#WeNotMe, la stagione abbia inizio. Brescia-Milano nelle scelte di Pianigiani e nei valori della Leonessa

Ore 20.45, parte la stagione dell’Olimpia Milano. Quell’Olimpia che, citando le parole di Luca Banchi a Sportando: «Sta dando spazio a quello che sono le sue grandissime potenzialità. Credo che nessun tifoso potesse chiedere di più a questo mercato. La società dovrà scalare posizioni dopo due annate complicate in EuroLeague, ma senza mascherare le sue ambizioni».

EuroLeague, sempre EuroLeague, ma non si può pensare di impostare una campagna di conquista senza aver prima posto le giuste difese al proprio castello. Nel «Gioco del Trono» Simone Pianigiani vuole ripercorrere oltreconfine le orme proprio di Luca Banchi, diventando nel contempo il primo biancorosso dell’era Armani a bissare uno scudetto, e a conseguire il cubo tricolore come la Sassari di Meo Sacchetti nel 2015.

Lo stesso coach senese, per una volta, non mette troppo le mani avanti, sottolineando la confusione della preseason nel contesto delle finestre FIBA, ma ribadendo anche i molteplici cambiamenti delle avversarie in campo.

Restano comunque i dubbi per i 12 che scenderanno in campo al PalaLeonessa. Curtis Jerrells ha da poco ripreso a lavorare con i compagni, e non sarà della contesa. Credibile che il turnover riguardi anche Kaleb Tarczewski, con l’ex Christian Burns secondo centro al fianco di Arturas Gudaitis, ma l’infermeria registra anche qualche acciacco.

Leonessa Brescia, che ha confermato solo Brian Sacchetti, Luca Vitali e David Moss, e che si appresta a vivere l’Europa in un impianto nuovo. Di fatto, un nuovo capitolo che potrebbe portare la società della coppia Bonetti-Bragaglio al top assoluto del nostro movimento.

Schermata 2018-09-29 alle 08.53.13

In campo, pur senza Michele Vitali e il bomber Landry, tre USA di importanti prospettive. Bryon Allen, classe 1992, è una combo con il senso del canestro in entrata, discreto in difesa ma senza una particolare pericolosità da fuori. Un innesto di velocità come cambio (o unitamente) a Luca Vitali, per innescare anche le rollate di Gerald Beverly, che a differenza del compagno Eric Mika (centro più classico) può rappresentare un valore alla Dustin Hogue, dimensionato, ma abile nei cambi difensivi su qualsiasi avversario. E poi c’è la potenziale stella Jordan Hamilton, 201 centimetri di pura potenza su entrambi i lati del campo, esperienza (classe 1990) e tiro da fuori.

Annunci

3 pensieri su “#WeNotMe, la stagione abbia inizio. Brescia-Milano nelle scelte di Pianigiani e nei valori della Leonessa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...