Virtus vs Olimpia Milano#2 | Si ode il rumore dei nemici. Sarà una notte infuocata

Alessandro Maggi 7

Virtus vs Olimpia Milano, secondo atto. In scena alle ore 21 alla Segafredo Arena, con consueta diretta su Rai Sport, Eurosport 2 e Discovery+

Virtus vs Olimpia Milano, secondo atto. In scena alle ore 21 alla Segafredo Arena, con consueta diretta su Rai Sport, Eurosport 2 e Discovery+. Arbitrano Paternicò, Rossi e Giovannetti. Come sempre capita dopo un colpo esterno in gara-1, questa è la prima gara cruciale della serie.

Virtus vs Olimpia Milano#2 | Tre domande tre

Virtus vs Olimpia Milano | Un occhio ai roster

StatusOLIMPIA MILANOStatusVIRTUS BOLOGNA
MelliBelinelli
BilighaPajola
RodriguezAlibegovic
GrantRuzzier
❓​BentilJaiteh
DelaneyWeems
HinesTeodosic
HallSampson
AlvitiCeron
TarczewskiAbass
RicciTessitori
DanielsCordinier
MitoglouMannion
DatomeHervey
ShieldsHackett
KellShengelia
BaldassoUdoh
✅ disponibile, ❌ assente, ❓​ in dubbio

Questi invece i roster in campo, divisi ruolo per ruolo, con le indicazioni sugli italiani.

OLIMPIA MILANOvsVIRTUS BOLOGNA
Rodriguez, BALDASSOPGHACKETT,
PAJOLA, MANNION
Hall, GrantGBELINELLI, Teodosic
Shields, DATOME, ALVITISFWeems, Cordinier
MELLI, RICCI, Bentil (?)PFShengelia, Sampson,
ALIBEGOVIC
Hines, BILIGHACJaiteh, TESSITORI
MessinaCOACHScariolo
(?) – giocatore in dubbio, in MAIUSCOLO gli italiani

Le ultime dalle sedi

Partiamo dalla Virtus Bologna. JaKarr Sampson favorito per il posto numero 11, Amar Alibegovic certo del posto numero 12, anche l’NE è toccato, e toccherà ancora credibilmente, a Nico Mannion. Tornando agli USA, il popolo Virtus ha invocato Kevin Hervey per il suo potenziale da fuori, ma Sampson è reduce da una discreta gara-1, ed è chiamato ad alzare la presenza a rimbalzo.

Più dubbi in casa Olimpia Milano. Ben Bentil è uscito malconcio da gara-1, ed è in dubbio. Si scalda Kaleb Tarczewski, ma la sensazione è che alla fine l’ex Panathinaikos sarà in campo regolarmente.

La partita

Si promette un’altra notte rovente in Fiera. Non sono attesi più degli 8.500 spettatori della prima sfida, ma sulle radio bolognesi si ode il rumore delle armi, con gestione arbitrale nell’occhio del ciclone secondo un copione prestampato.

E’ l’inevitabile paura di chi dava per scontato di vivere una serie senza grandi pressioni, se non da gara-4 in poi. Invece, almeno oggi, la pressione è tutta sulla squadra di Sergio Scariolo, cosciente che uno 0-2 sarebbe un colpo al volto impossibile da assorbire.

E allora focus su numero possessi, quindi rimbalzi, e percentuali da fuori, perchè è lì che Milano concederà spazio. Per il primo dato si parte dal 41-50 di gara-1, con l’Olimpia capace di coglierne ben 17 offensivi. Così la Virtus non ha mai potuto correre, rendendo inoffensive armi altrimenti malandrine come Cordinier e Weems, o quanto meno “castrandole”, vedi Shengelia e Belinelli.

Quindi il tiro da fuori, perchè Milano non concederà soprattutto il facile arrivo al ferro, cercando di eliminare ancora dal match Mam Jaiteh, tramortito dagli 8 punti in avvio di Kyle Hines. Uno che sa come dare indicazioni chiare dalla palla a due.

Altro focus, Milos Teodosic? Sì, ma diciamo Marco Belinelli. Nel finale di gara-1 capolavoro Olimpia è stato quello di metterlo in difficoltà nella ricezione di palla. La Virtus, semplicemente, non è riuscita a servirlo, perdendo addirittura il possesso sull’ultima azione offensiva del match. Perchè il Beli, se riceve, produce sempre qualcosa.

7 thoughts on “Virtus vs Olimpia Milano#2 | Si ode il rumore dei nemici. Sarà una notte infuocata

  1. Sottoscrivo tutta l’analisi di Maggi. L’elemento in grado di far saltare il banco è uno e solo uno: Marco Belinelli. Le sue triple in transizione sono capaci di rendere una bolgia il palazzetto, trascinando tifosi e compagni. Quante ne ha messe in gara 1 , così? Nessuna. Probabile quindi un risveglio in gara 2, perché parliamo di un campione unico. Forza Olimpia. Stasera, come sempre, tutti con te. Confido in una Milano più sciolta al tiro, più serena, ma sempre con il caschetto da battaglia.

  2. Si parla tanto di Belinelli e della scarsa vena bolognese al tiro, ma se Atene piange Sparta non ride, nel senso che le nostre % al tiro, sia pur in miglioramento nella ripresa, sono state da polveri bagnate. Quando mai il Chacho sbaglia tanto dall’arco? Certo anche la loro difesa ha dei meriti, ma se Belinelli si accende perché non dovrebbero infiammarsi Chacho e gli altri nostri tiratori.

    Basta un niente per aggiungere 10-15 punti al nostro attacco, mentre in difesa serve una prestazione da trasferta di Eurolega come ne abbiamo viste tante in questa stagione, a tenere l’avversario di turno sotto i 70 punti. Ed erano tutte squadre toste, anche più toste e fisiche (anche se meno scorrette) dei tortellini. Forza Olimpia per Gara 2.

    1. Sì, ma il tetto di Bologna è più alto. Una gara a chi segna di più la vince la Virtus, quindi giustissimo sottolineare che pure Milano ha tirato malissimo e che è probabile che la storia cambi, però dal perimetro credo che Bologna abbia dei margini migliori. E anche sotto canestro dove ha buttato una valanga di tiri per pura ansia.

  3. La personcina oggi non fa dichiarazioni?
    O si tiene per sé la sua sapienza?
    Pendiamo dalle sue labbra.

    1. Ha sparato cavolate per quanto riguarda i posti vuoti in tribuna 🙂

  4. Alcune considerazioni (che lasciano il tempo che trovano) guardando il tabellino:
    – vincere con il 13% da 3 tanta roba
    – i titolari forse avrebbero bisogno di giocare qualche minuto in meno, la sensazione è che a quei livelli la differenza tra 25 e 30 minuti giocati con partite così ravvicinate si sente eccome
    – Hines 29 min, Biligha ha l’energia per giocare 3-4 minuti a fuoco
    – Grant 9 min, Ricci 6, un po’ pochi, soprattutto Ricci mi sembra sia stato oggetto di cambi punitivi
    – Shields quando è in trance agonistica può giocare anche 40 😅

    1. La partita è stata vinta di 4 punti. Cambiando uno qualsiasi dei dettagli, capace che andavamo a perdere. Avessimo vinto di 10 ed oltre ti davo ragione al 85%, così ti do ragione al 55% perché rompere l’equilibrio vincente può causare sfracelli, conoscendo i chiari di luna dei parziali da 3-17 et simila nostrani, che in gara 1 per fortuna non si sono visti.

      Il problema di Hines è legato al centro brutto grosso e cattivo da Eurolega che da anni manca all’Olimpia. In questa stagione per far rifiatare Hines si abbinavano nelle intenzioni Melli e Mitoglou per sopperire alle carenze di kaleb, ma è bastato l’infortunio del primo per perdere con l’Efes ai playoff Eurolega e il tradimento dopato del secondo per essere menomati per quasi tutta la stagione, considerando anche l’infortunio di Dinos. Bentil ci ha messo una pezza valida e speriamo sia ancora disponibile dopo il rpoblema al ginocchio di gara 1, ma se ci fosse stato un centro da Eurolega al posto di Tarcisio, questi patemi non ci sarebbero stati e Hines avrebbe potuto in stagione e potrebbe rifiatare durante questi playoff. Biligha in LBA è Ok, ma contro la Virtus, come in Eurolega non è all’altezza,

Comments are closed.

Next Post

Kyle Hines: Mi attendo una gara-2 ancora più fisica. Dovremo essere pronti

Kyle Hines commenta gara-2 di questa sera, ore 21 alla Segafredo Arena, contro la Virtus Bologna. Ecco le sue parole dal sito ufficiale

Iscriviti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: