Datome: Spero di vivere una serata così l’anno prossimo a livello europeo

Fabio Cavagnera 5

Le lacrime a fine gara 6, il titolo, la speranza per il futuro ed uno sguardo anche al ritorno in Nazionale: a tutto Gigi

Una delle immagini iconiche dello scudetto numero 29 dell’Olimpia Milano resteranno le lacrime di Gigi Datome, quando è stato sostituito da Ettore Messina per ricevere la meritata standing ovation del pubblico del Forum, a pochi minuti dalla sirena finale di gara 6. “Non mi aspettato le lacrime, ma è stata una serie di fattori – le sue parole – La finale persa l’anno scorso, quella con Roma nel 2013 ed il fatto che, da ragazzino, quando ho vinto gli scudetti con le giovanili mi chiedevo se mi sarebbe capitato ‘da grande’. Quando capisci che ce l’hai fatta, con mio padre arrivato dopo essersi negativizzato la mattina prima… Allora mi sono liberato“.

Uno scudetto da protagonista, finalmente in Italia, dopo i trionfi all’estero: “Questi ultimi sette anni ho giocato le finali, molte le ho vinte. Sono partite che mi piace giocare, ero concentrato, nonostante i pochi minuti delle partite prima. Ero focalizzato sull’aiutare la squadra per vincere, poi i compagni ed il coach hanno fiducia in me. È stato molto bello“. Con un pubblico caldissimo ed entusiasta, sempre tutto esaurito: “La vittoria in trasferta in Gara 1 è stata la partita decisiva per la serie, poi abbiamo avuto un vero fattore campo con un pubblico bellissimo e molto corretto. Mi ha fatto piacere essere stato dalla parte di una certa eleganza“.

Un successo arrivato da imbattuti in casa in Italia: “Il fattore campo vero l’abbiamo avuto in finale. Prima c’erano i tifosi, ci avevano dato una mano, ma non c’era mai stato questo calore. Ci abbiamo messo del nostro per vincere tante partite in casa. Chissà il prossimo anno ce l’avremo anche nei playoff di Eurolega, perché ci serve un fattore campo così. Ci facciamo un mazzo tanto per arrivare tra le prime quattro, avere il fattore campo, poi tutta Europa ce l’ha e noi… So che c’era Inter-Milan, restrizioni, ma spero il prossimo anno di vivere una serata del genere a livello europeo. Sarebbe davvero importante“.

Ora è tempo di Nazionale, con un’estate bella piena tra qualificazioni Mondiali e, soprattutto, gli Europei proprio a Milano, e ‘Gigione’ conferma il suo ritorno in azzurro, già annunciato da Pozzecco nella conferenza stampa di presentazione: “Sì, lo confermo“. E, appunto, il Poz ora lo ritroverà in azzurro, dopo questa annata da assistente sulla panchina biancorossa: “Può portare continuità, dopo i grandi risultati ottenuti da Meo. Porterà il piacere di giocare in Nazionale e di vedersi in estate per fare qualcosa di bello. Poi porterà qualcosa di suo, perché Poz è unico e porterà il suo bagaglio di allenatore e di personalità“.

5 thoughts on “Datome: Spero di vivere una serata così l’anno prossimo a livello europeo

  1. È anche la nostra speranza sarebbe fantastico farlo #insieme

    1. Dopo queste parole, sarei sorpreso, in negativo, se non dovesse rimanere da noi.

  2. Spero rimanga, giocatore da finali, da far giocare il meno possibile e centellinarlo, come il buon vino,

Comments are closed.

Next Post

Sandro De Pol: Virtus scarica in finale. L'Olimpia aveva altra durezza mentale

Sandro De Pol, voce di Rai Sport, ha commentato l’esito delle LBA Finals 2022 su Il Resto del Carlino
Virtus Olimpia Milano

Iscriviti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: