Varese vs Olimpia Milano | Le Pagelle di RealOlimpiaMilano

Alessandro Maggi 15

Le pagelle di ROM: Hall e Melli fanno quello che serve per vincere, Mitoglou troppo molle, Grant così non va bene

Melli 8 – Un derby dominante, lo dicono anche i numeri questa volta: 14 punti, 9 rimbalzi e 3 stoppate date.

Grant 5 – Non la mette mai, in nessuna condizione, e questa volta non funziona neanche in difesa. Ci vuole un salto di qualità.

Rodriguez 6.5 – Tira male, 2/8 dall’arco, ma lascia il segno quando Grant inizia a costare troppo. 10 punti e 7 assist.

Tarczewski 6 – Francamente gli fischiano qualsiasi cosa, e lo stesso vale non per gli avversari. Questo non gli concede ritmo, mai, ma deve capire e leggere le situazioni. 19’ a dimostrazione di come Messina voglia dargli fiducia: 6 punti e 5 rimbalzi.

Ricci 7 – Sostanziale al tiro, con anche la tripla che segna il match. 11 punti e 4 rimbalzi.

Biligha 6 – 2 punti e 2 rimbalzi, ma con Egbunu ha poco spazio.

Moraschini 5 – Il tiro non entra, e anche in difesa va in difficoltà. Per questo, Messina deve ricorrere e molto a Shields.

Hall 7 – Sostanziale, come sempre, anche forse in una gara dove poteva eccedere. 16 punti in 24’ con 5/8 da 2 e 2/3 da 3.

Mitoglou 5 – E’ arrivato alla Grecia per dare durezza, contro chiunque. Oggi è stato dominato negli 11’ in campo. Molle.

Shields 6.5 – Deve farsi 25’ in campo, che non sono un’eternità, ma sorprendono per necessità in un derby con Varese. Tira male, ma fa le cose giuste quando contano.

Datome 6 – In LBA fa il suo, anche se in difesa è spesso una tassa da pagare.

Coach Messina 6 – Deve pensare solo alla vittoria, e contro Varese probabilmente non se lo aspettava. I 0’ a Alviti sono un segnale al giocatore. Da cogliere.

15 thoughts on “Varese vs Olimpia Milano | Le Pagelle di RealOlimpiaMilano

  1. Lo 0 a Alviti è un segnale per tutti, giocatore, società, tifosi.
    Già tracciato il “piano industriale” di questa stagione.
    Messaggio chiaro e perentorio. Avanti così.

  2. I “0” ad Alviti è un segnale al giocatore. Ora mi chiedo: è stato scelto dal coach o dal presidente operativo?

    1. Lo compra e non lo fa giocare, in pratica si dà del ciula da solo…

  3. Tutti a elogiare il nostro coach per la scelta di Hall dopo 5 partite giocate bene e nessuno di questi che al contrario critica la scelta di Grant dopo 5 partite abbastanza deludenti. Viva l’obiettivitá..

  4. Per giudicare due giocatori inadeguati e un coach incompetente per non farne giocare uno (per ora) è pretendere che tutta la squadra sia in forma e in fiducia i primi di ottobre è pura perversione
    Così come mettersi a fare i cronometristi o i suggeritori di Messina dopo 5 vittorie di cui due di spessore, denota incompetenza assoluta e assoluto pregiudizio.. La stagione è appena partita e già Grant e Mito e Datome sono giudicati inadeguati? Aspettate ameno Natale

    1. Al contrario lo stesso dovrebbe valere per Hall. Come è presto per giudicare Grant lo stesso dovrebbe valere per Hall. Come sempre w la tua incoerenza…

      1. Dai Daniele, non è la stessa cosa. Quando un giocatore è subito pronto, potrà avere un calo ma comunque c’è(vedi Punter, Leday e Shields l’anno scorso). Quando non lo è subito, gli si dà un attimo di tempo. È normale. Altrimenti tutte le squadre a fine settembre dovrebbero tagliare almeno 3-4 giocatori

      2. @Jarpo dopo sole 5 partite un conto è dire che un giocatore sta andando bene un altro è scrivere commenti trionfalistici per arrivare ad elogiare il coach per tale scelta altrimenti con lo stesso metodo giudizio gli stessi dovrebbero ammettere che Grant è inadeguato al nostro gioco.

  5. Questione allenatore: non condivido per niente i commenti che ho appena letto su Messina, soprattutto nei toni, c’è troppo astio; comunque, entro certi limiti, ognuno fa i commenti che vuole. Non condivido nemmeno (mi capita di rado) il messaggio lanciato da Messina nell’intervista post-partita; come al solito non ha timore di dire ciò che pensa invece che buttar lì frasi scontate come la maggior parte di giocatori e allenatori, però in questo caso non mi trova d’accordo nel merito e nemmeno nelle parole usate. E non mi piace vedere ogni tanto giocatori che mentre vanno in panchina scambiano mezze occhiate con Pozzecco, spero non vengano fuori casini, anche se l’intelligenza e l’onestà intellettuale di Messina e Pozzecco mi lasciano relativamente tranquillo.
    Questione squadra: Da Tome per me anche oggi non del tutto sufficiente; anche se solo un anno fa, pur faticando già in difesa, aveva delle signore percentuali. E quelle le può ritrovare, non penso solidità difensiva e vigore atletico, ma le percentuali sì e anche la capacità di muovere palla in attacco.
    Mitoglou, come dice Maggi, sembra molle, soprattutto sotto canestro in attacco, perché in fase rimbalzo mi sembra un po’ meglio e nel tiro frontale ha più fiducia, però deve crescere e darsi una mossa sotto quell’aspetto lì; se lui migliora la squadra ne trarrà gran giovamento; penso positivo, è appena arrivato.
    La situazione più critica mi sembra Grant; aldilà del fatto che per il momento non segna in nessun modo, c’è stato persino un momento a fine partita in cui Messina ha fatto rifiatare il Chacho e ha messo Hall a portar palla…
    Moraschini solo una partita storta al tiro e lui forse un po’ ne soffre, ma secondo me farà tante buone cose.
    Comunque una vittoria contro una squadra che ha avuto a tratti percentuali di tiro molto migliori delle nostre, con alcuni di nostri giocatori in buona forma, Melli e Hall su tutti.

  6. Sembra sempre più chiaro che ci sono 2 diverse squadre in EL e LBA. Il gruppo italiano nel complesso sta deludendo , speriamo che possano entrare in forma perché magari per la RS può bastare così ma quando si arriva ai PO o la stessa coppa Italia che ha un suo peso specifico vedo i bolognesi molto avanti. E sinceramente fare un buon PO europeo ma non vincere lo scudetto mi deluderebbe.

  7. Vediamo le negatività: Alviti 0 minuti, forse per lo staff tecnico non è ancora pronto ad una partita punto a punto quale quella di ieri. Come sempre noi non vediamo gli allenamenti e quindi spesso non comprendiamo le scelte di chi allena. Grant una pena al tiro e scarsuccio sia come regia che come difesa tanto da obbligare il Chacho a tirare la carretta. al momento è una delusione. Mito ha fatto buone cose e ingenuità incredibili, ha un fisicaccio da spaccare il mondo, gioco spalle a canestro e tiro da fuori ma sembra ancora spaesato, timido nell’approccio. Diamo tempo e credo sarà sempre più centrale al progetto. Moraschini ieri non la metteva neanche a pregare, può succedere, deve anche lui rimboccarsi le maniche e prendere esempio da SuperPippoRicci che ogni volta che scende in campo fa cose utili. Datome…. non pervenuto, lento in difesa e poco preciso in attacco, l’uomo non si discute, carisma e professionalità, il timore è che la sua parabola sportiva sia iniziata a declinare, tipo Micov lo scorso anno.
    Da martedì si torna a fare sul serio, Maccabi ed Efes, vedremo un altra Olimpia, è quanto mi aspetto.

  8. incredibile!!! criticoni dopo 5 vittorie su 5 di cui 2 ottime in eurolaga e 3 in LBA facendo SEMPRE riposare i vekkietti! incredibile

  9. Il problema è vincere ad ogni costo dopo la partita di venerdì in EL spremendo Melli, Shields e Chacho, per colmare le lacune di scarsone Tarcisio e di Grant (davvero quest’estate non c’era un play migliore?) Davvero c’era bisogno di questa vittoria, non era possibile risparmiare minutaggi, lasciando la responsabiltà di dare il massimo a chi in EL non gioca mai?

    Se l’obiettivo è lo scudetto, in qualche caso si può anche perdere la singola partita, non perderla deliberatamente, ma tentare di vincerla con altri giocatori, gli Alviti i Moraschini e i Biligha, i Datome. I quali se non sono in palla che crescano giocando.

    Serve un tiratore, un Punter che entra e la mette, speriamo che Troy Daniels recuperi entro tempi ragionevoli, perché le percentuali da tre non decollano.

    E speriamo che in EL con molto Hines e poco Tarc l’Olimpia entri in modalità “altro sport”, che sembra funzioni.

    Un acquisto che mi garba assai è Devon Hall. Non ha ancora sbagliato una partita, pur essendo in una squadra nuova. È sempre utile, sempre in controllo, mai un problema o una parola fuori posto con gli arbitri, per atteggiamento mi sembra il fratello di Hines.

  10. Maggi, ma se come dici, al Tarc gli “fischiano qualsiasi cosa” in LBA come in EL…….hai già la risposta; Melli gioca col sigaro in bocca tenendo il meglio di se per la settimana santa di EL, ma anche cosi…..; Grant e Chacho non la mettono mai…….no buono; Shields, non un inizio di stagione in grande spolvero, riesce però a fare cose molto importanti, difesa compresa; Datome sta diventando un lusso anche in LBA……; Dinos purtroppo conferma la sua scarsissima attitudine alla battaglia, ma ci serve un 2,11 solo perimetrale?; Moraschini? disastroso……e mi fermo qui; Hall bene, ma non nel vivo del gioco, tende a sparire, con quel tiro da tre che ha dovrebbe prendere più tiri

    Gentile: incredibile che con quella dinamica di tiro riesca ad essere cosi preciso, con i difetti che ben conosciamo, sa anche essere giocatore straordinario, sono contento sia tornato a livelli certamente da nazionale

    1. Poco tempo fa dissi che Alviti era sulla brutta china del seguire la parabola, non biblica, di Moretti……..

Comments are closed.

Next Post

Adriano Vertemati: Abbiamo avuto la chance di giocarcela per vincere

Le parole di Adriano Vertemati al termine di Pallacanestro Openjobmetis Varese - A|X Armani Exchange Milano
Adriano Vertemati

Iscriviti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: