L’Olimpia fa la voce grossa: dominio a Sassari, 3-0 e finale scudetto

Netto successo in gara 3 in terra sarda per i biancorossi, con un Baldasso protagonista. Serie chiusa, da mercoledì 8 sarà sfida alla Virtus

La Virtus chiama, l’Olimpia Milano risponde. I biancorossi dominano sul campo del Banco di Sardegna Sassari (87-69) e chiudono la serie sul 3-0, volando in finale scudetto. Un messaggio importante in direzione Bologna, per dire ‘noi ci siamo’, su un campo storicamente difficile per l’AX (e non solo) e con un pubblico molto caldo. Invece, a parte un primo quarto favorevole ai sardi, non c’è gara, perché la squadra di Messina spegne l’attacco avversario con la difesa e trova da tutti risposte offensive, in particolare da Baldasso e da una panchina molto produttiva.

Sassari vs Olimpia Milano | La partita

Come annunciato in conferenza stampa post gara 2, nessun cambiamento per Messina. L’avvio è dei padroni di casa ed il coach biancorosso chiama presto timeout, per un po’ di disattenzioni difensive. La scossa arriva dalla panchina: le giocate di Biligha, le triple di Baldasso e cinque punti in fila di Grant valgono sorpasso e primo allungo (19-25 al 13’). I sardi reagiscono con Gentile, ma l’AX ha cambiato marcia in difesa e non concede più tiri facili a Sassari. Dall’altra parte si alzano le percentuali dall’arco, con due dardi di Datome, poi Hines fa fuga vera (34-47 al 20’).

L’Olimpia spreca un paio di occasioni per dare una botta definitiva al match, la Dinamo apre con un 6-0 la ripresa e si scalda il PalaSerradimigni. A quietare gli animi ci pensa una gran tripla di Rodriguez e la squadra di Messina torna in controllo del match, per poi aggiornare il massimo vantaggio, andando con costanza vicino a canestro con Ricci e Melli. L’ex Pelicans firma anche il +20 (46-66 al 28’) in contropiede ed è la parola fine al match, perché uno scatenato Baldasso manda successivamente i titoli di coda con le triple. E l’Olimpia vola in finale.

Sassari vs Olimpia Milano | Il tabellino

BANCO DI SARDEGNA SASSARI-AX ARMANI EXCHANGE MILANO 69-87 (19-17, 34-47, 53-71)

Clicca qui per il tabellino del match

Olimpia Milano calendario | I prossimi appuntamenti

La finale scudetto inizierà mercoledì 8 giugno e si giocherà ogni due giorni. Prime due gare sul campo della Virtus Bologna, successive due a Milano (domenica 12 e martedì 14), poi eventualmente Bologna, Milano e Bologna. Ancora da annunciare gli orari delle partite.

13 thoughts on “L’Olimpia fa la voce grossa: dominio a Sassari, 3-0 e finale scudetto

  1. Qualcuno, l’ altro ieri, parlava di condizione fisica, improponibile….

      1. Io adoro Messina , adoro Milano probabilmente più di tutti voi. Quello che però ho notato è che è impossibile muovere critiche costruttive alla squadra : qui si considera Milano come il Dream Team, dove tutto è intoccabile, tutto è perfetto. La realta putroppo è lontana da essere così: vorrei vedere sempre la Milano di Novembre – Gennaio quando Abbiam vinto dominando con Barcellona, Real, Efes. Quella squadra andava ai 100km/h. Questa va molto più piano. Non prendiamo Sassari come riferimento, per favore. Giocano in 7, e lo fanno pure bene (a parte sta gara 3). Il giorni che le critiche costruttive potranno portare a un dialogo sensato, questo blog sicuramente sarà un posto ancora migliore per scambiare opinioni. Oggi, ogni critica o possibile miglioramento proposto a Milano è visto come un attacco a chissà cosa…. Aprite gli occhi. Imparate a criticare la squadra quando si deve, per crescere, e ad applaudirla quando gioca come stasera. Saluti

      2. (dopo aver battuto due volte, senza aver davvero rischiato di perdere, una delle squadre più pericolose del campionato)
        “L’Olimpia è inguardabile, giocatori alla frutta, la palla non gira, nessuno difende, che schifo”
        “Scusa eh ma questo è un giudizio un po’ ingeneroso…”
        “E VABBEH MA ALLORA NON POSSO NEANCHE MUOVERE UNA PICCOLA CRITICA!”
        Eddai…

      1. Fra84, tu parli di novembre – gennaio. Anche ad Ottobre, non eravamo messi male : 5W consecutive, in Eurolega : CSKA, Baskonia, Maccabi, Efes e Villeurbanne. Se tu credi che sia possibile mantenere, una condizione fisica ottimale, da ottobre a giugno, sei nel libro dei sogni. Comunque, definire la condizione fisica attuale ” improponibile “, mi sembra quantomeno esagerato. Tutto qui.

