Olimpia Milano, lente sui playoff EuroLeague | Tutte le combinazioni per la griglia finale

Milano che ha chiuso ieri la stagione regolare di EuroLeague, vediamo un po’ le varie condizioni per i piazzamenti playoff

Olimpia Milano che ha chiuso ieri la stagione regolare di EuroLeague, vediamo un po’ le varie condizioni per i piazzamenti playoff.

Olimpia Milano, una prima certezza

L’Olimpia, vincendo, si è tenuta aperta la chance di arrivare terza, ma serve la contemporanea sconfitta del Real Madrid in casa con il Bayern (palla a due alle ore 20.45). In ogni altra situazione finirebbe al quarto posto e affronterebbe nei playoff la quinta classificata, con l’Efes che ha il vantaggio degli scontri diretti con il Maccabi Tel Aviv.

Le altre e i piazzamenti (fonte Sportando)

Nelle due gare giocate mercoledì sera, recuperi del Round 19, l’Efes ha superato il Bayern e l’Alba il Panathinaikos. Ieri il Maccabi ha espugnato Barcellona (già certo del primo posto) e chiuderà solo il 13 aprile con il recupero con il Fenerbahce.

POSIZIONI DALLA 2 ALLA 4

Olympiacos (19-9)

  • 2° se il Real perde
  • 3° se il Real vince

Real Madrid (18-9)

  • 2° se batte il Bayern Monaco
  • 4° se perde

Milano (18-9)

  • 3° se il Real perde
  • 4° se il Real vince

POSIZIONI DALLA 5 ALLA 8

5. Efes 16-11

6. Maccabi 16-11

7. Monaco 14-13 -> sicuramente 7° (2-0 vs Bayern, 1-1 e -5 vs Maccabi)

8. Bayern 13-14 -> sicuramente 8°

Anadolu Efes Istanbul

– se vince
– se perde e Maccabi perde il recupero con il Fenerbahce

– se perde e Maccabi vince il recupero con il Fenerbahce

Maccabi Tel Aviv

– se vince il recupero con il Fenerbahce e Efes perde

– se vince il recupero con il Fenerbahce e Efes vince
– se perde il recupero con il Fenerbahce

8 thoughts on “Olimpia Milano, lente sui playoff EuroLeague | Tutte le combinazioni per la griglia finale

  1. L’accoppiamento con l’Efes, soluzione più probabile ad oggi, è sicuramente duro, ma per il loro modo di giocare mi spaventa meno di altri. L’Efes è una squadra di talento (Micic e Larkin, non serve presentarli), ma che vedo un po’ a fine ciclo, con tanti alti e bassi, e non così affamata come altre compagini. Ho l’impressione che siamo più profondi e completi. Mi spaventa molto di più un accoppiamento con il Maccabi, che sono anche fisici (Zicic e Reynolds li patiamo enormemente) e soprattutto da un paio di mesi a questa parte han trovato una quadra che li certifica come autentica mina vagante dei play off. Una squadra che può facilmente segnare più di 80 punti contro chiunque , e che quindi noi patiamo a prescindere (perché 80 punti per noi, ad oggi, sono quasi una chimera..). Mi prendo volentieri l’Efes, e sono pronto a gustarmi una bellissima serie. Saluti

  2. Cosa succede se durante le partite di play off una squadra non ha un numero sufficente di giocatori disponibili? O non esiste un numero minimo per poter fare una partita?

  3. Concordo con Fra84: Efes è un buon accoppiamento ed una serie entusiasmante.

  4. Diciamo che, Efes o Maccabi, non avremo il culo dello scorso anno…

    1. Si chiama abilità, la fortuna è stata quella della Virtus di incontrarci in un momento no. La nostra contro il Bayern non puoi chiamarla fortuna abbiamo voluto fortemente la F4 e quest’anno speriamo ci sia la medesima forza d’animo e che la sfiga guardi da un’altra parte.

      1. Orlando: fortuna nell accoppiamento coi tedeschi, lo scorso anno. Credo potesse andare ben peggio. Aggiungendo che loro furono martoriati dagli infortuni nei po, e Milano al completo.

  5. Ognuna delle due squadre ha buoni motivi per darci filo da torcere, diciamo che molto dipende da noi, su quanti saremo, in che forma saremo, non lasciamoci confondere dalle precedenti prestazioni contro di loro, potremo battere di nuovo Efes e perdere con Maccabi o viceversa, saranno serie aperte o magari entrambe potrebbero spazzarci via, i fattori da cui dipende tutto ciò sono tanti, ma se l’Olimpia si esprime al top in difesa e trova un po’ di fiducia in attacco direi che se la gioca; ora come ora non ci vedo superiore a nessuna delle due e sappiamo che su una serie al meglio delle 5 senza una decisa prevalenza avere il favore del campo conta poco SUERTE!

    1. Personalmente non e’ avere una mentalità vincente se gia ti preoccupi se e’ meglio incontrare la 5′ o 6′ in classifica. Se gia cosi allora se per caso arrivi in semifinale e devi incontrare o barca o Real, cosa fai, entri in campo con le gambe che ti tremano? Proprio perche abbiamo battuto due volte il barca e quasi vento due volte con il Real e battuto fuori casa efes e cska, deve darti la consapevolezza di non aver paura di nessuno e poter vincere contro chiunque ( naturalmente senza covid e infortuni) . Come già detto da delany: ” se siamo in salute non ci fa paura nessuno”, Questa e’ mentalità vincente.
      Credo inoltre che a volte i guai non vengono sempre a nuocere. Mi rifaccio agli ultimi casi di covid e infortuni. Se tutto si sistema in tempo utile (con un Po di fortuna) ci presentiamo ai playoff sia di lba che di el con giocatori freschi e non alla frutta come anno precedente. Come detto da esperti, l’olimpia e tra quelle con il parco giocatori piu attrezzato e si puo ambire a vincere tutto ( e non e illusione), A tutto questo aggiungo i progressi di giocatori come Baldasso e Alviti. Specie in lba ne abbiamo bisogno visto che di stranieri se ne possono utilizzare solo 6. Chi avrebbe immaginato un Baldasso in doppia cifra ieri sera. Piaccia o no la partita l’hanno vinta lui e Delany con tiri coraggiosi. Baldasso non avrà gran visione di gioco e non saprà difendere, ma ha ha il coraggio di tirare e pure con ottime percentuali, tutto fa brodo e serve. Pensate se dovesse ripetersi anche contro la virtùs e!!!
      Oo

Comments are closed.

Next Post

La Gazzetta: Delaney lancia un messaggio, i pariruolo dovranno fare i conti con lui

Andrea Tosi firma su La Gazzetta dello Sport l’analisi di Asvel vs Olimpia Milano, e parla ovviamente di Malcolm Delaney
Malcolm Delaney

Iscriviti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: