Llull, Birch e… Simon: tre facce di una sola Eurolega

In una giornata memorabile per chiunque ami questo gioco, Sergio Llull urla al mondo che il suo Real c’è e non mollerà un solo centimetro: Teodosic è avvisato.

La partita della notte madrilena mostra decisamente due squadre che oggi appartengono a un altro pianeta rispetto a tutte le concorrenti. Pallacanestro di altissima qualità, fatta di talento, tattica e volontà.

«They wanted it more». Chiarissimo Dimitris Itoudis, mentre Pablo Laso parla di prova «magnificent». Non impensabile che arrivasse, dopo che il coach si era preso la totalità delle colpe per il crollo in ACB a Vitoria. Quel che poi deve aver detto in spogliatoio mi pare ovvio che sia stato ben altro: grande coach.

Gustavo Ayon gioca una prova solida, contro un Augustine che pare sempre meglio introdotto nei meccanismi CSKA, ma alla fine soccombe e non di poco. Di Luka Doncic impressiona la maturità in 24’32” sul campo, anche quando…

View original post 796 altre parole

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...