James, Nedovic, la difesa zoppicante, Kuzminskas e la transizione: cronache tra Brindisi e Podgorica

Non era atteso come il test del secolo e non lo è stato: Milano si sbarazza di un’ottima Happy Casa Brindisi con un buon terzo quarto, scacciando le insidie classiche dei “celebration day”, quelli in cui spesso guardi talmente tanto indietro che ti dimentichi del presente.

Le buone indicazioni del precampionato si confermano nell’esordio in LBA, torneo obiettivamente secondario per l’Olimpia fino a quando non si farà sul serio, leggi inizio maggio. Chi scrive resta dell’idea che, se i biancorossi vogliono essere competitivi in Eurolega, il campionato dovrà essere una sorta di laboratorio, in cui sperimentare e dare corso a quanto si costruisce in allenamento. Questo perché proprio quell’allenamento, dalla prossima settimana, sarà un miraggio per Pianigiani, laddove il calendario imporrà ritmi in cui le stringhe si allacceranno in palestra non più di una dozzina di volte, da qui a fine anno.

I consueti 5 punti di analisi, che non possono che partire dalla certezza numero uno milanese.

  • Mike James e Nemanja Nedovic. Prepariamoci, perché sarà quasi un tormentone: da questi due non si prescinderà, mai. Il salto in alto nella qualità del gioco meneghino è al 75% dovuto alla presenza di due guardie in grado di creare immediato vantaggio nel sistema del loro coach. Da lì nasce tutto. Le accelerazioni del nativo di Portland sono qualcosa di unico, mentre la leadership del serbo nasce soprattutto dalla capacità di fare sempre la cosa giusta per la squadra, vedi tirare senza esitazioni alcuna anche dopo due errori. C’è tanto altro in questi due ottimi giocatori, il Forum ne sarà testimone.
  • La difesa Olimpia zoppica un po’ troppo a lungo, soprattutto nel concedere piccole cose che portano a canestri che non dovrebbero appartenere al copione. 48 punti nel primo tempo sono troppi, 92 finali pure. E’ vero che la crescita del ritmo offensivo porta a gare a più alto numero di possessi, tuttavia bloccato e bloccante avversario sono spesso troppo liberi, nonché manca protezione sul lato preferito di esecuzione di alcuni avversari (Banks e Brown su tutti). Dettagli. da correggere.
  • I rimbalzi. 42-26, sebbene non di fronte ad una corazzata del ferro, è dato che la dice lunga. 8 di Kuzminskas, 7 di Tarczewski, 6 di Brooks  e poi altri 4 giocatori a quota 4: Milano ha fisicità ed atletismo per essere superiore ai pari ruolo nettamente. Certamente in LBA, da verificare, ma con ottimismo a riguardo, nell’Europa che conta.
  • Mindaugas Kuzminskas. Partita a tutto tondo la sua, con le amate soluzioni in penetrazione, sia frontale che chiuse dopo essersi portato spalle a canestro. Anche qui, a costo di ripetersi, si tratta di situazione chiave: se l’Olimpia saprà giocare almeno 10 minuti a gara con il lituano nello spot di 3, le cose cambieranno. Verso l’alto. E ne beneficerà moltissimo la percentuale dall’arco, dello stesso giocatore come dei compagni. Anche perché la coppia con Jeff Brooks, già vicino alla nomina di ministro della difesa e di qualunque cosa richieda uno sforzo supplementare, ha pochi eguali: anche in Europa, in questo caso.
  • La corsa e la circolazione di palla. La squadra si muove meglio rispetto all’anno scorso e non potrebbe essere altrimenti. Il ritmo impresso dalle due guardie è molto più alto e soprattutto molto più incisivo nella circolazione di palla. Se la transizione è buona, ne deriva un più rapido movimento della boccia e l’automatico impedimento, per gli avversari, di fronteggiare le molteplici minacce dell’attacco biancorosso. La Milano che corre e muove la palla è un pericolo per tutto il continente, mentre quella che palleggia senza attaccare per i soliti 12-14 secondi dello scorso anno è a rischio pure in una LBA che non finirà negli annali. Il che non vuol dire necessariamente contropiede, ma solo ritmo offensivo derivante dall’inizio del possesso.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Anonymous
Anonymous
2 anni fa

Piaciuto molto che la squadra abbia diverse soluzioni in attacco. Certo la difesa di Brindisi non è un test particolarmente significativo, ma la circolazione di palla comunque la devi avere, e le idee per concludere pure. Milano ieri ha mostrato entrambe. Sono d’accordo con te sugli esperimenti da fare in stagione LBA, come degli allenamenti che non si potranno fare altrimenti, e mi pare che ieri Pianigiani ne abbia fatti, e ha ottenuto delle indicazioni. Certo, la partita l’ha vinta IL quintetto, James Nedovic Micov Brooks Tarczewski schierato a inizio 3 quarto per chiudere la partita. Tante altre soluzioni hanno… Leggi il resto »

Anonymous
Anonymous
2 anni fa

(palmasco, qui sopra)

U. Fo
U. Fo
2 anni fa

Concordo sulla straordinaria “voglia” di James. Sulla qualita’ della nostra difesa (quando vogliamo). Sulle diverse alternative in attacco. Sulla necessita’/possibilita’ di fare esperimenti in lba o, quanto meno, di dare spazio a tutti.
Ed anche sulla grande voglia di Europa: buona Eurolega a tutti, dunque.

Next Post

Non cadere nelle provocazioni e accettare lo scontro fisico: ecco la ricetta per Podgorica

Il giorno è arrivato. Oggi, alle ore 18.45, l’Olimpia Milano farà il suo esordio in EuroLeague a Podgorica. Terra di calcio, ha dato i natali a Dejan Savicevic, terra di basket, perchè qui ha preso il via anche la vita di Nikola Mirotic, nazionale spagnolo e ala dei New Orleans […]

Subscribe US Now

3
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: