Olimpia Milano, a Sassari terza prova consecutiva con almeno 90 punti segnati

L’EA7 Emporio Armani Milano domina al PalaSerradimigni e passa sul Banco di Sardegna Sassari con un vantaggio arrivato anche a 41 punti

L’EA7 Emporio Armani Milano domina al PalaSerradimigni e passa sul Banco di Sardegna Sassari per 63-92, con un vantaggio arrivato anche a 41 punti nel corso della gara.

Fonte: Legabasket

Per i biancorossi questa è la vittoria di stagione regolare più larga in trasferta dall’annata 2005/06 quando alla 30ª giornata il 23 aprile 2006 vinse a Udine contro la Snaidero per 68-101.

I 29 punti di vantaggio alla sirena finale sono il nuovo record di scarto per Milano in una gara giocata a Sassari, dato che aveva vinto per 60-88 (+28) nella stagione 2011/12 alla 4ª giornata.

Per l’Olimpia è la terza gara consecutiva con più di 90 punti segnati mentre nelle prime 6 gare non era andata oltre il precedente primato degli 85 segnati contro Pesaro.

Miglior prova al tiro per Milano in questa stagione con un complessivo 56.3% dal campo, percentuale ottenuta grazie al record d’annata nel tiro da due punti valevole il 65.4% (17/26).

I meneghini si confermano in vetta alla classifica stagionale per tiri liberi segnati, chiudendo una serie di 36 centri dalla lunetta senza errori che aveva iniziato alla sesta giornata con Pesaro e proseguita nelle due gare immacolate contro Trieste (10/10) e Treviso (17/17). L’84.9% complessivo dalla lunetta per la squadra di coach Messina viene anche da 4 delle prime 6 prestazioni ai liberi della stagione: 100% con 17/17 nelle gare contro Venezia e Treviso, 100% con 10/10 contro Trieste e il 93,3% di ieri sera.

Le altre due posizioni sono occupate da Brescia (14/14 proprio contro Milano) e da Scafati con il 6/6 realizzato contro Trento.

7 thoughts on “Olimpia Milano, a Sassari terza prova consecutiva con almeno 90 punti segnati

  1. I numeri sono numeri sempre e comunque,perciò mettiamo sul tavolo pure questi :18/11 Kaunas:62 22/11 Efes:51. 24/11 Fener 72 1/12 Vitoria 62.Totale 247,media 61,75 se la calcolatrice non e’ impazzita.
    Parlare dei 90 di media in Italia e’ un giusto dato statistico da riportare ma che non descrive in alcuna maniera il livello tecnico attuale della squadra in Europa dove il nostro team esprime ben altri numeri.
    Se poi vogliamo nuovamente dire che il livello della Lba sia di 10 gradini più basso di quello europeo non credo servissero ulteriori prove oltre a quelle già sotto gli occhi di tutti.
    Con tutto il rispetto per il lavoro dell’amico Maggi io toglierei di torno ogni titolo che possa fuorviare le menti di tutti i calciofili prestati al basket che pullulano su questo sito e che alla fine sono quelli sempre pronti ad abbandonare la nave alle prime ondate.
    Il malato e’ ancora in terapia intensiva e si vedono unicamente dei timidissimi segnali di ripresa che dovranno essere necessariamente confermati ad Atene,in questo momento si deve unicamente lavorare in silenzio ed umiltà,da ultimi della classe che siamo,solo così potremo rivedere l’alba.
    Quello che succede in Italia e’ giusto un buon allenamento per le partite serie ed il minimo sindacale che ci compete e’vincerle,ma evitiamo complimenti di qualsiasi genere ,nessuno li merita per quello che si e’ visto fino ad oggi.

    1. Secondo me l analisi che va fatta è un po’ diversa. Se in Eurolega sbagli i tiri aperti, gli appoggi da un metro ecc. Il motivo è solo e unicamente mentale. Perché in Eurolega creiamo dei buoni tiri che se non entrano portano la squadra a sbagliare anche i successivi fino ad arrivare alla classica involuzione del non costruire più nulla. In Italia anche se si sbagliano i primi tiri si continua a giocare a testa libera e naturalmente poi i tiri entrano.
      Ci vuole un mental coach che lavori sulla testa dei giocatori perché il problema è solo nella loro testa

  2. Questa è una tesi interessante. La squadra essendo il livello più alto va in affanno mentalmente e sbaglia i tiri da 3 aperti ed anche i liberi e i facili appoggi da sotto.
    La seconda tesi è che il livello molto più fisico dell’eurolega manda in tilt i meccanismi ancora approssimativi della squadra che giocando al limite non tiene 40 minuti forse neanche 20.
    Forse sono vere tutte e due le spiegazioni.

    1. anche secondo me non tengono 40 minuti di eurolega, perché il livello di impegno e’ più elevato.

  3. Il mio commento vedendo le ultime 2 partite … è che il livello EL al momento non lo teniamo.
    Non credo alla questione mentale credo invece al fatto che le squadre EL sono fisicamente più prestanti e con giocatori mediamente più forti. Purtoppo … e lo dico perchè alcune hanno budget inferiore al nostro.

    osservazioni:
    1. avete visto Fener-Real … sopratutto il Real che squadra mette in campo! 12 uno più forte dell’altro. Con terminali offensivi da paura!

    2. Disco rotto. Avrete visto la Virtus … quindi il nostro amico Ben Bentil … che tra un pasticcio e l’altro comunque in EL in 24 minuti di media segna 12 punti col 41% da tre! Più qualche bel rimbalzone e tanta energia! E grande gioco in post basso dove se nn riesce a tirare scarica alla grande verso il centro. Amen …

Comments are closed.

Next Post

Reggio perde ancora, ma Cinciarini scrive il record assoluto stagionale di assist

Nel corso della 9ª giornata sono state realizzate tre delle prime 5 miglior prestazioni per assist della stagione. C'è il Cincia
Andrea Cinciarini scrive la storia. L’ex capitano di Olimpia Milano ha superato Pozzecco in vetta alla classifica di assist all-time

Iscriviti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: