Olimpia Milano Turnover: si può davvero rinunciare a LeDay? Tre uomini e un perché

Alessandro Maggi 3

Torna d’attualità il tema turnover in casa Olimpia Milano mentre Malcolm Delaney agita speranze su Twitter

Torna d’attualità il tema turnover in casa Olimpia Milano mentre Malcolm Delaney agita speranze su Twitter.

In gara-2 è stato fallimentare il rendimento di Vlado Micov e Kaleb Tarczewski, quest’ultimo lanciato in campo per Zach LeDay per un 12 con quattro centri a disposizione e il solo Paul Biligha con qualche, sparuta esperienza da “4” nella passata stagione in EuroLeague.

Kaleb Tarczewski

La domanda è, fondamentalmente: può l’Olimpia Milano rinunciare a Zach LeDay, il suo miglior giocatore della stagione in campionato, unico “4” di ruolo con un Jeff Brooks sfiduciato, lottatore e uomo spogliatoio capace di allargare il campo?

L’avvicendamento non ha sortito effetti, e la Virtus Bologna dopo tre quarti di sofferenza ha dominato a rimbalzo negli ultimi 10’. Unitamente, Kaleb ha messo impegno, come sempre, perché non è la generosità il suo difetto.

Ma a questo livello, accettando i cambi difensivi, bisogna stare addosso all’uomo, oscurare il cielo, spendere falli, leggere le situazioni. In presenza di tutto questo Milano può rinunciare ad un regista rispolverando Andrea Cinciarini. In assenza, Kaleb non ha ragione di essere questa sera.

Vladimir Micov

Giocatore vero, esperto, capace di leggere le situazioni, reduce da una stagione complicata a livello fisico ma utilissimo a Colonia. La squadra è cresciuta senza di lui, non è più leader e riferimento, e in gara-3 non ha prodotto se non avvio.

Mancano gambe, ma anche segnali dai compagni. Ha ragione di esistere solo in confermata assenza di Malcolm Delaney?

Michael Roll

Ecco. Confermando l’assenza di Malcolm Delaney, il vero ballottaggio potrebbe essere tra Roll e Micov. L’USA può essere davvero un aiuto in regìa, a meno che non si voglia puntare sulla necessità di riscatto di italiani come Cinciarini e Moraschini.

Al tempo stesso è discreto difensore, e giocatore di qualità nelle letture offensive. Ma occhio a parlare del tiratore: una grande produzione dall’arco nasce dalla costruzione di gioco, dall’energia e dalla convinzione. Quella che oggi Milano non ha. 

Conclusioni

Scelte, che non saranno comunque il fattore di questa sfida. La Virtus ha sempre comandato, dalla prima palla a due. E nel finale di gara-1 Milano ha scoperto di non essere più padrona, in Italia, con una semplice accelerazione. 

Nella prima sfida il grande disavanzo di partenza poteva essere una spiegazione, nelle due successive semplicemente la Virtus ha avuto più freddezza, presenza, sicurezza. Comanda lei, per energia e convinzione: o si cambia questo, o non cambierà nulla.

Si può essere stanchi, ma non si possono perdere totalmente le fila del discorso. Va mandato in campo chi è pronto, a prescindere dal suo bagaglio tecnico. Oggi, solo oggi, è così.

3 thoughts on “Olimpia Milano Turnover: si può davvero rinunciare a LeDay? Tre uomini e un perché

  1. Leday e Tarczewsky in campo, Hines in tribuna. Roll per Delaney.

    Così, tanto per dire.

    Io ribadisco che stasera darei spazio a chi è in partenza e al Vinvia, che è il capitano.

  2. spazio a chi é in partenza? teniamo in panca Shields per moretti? una bella festa di addio mentre Bologna celebra? io metterei i migliori e farei sicuro rientrare LeDay, l’esperimento con Tarcisio a cui io stesso credevo é andato piú che malino e quindi un LeDay riposato magari serve. Squadra migliore in campo (se Delaney non ce la fa, rimettiamo Vlado) e si lotta, che se per caso si vincesse…

  3. Sicuramente 4 competizioni come supercoppa, coppa Italia, Euroleague e campionato hanno sfinito Milano sia dal punto di vista fisico che mentale.
    Orgogliosi cmq ma qualche domanda sulla preparazione atletica me la farei

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Next Post

Clamoroso: I club fondatori di EuroLeague sfiduciano Bertomeu e prendono il controllo

Secondo SDNA con un voto compatto degli 11 club fondatori Jordi Bertomeu è stato estromesso dal Board di EuroLeague
Olimpia Milano Eurolega

Iscriviti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Leggi articolo precedente:
Massimo Selleri: Le 25 gare in più pesano, brava la Virtus a farsi trovare pronta

Massimo Selleri, su il Resto del Carlino, analizza così il momento della serie di finale tra Olimpia Milano e Virtus...

Chiudi