Gianni Petrucci: Messina capisca che voglio andare fino in fondo per avere Melli, non solo Alviti

Alessandro Maggi 10

Gianni Petrucci, presidente FIP, protagonista sulla Gazzetta . Questi i passaggi sul rapporto tra la Nazionale e le squadre di EuroLeague

Gianni Petrucci, presidente FIP, protagonista su La Gazzetta dello Sport. Questi i passaggi sul rapporto tra la Nazionale e le squadre di EuroLeague.

SUL RAPPORTO

«Trovo offensivo che ancora si discuta sui giocatori che possono essere concessi al nostro ct. Ognuno si prenderà le proprie responsabilità. Nulla di coercitivo. Ci sono regolamenti federali che legiferano in materia».

SUI CLUB DI EUROLEAGUE

«I media sono sordi. L’unica soluzione è che coach Ettore Messina capisca che io voglio andare fino in fondo per avere anche Melli oltre ad Alviti. Altrimenti che soluzione abbiamo? Anche gli azzurri che giocano all’estero non possono venire. La Virtus, se torna in Eurolega, potrebbe essere un problema in più per noi. Ma io tifo perché Bologna ce la faccia, meglio chiarirlo bene».

SUGLI AZZURRI

«Banchero primo per appeal? Per tutti, anche per i media, è così. Ma Gallinari viene da una buona stagione e con la Nazionale, a parte in un’occasione, è sempre stato disponibile. Solo ci è costato una cifra folle, 480mila dollari, per l’assicurazione Nba. Poi ci sono anche Belinelli e Datome. Ci sono rimasto male per il loro rifiuto alla Nazionale. Con Beli ci parliamo, ci sono stati segnali di riavvicinamento. Ma tocca al c.t. convocarlo. E Sacchetti è molto risentito».

10 thoughts on “Gianni Petrucci: Messina capisca che voglio andare fino in fondo per avere Melli, non solo Alviti

  1. Ma se dobbiamo mandare in nazionale tre terribili vecchietti e magari uno come Hackett, che con la maglia azzurra ha rotto da molto, vuol dire che il movimento stenta non poco.
    Sono professionisti che hanno dato sempre grande disponibilità. Ora sono agli ultimi anni di carriera e hanno necessità di riposare d’estate. Basta con ‘sta storia della mancata disponibilità! Fosse per lui, sarebbe meglio non avere squadre in EL, anche se dice il contrario, così avrà tutti disponibili per la nazionale, che tanto vince poco e mai nulla di importante. Mha’….

  2. basta pagliaccio con sta solfa della nazionale, che noia mortale. Si preoccupi da presidente federale di creare un movimento giovanile, avvicinare al basket i ragazzini in età scolare, costruisca qualcosa di duraturo e poi alla fine potrà vantare diritti. Troppo facile così, le società creano campioni, o presunti tali, e il presidente della federazione che nulla ha fatto per crearli li usa per il suo personale successo. E poi basta con i sensi di colpa sparati ogni volta che Datome o Belinelli rinunciano ad una convocazione, ma Petrucci le vedi le partite, vedi quali e quanti problemi hanno a giocare per i loro club che li pagano profumatamente.

  3. Che poi mica sono schiavi … potranno decidere se rispondere o meno alla chiamata della nazionale … poi che si insista su Datome Belinelli Gallinari Melli vuol dire che non vi è stato un ricambio generazionale… magari la federazione “qualche” colpa potrebbe pure prendersela …

  4. Per trovare una soluzione politica tanto vale che siano i giocatori a dire di no per preservarsi. Non credo che Melli sia stato contento di saltare i play-off con Efes per un infortunio figlio delle tante troppe partite. Ci manca pure la nazionale. Tanto il prossimo giro olimpico è ormai troppo tardi per i nostri vecchietti.

  5. Petrucci convinca la federazione internazionale a chiudere le finestre in stagione, fatte solo per andare in scontro con Eurolega. I giocatori NBA non te li danno e Petrucci lo accetta, ma poi pretende che l’Olimpia alla vigilia di turni importanti di Eurolega rinunci a giocatori top.

    Petrucci ce l’ha ancora con l’Olimpia da quando ha tentato di metterla fuori dal campionato italiano perché non accettava di disputare la Champions League Fiba. Non ci è risucito, l’ha presa nei denti, come l’ha presa nei denti per lo stesso motivo dai club italiani di Eurocup, e ancora rosica.

  6. Petrucci vai a lavorare!
    Parassita che vuoi lucrare sugli altri! Manager, nel senso peggiore del termine.
    Guarda la caduta del basket italiano negli anni del tuo dominio e smetti di rompere i coni.
    Ah, e scegli meglio il momento per discutere di Melli. Segui il basket, o no?

  7. Gianni Petrucci, ex presidente del CONI, politico di professione, un’ uomo, che vive sulla LUNA.

  8. Petrucci quando finalmente lascia libera la poltrona?? In un paese “normale” sarebbe già stato cacciato da anni, qui continua all’infinito a ricoprire incarichi dirigenziali nello sport nonosntante disastri in serie. Ed io pago… (cit.)

    Vada pure a chiedere Galinari alla NBA, faccia con loro la voce grossa, troppo facile altrimenti…

  9. Questo brutto personaggio c’è lo troveremo contro anche nei play off di campionato nel momento in cui istruira’ ben bene la classe arbitrale su come farci perdere le partite per vendicarsi di Messina. Questo la correttezza la viene a chiedere ai giocatori ma per il basket italiano e più utile un campetto di periferia che sto poltronista che ci costa un sacco di soldi.
    Attaccato alla poltrona e ai soldi che gli procura
    da troppi anni con danni incalcolabili.

  10. “La Virtus, se torna in Eurolega, potrebbe essere un problema in più per noi”
    “Gallinari […] è sempre stato disponibile. Solo ci è costato una cifra folle, 480mila dollari, per l’assicurazione Nba”
    Ragazzi, se non avete ancora capito che vanno abolite le federazioni c’è poco che possa dirvi.

Comments are closed.

Next Post

Olimpia Milano post Efes#4 | La sfortuna è parte del gioco. Non c'è sconfitta nel cuore di chi lotta

Olimpia Milano post Efes 4, ed è addio ad una straordinaria stagione di EuroLeague. A Belgrado ci va un Efes che combatte
Olimpia Milano post Efes 4

Iscriviti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: