Olimpia Milano vs Virtus#6, 3 domande 3 | Trovare soluzioni senza pensare all’Elettromacumba bolognese

Alessandro Maggi 4

Olimpia Milano vs Virtus, gara-6. Tornano le 3 domande 3, nel giorno più lungo. Noi, ovviamente, ci siamo. E ci saremo

Olimpia Milano vs Virtus, gara-6. Tornano le 3 domande 3, nel giorno più lungo. Noi, ovviamente, ci siamo. E ci saremo.

Sono state due giornate “serenissime”. Che clima ci sarà in campo? Per l’Olimpia sarà ancora più complicata?

«No. Sono stati due giorni di “Elettromacumba” (pronuncia testuale originale “ielleto macumba”), ma Milano ha messo per sicurezza un po’ di cornetti qua e là contro il voodoo digitale dei media bolognesi. La frase più ricorrente ora è: “inizialmente, quando parlò Baraldi, credevo sbagliasse. Invece…”. Ma direi che potevamo aspettarci qualcosa in più di qualche trollata, o di simili dialettiche non da osteria, ma da porta scope d’osteria. Sarà una gara tesissima, con pressione equamente distribuita: Milano per non ritrovarsi a giocare una gara senza domani in una Segafredo esaurita (perchè a quel punto i biglietti verrebbero anche lasciati dentro i piatti di tortellini), la Virtus per non essere spettatrice delle feste altrui. Il resto sono seghe mentali».

Su cosa ha lavorato Ettore Messina dopo il ko di gara-5?

«Immagino sull’attenzione. Sia chiaro, il sito è milanocentrico, ma noi non riteniamo che tutto nasca e dipenda da Milano. Se la Virtus gioca bene, se coinvolge i suoi lunghi, se produce anche da fuori, bravi loro. Non è che sia sempre e solo colpa di Milano, a volta è semplicemente brava la Virtus. Ma certamente bisognerà rendere la vita difficile ad Hackett e compagnia in fase di costruzione, per evitare che Jaiteh e Shengelia ricevano così profondi. Un fatto, che l’elettromacumba di questi giorni ha cancellato: il centro di Scariolo, nel secondo tempo della Segafredo Arena, ha segnato zero. E Milano è rientrata».

Quali possono essere i punti di forza milanesi?

«Il roster. Per dire, se Shavon Shields rende meno, capiamo che in difesa sia comunque un fattore, ma Datome non può giocare 5’ dopo aver portato l’Olimpia sino ad un passo dallo Scudetto. Messina è il numero uno nel ricercare e trovare i quintetti per fermare l’avversario. In questa serie c’è riuscito sempre. Ma oggi, è anche il tempo di cercare e trovare il quintetto per fare male all’avversario».

4 thoughts on “Olimpia Milano vs Virtus#6, 3 domande 3 | Trovare soluzioni senza pensare all’Elettromacumba bolognese

  1. Idem!

    Messina continuerà con il suo credo. Anche stasera mi aspetto rotazioni scarse. Gigione giocherà, se renderà. Come gli altri. E magari avrà ragione il coach.

  2. Stanlio Baraldino e Ollio Zanetti hanno chiuso le comunicazioni.
    Meglio così ero stufo della montagna di minchiate che ho sentito finora.
    Stessero zitti per sampre

Comments are closed.

Next Post

Olimpia Milano vs Virtus #6 | I roster ufficiali delle due squadre

Le scelte ufficiali dei due allenatori per la sesta sfida tricolore, al via alle 20.30 al Mediolanum Forum

Iscriviti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: