Alessandro Gentile non distragga, è ora di cambiare. Se non Repesa, chi? Hickman? Raduljica? Dragic?

Dieci anni dopo, il Paladozza non è più solo punto alto, ma anche punto basso di una carriera. Sarebbe ingiusto rappresentare «l’essere Jasmin Repesa» dimenticando un passato che, nel dicembre 2006, visse dell’incoronazione per mano dei tifosi fortitudini. Dieci minuti di standing ovation, che ora sono 40’ di ennesimo «de profundis», di ennesimo punto più basso, 91-87 incassato che significa sesta sconfitta in sette uscite dal giorno dell’addio di Alessandro Gentile. Nome non a caso, perché dalla Grecia il «karma» dell’ex capitano è stato «arma di distrazione di massa», distraendo il tifo milanese da quel che è il reale problema, ovvero il «nulla».

Un «nulla» che per onestà intellettuale non riferiremo più alla semplice convinzione sulla necessità di chiudere il matrimonio con il coach croato. I capi d’accusa sono sempre i medesimi, ma se nessuno agisce, significa che le nostre convinzioni di responsabilità non sono così profonde. Certo, 91 punti concessi ad una Reggio Emilia reduce da tre ko in quattro uscite, e orfana di Amedeo Della Valle e Stefano Gentile (e che perde 16 palloni), sono ennesima conferma ad un sistema difensivo (matrice repesiana da sempre) che non esiste. Certo, 16 contropiede a 4 (dato LBA) significa che ormai non si corre neanche più (altro dogma repesiano). Ma la ripetitività è sinonimo di cecità, e allora…

E allora che giocatori siano, perché comunque «così non si va avanti». Krunoslav Simon e Milan Macvan in tribuna, al momento fuori da ogni giudizio.

Richard Hickman gioca 22’ con 17 punti e 4 assist, un bel -9 di valutazione, e con 24 di contraltare dalla coppia Needham (il migliore in campo dopo Aradori) – De Nicolao. Il play Usa è totalmente assente in difesa e intermittente in attacco, anche per problematiche tendinee che ne hanno limitato il lavoro in allenamento. Giovedì arrivo lo Zalgiris di Pangos e Westermann…;

Miroslav Raduljica 18’ da 5 punti e 1 rimbalzo, ovvero meno della metà di quanto prodotto da Riccardo Cervi in 21’ sull’altro lato. Il tutto con 2 stoppate subito e un -7 di plus/minus. La squadra non lo coinvolge non riuscendo mai a servirlo in profondità, e dal post alto lui non fornisce più letture. Quale il senso di tutto questo?

Zoran Dragic. 18’ con 1/4 al tiro e 3 palle perse. C’è un +6 di plus/minus che lo conferma miglior difensore della squadra nella batteria esterni, ma trattasi di individualità esaltata dalla precarietà dello scenario, e lo sloveno non può e non deve essere valutato solo per questo. Non si stacca uno dei contratti più pesanti nell’attuale roster per essere un mero agente difensivo senza capacità di incidere sull’altro lato del campo, dove anzi è deleterio. Il curriculum è da uomo in grado «di sovvertire le difficoltà», non «di esserne disperata vittima».

Tre nomi, nel processo a Milano, che creano allora una necessità globale. Cambiare, nella guida o negli ingranaggi, perché sei sconfitte dal giorno dell’addio ad Alessandro Gentile (o sette ko di fila in EuroLeague, due nelle ultime tre gare di LBA) raccontano di qualcosa di ben più grave di un: «ci sono dei giocatori che non hanno fiducia, ma ne usciremo».

Alessandro Luigi Maggi

Annunci

7 pensieri su “Alessandro Gentile non distragga, è ora di cambiare. Se non Repesa, chi? Hickman? Raduljica? Dragic?

    1. A me pare che qui il problema non sia più “perdere” o “vincere”, ma “giocare”. Questa squadra ha smesso di giocare da settimane (mesi?), rovesciando una parvenza di concetto di squadra che si assaporava ad inizio stagione, stropicciandosi le mani: le vittorie sono arrivate regolarmente o per manifesta inferiorità dell’avversario (quando la tua panchina è un potenziale quintetto base di una qualsiasi altra squadra che deve competere solo in LBA, non è improbabile che accada..) o per conigli estratti dal cilindro dalle singole individualità. E se il “voi” problematizzante è riferito ai tifosi, allora è allarmante la pochezza carismatica del roster (se si preferisce, le si può anche chiamare “palle”)..

      Mi piace

      1. Il “voi” è riferito a tifosi e giornalisti che ruotano attorno all’Olimpia Milano. Io in estate non ho sentito una sola voce critica nei confronti dell’Olimpia. Poi ad ottobre dopo la prima, risicata, vittoria con un Maccabi azzoppato dagli infortuni, sembrava foste già ai playoff. L’unico a scrivere che l’Olimpia in Eurolega avrebbe avuto problemi sono stato io, sempre, anche il 17 ottobre https://cigarafterten.com/2016/10/17/euroleague-power-rankings-monday-october-17-2016/

        Mi piace

  1. Qui si parla e si giudica. Momenti, situazioni. Se si ha un’idea a ottobre, non significa che si debba negare la realtà a dicembre. Molto semplice. Si giudicherà sempre con onestà intellettuale, senza essere il male di niente e nessuno. Tutto il resto, anche l’autocitazione, è noia.

    Mi piace

  2. Continuate a parlare dei giocatori quando lo sanno pure i sassi che il problema è Gelsomino sotuttoio cinghialone Repesone. Tutti in Europa sapevano che questo pallone gonfiato è incapace a gestire una squadra di buon livello perché non sa leggere le partite, fa pochissimo lavoro in palestra, usa sempre il solito metro partita, chiede centri di peso e poi li fa giocare a 12 metri da canestro e in raddoppio ai piccoli, mai un cambio ritmo in partita. E ancora parlate del roster? Dai Maggi… Per piacere

    Mi piace

      1. Ed è incredibile come la sua storia sportiva ricalchi gli stessi clichè, da bologna in poi, mai chiuso un contratto, mai dimesso ma transato, e dato indiscutibile, le sue squadre giocano bene a inizio stagione, a meta’ campionato in stato confusionale, cambio di giocatori, ripresina …. e la finiscono in semicaciara ( dipende dai nuovi giocatori che prendono ) … io una domanda me la farei sulla reale capacita’ di quest’uomo!

        altro dato: non vince mai con le partite che contano veramente!

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...