La stoppata di Gigi separa il sogno dall’incubo

71-69 e sarà Finlandia negli ottavi, in un quarto di tabellone dove ci saranno i serbi di Sasha Djordjevic, piuttosto che la Russia di Shved, a sfidare l’Ungheria.

Ad Istanbul non ci sarà un domani e la tensione sarà alle stelle, fin dalla palla a due: che Italia potremo vedere dopo una due giorni in cui stelle e stalle si sono alternate in modo incredibile, ad una prima analisi senza una plausibile logica?

All’interno di una gara come quella con la Georgia, dopo quella mediocre coi tedeschi, le sensazioni che si susseguono appartengono ad un’irrazionalità che va molto oltre le normalissime logiche del gioco. Vaghiamo senza meta dai tiri “da campetto” ad un eccessivo utilizzo delle triple, dall’assoluta impotenza offensiva sotto canestro ad una difesa che a tratti è un capolavoro, dai momenti di totale onnipotenza di Belinelli alla staticità del pallone che lo rende inoffensivo e vittima di tante…

View original post 1.155 altre parole

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...