Olimpia Milano post Treviso | Melli in post, e il nuovo ruolo di Shields

Olimpia Milano post Treviso che ci regala un’altra gara di difficile analisi dopo tre scrimmage, una diretta saltata e una fatta con il Nokia 3310

Olimpia Milano post Treviso che ci regala un’altra gara di difficile analisi dopo tre scrimmage, una diretta saltata e una fatta con il Nokia 3310. Sicuramente, sarà gara vera, e molto difficile, domani con Brindisi.

Nicolò Melli in post

Una risorsa, sconosciuta, nel gioco di Olimpia Milano. Nicolò Melli va in post basso all’inizio del possesso. Da “4” moderno, un giocatore che può leggere le situazioni, lavorare di spalle ma anche riaprire per i compagni. E’ quello che Ettore Messina ha richiesto anche a Pippo Ricci, come sfida. Nel gioco di Olimpia Milano, il “dentro-fuori”, mancato nella scorsa stagione (l’ultimo elemento ad andare in post, dopo l’addio di Gudaitis, Vlado Micov), deve diventare una risorsa.

Shavon Shields in guardia

Anche con Treviso Shavon parte nello spot di “2”, con Datome in ala piccola e un regista, in questo caso Malcolm Delaney. Questa soluzione è percorsa da Ettore Messina dal primo scrimmage con Cantù. Il giocatore attacca l’uomo, tira dalla distanza, risolve giochi rotti dal palleggio. Alla Kevin Punter, e visto il fisico e i centimetri, se la cosa funzionasse, potremmo trovarci di fronte ad un vero crack a livello EuroLeague. Ricordiamolo: Shields è arrivato in Europa da “4”.

4 thoughts on “Olimpia Milano post Treviso | Melli in post, e il nuovo ruolo di Shields

  1. Quattro non era il suo ruolo e già a Trento giocava tre e qualche volta due, se non ricordo male. Certo è che ha davvero grandi doti e soluzioni offensive, oltre ad essere un signor difensore. Bello averlo “firmato” per un anno in più

  2. 4 non è il suo ruolo soprattutto perchè i dati sulla sua altezza sono ballerini e non veritieri, si è visto ieri in un inquadratura vicino a Datome che sappiamo che è almeno 2,01: ebbene Shields non è più di 1,95 e non essendo quel toro di Hines, ne consegue che lui può stare agevolmente in campo negli spot 2 e 3, non certo 4.

    Comunque Shields è abbastanza intelligente per farsi valere in campo coi pari ruolo e sa come trarre vantaggio nei miss-match essendo lui autosufficente nelle letture di ciò che succede, quindi come nella scorsa stagione sarà l’ultimo dei problemi e una delle prime soluzioni

Comments are closed.

Next Post

La Tribuna di Treviso: LBA ha falsato il principio di equità competitiva

Su la Tribuna di Treviso attacco diretto alla Legabasket dopo l’imbarazzo del quarto di finale tra Olimpia Milano e Nutribullet di ieri

Iscriviti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: