La Visione del Guazz | Delaney zittisce chi non vede, Dj Tommy B on fire

guazzoni 6

Silenzio, parla Malcolm Delaney. Criticatelo, criticatelo pure: un agonista come lui si gasa come Daitarn 3 di fronte ai Meganoidi

Silenzio, parla Malcolm Delaney. Criticatelo, criticatelo pure: un agonista come lui si gasa come Daitarn 3 di fronte ai Meganoidi. E, ne sono certo, ai playoff – di fronte o a Larkin/Micic o a Wilbekin – sarà il nostro uomo totem, esattamente come 12 mesi fa contro il Bayern Monaco. Perché, piaccia o non piaccia, la personalità del giocatore è travolgente. Quando sbaglia, sbaglia fragorosamente e fa saltare i nervi; ma chi osserva davvero le partite nota i piccoli dettagli, impercettibili, spesso decisivi. E Delaney zittisce chi non vede.

Della gara contro l’Asvel ci sono tanti spunti buoni da annotare. Vabbè, Dj Tommy B – alias Baldasso, gli suggerisco di copyrighttare il nome – è on fire. Tira da centrocampo come Curry e la sua stessa faccia spocchiosa quando segna da 12 metri: normale amministrazione. Ma le big balls con cui firma il controsorpasso sulla sirena dei 24” sono il vero punto esclamativo della sua prova. Una prova alla Rodriguez, senza scomodare gli dei: in difesa non regge contro niente e nessuno – come lo spagnolo – ma davanti punge parecchio. Buon impatto anche da Alviti che però deve imparare un po’ di malizia per un livello così alto.

Bilancio. 21-11 è un record di assoluto rispetto – considero anche le 4 contro le russe – e aver voluto fortemente vincere anche l’ultima in condizioni di assoluta emergenza è segno di mentalità assoluta. Terzo o quarto posto cambia poco: come cambia complessivamente poco sfidare Efes o Maccabi. Opinione personale: Milano si accoppia meglio con l’Efes perché non ha gli atleti del Maccabi ma gioca di tecnica proprio come la squadra del Mio Pastore. Ma alla fine raggiungerà Belgrado chi arriverà con meno acciacchi/Covid, più in palla, in fiducia e chi sbaglierà meno.

6 thoughts on “La Visione del Guazz | Delaney zittisce chi non vede, Dj Tommy B on fire

  1. Terzo o quarto cambia si. Se arrivi terzo, quarto arriva il real. Che significa avere real vs Barcellona in semifinale in Serbia. Indi una delle 2 più forti (per me ) viene eliminata

    1. Delaney è un buon giocatore, a volte ottimo ma non ha nulla a che vedere con un play. Ottima guardia, da limitare con palla in mano, da aiutare nelle letture del gioco per evitargli le forzature. Si accoppierebbe bene con un play vero come guardia tiratrice e penetatrice.
      Da non utilizzare nella gestione dei finali di partita

  2. Con la vittoria ottenuta contro il Barcellona (che difatti giocava senza obiettivi e ha approfittato per dar spazio ai giovani) il Maccabi tiene accesa la fiammella per il 5° posto. Gli israeliani dovranno però prima sperare che l’Efes perda con la Stella Rossa e poi battere il Fenerbahce (nel recupero di mercoledì 13/04).
    La lotta per i due piazzamenti di cui sopra potrebbe interessare a Milano, che battendo l’Asvel può sperare nel 3° (ma il Real deve perdere con il Bayern).

    E’ vero che a questi livelli un avversario bene o male vale l’altro, ma sulla carta l’Efes mi sembra più tosta del Maccabi.

  3. Quando Tommy B imparerà a difendere non avrà uguali tra gli italiani alla faccia di chi lo considera un errore di acquisizione, non lo scambierei certo con Tonno. E Alviti, che secondo quel genio di Gaetano, non avrebbe mai visto il parquet in EL, quando avrà acquistato la malizia necessaria potrà essere il nuovo Datome. Parlo di potenziale eh, so benissimo che si potrebbero perdere come accade ed è accaduto per moltissimi giovani. Non dimentichiamoci Bortolani e la dimensione giovani italiani è fatta per gli anni futuri senza bisogno di andare a pesca altrove. Basta guardare in casa senza pregiudizi. Peccato che l’uomo di Baltimora ha (sembra) già deciso di lasciarci, le motivazioni personali sono forti e credo che vorrà uscire con il botto ragion per cui da lui mi attendo il massimo in questo finale di stagione. Speriamo solo che la vecchia guardia 💂‍♀️ non mostri la corda e che l’usura non faccia brutti scherzi e non parlo di impieghi e minutaggio ma solo di normale evoluzione naturale.

  4. A me pare che Baldasso in difesa qualcosa comunque faccia eh, non sarà un mastino ma non si lascia nemmeno saltare sistematicamente come fosse un paletto. Di sicuro ho notato miglioramenti da questo punto di vista da quando è arrivato ad oggi.
    E mi piace la faccia tosta e il “coraggio” che dimostra in campo. Alla fine potrebbe risultare un acquisto ben più importante di quanto non si pensasse inizialmente, vediamo…

    1. Ieri ha messo due triple facilissime: i tiri da 8/9 metri sono i più facili, chi ti dice qualcosa se sbagli? A me invece è piaciuto di più per lucidità: scelte offensive giuste, sulla schiacciata del Prescelto si è levato saggiamente, non ha forzato quasi nulla. Non è che me lo vedo nei minuti decisivi con l’Efes, se Efes sarà, ma concordo con orlando che è stata una presa di qualità, per ora molto ben gestita da Messina.

Comments are closed.

Next Post

Olimpia Milano post Asvel | E' la Milano di tutti, è la Milano di "Tommy B"

Olimpia Milano post Asvel, per un altro finale “da galera” che tuttavia non sortisce effetti troppo negativi. «E’ la vittoria di tutti»
Olimpia Milano post Asvel

Iscriviti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: