti a gara, anche per preservare Scola ed anche Brooks che negli ultimi empi si è un po’ involuto, specie in attacco, dove si autocensura.
    Il Chacho, comunque, ha dato un segnale importante: lavoro e lotta! Questo potrebbe essere uno di quei momenti in cui c’è la svolta, in cui il gruppo si cementa e porta ad una reazione decisa. Io ci credo ancora.

  5. Bene il segnale del Chacho. Ma lui per primo deve migliorare le imbarazzanti percentuali al tiro da tre. Il basket non è fatto solo di difesa, soprattutto in una squadra in cui, Nedovic a parte (quando c’e’….), gli altri esterni (Roll, Della Valle, Moraschini, Cinciarini, Mack) non la mettono quasi mai….

Comments are closed.

Next Post

Barocci: Alla Virtus la Coppa non interessa, Sassari la sua rivale

Andrea Barocci analizza l’andata di LBA: Chi la fiducia sembra averla persa è Milano, il cui ko nel derby con Cantù non è solo figlio degli infortuni
Olimpia Milano

Iscriviti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Leggi articolo precedente:
Ultras Milano
Gli Ultras Milano: Rendimento? Anche impegno e rispetto

L'intervento degli Ultras Milano dopo il ko con Cantù: Un derby conta per chi lo vive con la passione che...

Chiudi