  2. Mi sembra che i ragazzi stiano bene. Siamo arrivati in finale non spremendo nessuno ed anche oggi le seconde linee hanno avuto un ruolo decisivo. Soprattutto mi sembrano tutti in fiducia ed oggi dopo 15 minuti avevano segnato tutti i giocatori entrati in campo ed alla fine 24 assist.
    Con la Virtus sarà un altro film ma direi che si può fare.

  3. La critica è utile quando è costruttiva ed equilibrata stiamo giocando senza il playmaker titolate e senza il pro cambio dell’ala forte. Dopo aver recuperato in parte Shields e siamo all inizio del recupero di Melli. Confrontare la squadra attuale alla squadra di novembre e dicembre è sbagliato se non riporti i correttivi di cui sopra .
    È chiaro che contro la Virtus sarà tutta un’altra musica 🎶 ma confido che riusciremo a crescere a sufficienza per poterli battere. Siamo stati estromesso dalle f4 dai campioni d’Europa con una squadra rimaneggiata e senza i due playmaker a tratti. Se questo non viene riconosciuto è inutile discutere e poi il fatto che i nostri fossero scomparti è una tua considerazione senza fondamento. Quindi criticare si ma non alla carlona.

  4. Alcune considerazioni. Per prima cosa, anche quest’anno Virtus e Olimpia hanno fatto percorso netto ai playoff: una superiorità imbarazzante, che fa pensare sul valore delle altre squadre, con tutto il rispetto.

    Bilan è stato letteralmente annichilito dai nostri lunghi, Hines in primis. Ha preso rimbalzi e fatto punti ma è stato poco determinante è preso anche quattro o cinque stoppate nella serie (due da Gigione).

    Alviti bocciato: non era in campo nemmeno sul più venti ma solo nell’ultimo minuto.

    Baldasso: quasi una sicurezza, in attacco.
    Il recupero di Melli è un elemento in più.
    Ricci finalmente decisivo.
    Biligha: buona energia.

    Un appunto sugli arbitri: Sassari han fischiato solo tre falli negli ultimi due quarti, zero nell’ultimo. Vero che la gara era decisa ma non si può avere questa qualità.
    Ira è finale: ci speravamo tutti. Bologna favoritissima. Milano dovrà puntare sulla difesa, sperando di avere buone rese anche in attacco. E dovrà far leva sulla voglia di rivincita.
    Ultima cosa: ma la finale non potevano iniziarla già domenica, visto il caldo?
    Forza Olimpia.

    1. Sul compionato: vero, a parte le prime due, il livello è molto basso

      Su Bilan: già da me definito un gatto di marmo, non stupisce che si sia fatto stoppare addirittura da Datome, perchè, come si suol dire, non salta la Gazzetta, è una sorta del già visto (purtroppo) Alen Omic, che ho avuto modo di vedere nel Cedevita quest’anno (purtroppo per loro) in Eurocup

      Alviti non è più un argomento, Baldasso……SI

      Sugli arbitri: nella serie contro Sassari (pur non spostando nulla) Bucchi, qualche ragione ce l’ha

      Farà caldo? E’ sempre stato cosi (finchè non si doteranno gli impianti di aria condizionata, cosa che non succederà mai), ricordo i “catini” infuocati del Pianella, della Libertas Livorno etc etc

  5. Diciamo che già giocarsela alla settima sarebbe ottimo … loro hanno un roster più profondo .. poi si gioca sempre 5 vs 5 ma purtroppo loro hanno usufruito della situazione Ucraina e si sono ulteriormente rinforzati …

  6. Bene ieri sera ma non faccio troppo affidamento su quanto visto in questi playoff. Tra noi e la Virtus e tutte le altre c’è almeno una categoria di differenza, onore a Sassari e ancor di più a Tortona per la stagione ma se in una partita possono sperare di giocarsela in una serie non hanno una chance di vincere. Il 6-0 di questi playoff sia per noi che per loro dice poco se non che arriviamo entrambe abbastanza centrati alla finale. Melli non è ancora al 100% ma in forte recupero, mi preoccupa un pò il Bentil di queste ultime due partite, ma in stagione ha dimostrato di starci in questa squadra per cui penso possa essere un problema passeggero.
    Come ha detto il buon Messina, “sarà una finale molto difficile”. Forza Olimpia.

Comments are closed.

Next Post

Sassari vs Olimpia Milano #3 | Il tabellino dello sweep in semifinale

Le cifre del terzo e definitivo punto contro la Dinamo: il miglior marcatore è Baldasso a quota 17 punti
Paul Biligha

Iscriviti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: