Il (primo) grande botto estivo del mercato Olimpia Milano è, dunque, il Chacho Rodriguez. L’accordo per un biennale con il campione d’Europa in carica fa capire, anche con i fatti, le intenzioni della nuova società firmata Ettore Messina: i biancorossi vogliono essere una contender europea, magari non per arrivare fino in fondo già l’anno prossimo, dove l’obiettivo dichiarato sono i playoff, ma con l’idea di diventarlo il più presto possibile. 

Mercato Olimpia Milano | Cosa porta il Chacho Rodriguez

Il playmaker spagnolo porta innanzitutto esperienza, ad un roster in cui non ci sono tanti giocatori abituati a lottare per traguardi europei di altissimo livello: il doppio trionfo europeo (Real 2014/15, Cska 2018/19), il premio di MVP della stagione continentale 2013/14 e tutti gli altri trofei conquistati nel corso della carriera, anche da uomo chiave della nazionale spagnola, sono un manifesto della mentalità vincente del Chacho.

Un giocatore capace di salire di livello nei momenti decisivi delle partite e delle stagioni, nonostante, vista l’età non più giovanissima (proprio oggi compie 33 anni), sia un uomo da una ventina di minuti a partita. Seppur sia ancora in grado di giocarne 30 o anche 35 in caso di necessità per qualche specifica gara della stagione, ma non certamente di media. Elemento importante, non disputerà i Mondiali 2019 in Cina e, quindi, sarà a disposizione di Messina sin dal primo giorno di raduno.  Un vantaggio importante per la costruzione della squadra.

Mercato Olimpia Milano | Rodriguez con o senza Mike James?

Ma sarà il faro della nuova Olimpia oppure si dividerà il ruolo con Mike James? Una domanda alla quale, al momento, è difficile rispondere: ogni giorno cambiano le indiscrezioni, che oggi sono più per una conferma dell’americano. Il Chacho potrebbe essere l’uomo giusto per fare coppia con il n° 2, potendo dividersi i minuti, senza mai far scendere il livello della regia della squadra, come invece è accaduto in più di un’occasione nella passata annata, quando MJ usciva dal parquet. L’AX potrebbe replicare quanto accaduto con Nando De Colo e/o Daniel Hackett quest’anno al Cska, avendo tra l’altro sempre un big a far coppia con Andrea Cinciarini in campionato, lasciando così l’altro a riposo per la successiva partita di Eurolega. 

Ci sono anche delle controindicazioni, però. Entrambi non sono certo dei mastini a livello difensivo e, dunque, avranno bisogno di essere ‘protetti’ dal resto della squadra, così come entrambi hanno spesso avuto in mano il pallone nei momenti chiave delle partite. Se saranno entrambi nel roster milanese 2019/20, toccherà ad Ettore Messina dividere le responsabilità. Per evitare possano pestarsi i piedi in campo e far nascere, soprattutto, qualche malumore fuori dal parquet. Cioè quello che il neo coach vuole assolutamente evitare.

Annunci

3 Comments »

  1. Non sono molto informato sulle vicende russe. C e`un particolare motivo per cui il CSKA l ha “lasciato andare”? Ha preso / mira a prednere qualcuno di meglio?
    Grazie per la risposta

  2. Dopo aver vinto l’Eurolega, è probabilmente un po’ finito un ciclo al Cska: oltre al Chacho, infatti, è andato via anche De Colo ed ha preso (per ora) Strelnieks tra gli esterni. Ed anche lo stesso Rodriguez pare avesse voglia di una nuova esperienza.

Rispondi