Olimpia, è finita l’avventura di Jeremy Evans in biancorosso

Fabio Cavagnera 8

L’americano ha chiuso la sua avventura con la squadra di Ettore Messina, alla conclusione delle Final Four di Eurolega

Con le Final Four di Colonia, si è chiusa l’esperienza biancorossa di Jeremy Evans. L’americano era arrivato lo scorso 24 febbraio come ‘straniero di coppa’. Ha aiutato l’Olimpia Milano a raggiungere un obiettivo mancante da 29 anni ed ora saluta la squadra di Ettore Messina, completata l’avventura europea.

Il lungo ha giocato 11 partite con la maglia dell’AX Armani Exchange, con poco più di 10 minuti di media sul parquet, 2.8 punti, 3.1 rimbalzi e 3.7 di valutazione.

Jeremy Evans | Il saluto dell’Olimpia Milano

Questo il saluto dell’Olimpia Milano, nel comunicato ufficiale: “Il primo saluto è avvenuto in spogliatoio alla fine della partita per il terzo posto di Colonia, poi ce n’è stato un altro, spontaneo, all’aeroporto, rientrati dalla Germania. Jeremy Evans ha completato la sua esperienza a Milano. Era arrivato per supportare la squadra nella volata conclusiva, nei playoff e infine alle Final Four. Ha giocato con impegno, è stato un compagno apprezzato da tutti, si è allenato seriamente anche superando un infortunio che ha in parte condizionato quello che ha potuto dare all’Olimpia.

Ma è stato un pezzo importante di questa seconda parte di stagione europea. E non ha mancato di farlo sapere ai compagni, incoraggiandoli a “finire” il lavoro. E’ stato la priva di cosa significhi far parte di una famiglia. Evans durante la permanenza a Milano è diventato padre di una bambina, la prima figlia. Finalmente nelle prossime ore sarà in grado di conoscerla davvero. Thank You Jeremy“.

8 thoughts on “Olimpia, è finita l’avventura di Jeremy Evans in biancorosso

  1. Piaciuto, sinceramente. È venuto per tamponare e ha fatto tutto sommato il suo. Non credo nessuno si aspettasse chissà che cosa, forse a naso, il miglior innesto in corsa di questi 2 anni dopo Scola.

  2. Fermo da un anno … arrivato in corsa … meglio di così difficile che potesse fare … certo in EL arriva lui … in LBA arriva Kuba … che ci siano state difficoltà nel reparto lunghi?

  3. Evans è la dimostrazione che gli innesti a stagione in corso servono a ben poco e oltretutto era arrivato anche per l’inconsistenza di Brooks. Altrimenti avrebbe avuto qualche chance di essere confermato per la prossima stagione.

  4. Se ricordo bene il suo arrivo era stato accelerato dall’infortunio di LeDay, per cui non era esattamente una scelta ma la necessità di coprirsi le spalle. A portato il suo mattoncino, soprattutto e’ stato perfettamente nel ruolo richiesto, senza fare il salvatore della patria.

    1. Ricordi bene. Non credo nessuno si aspettasse un giocatore in grado di cambiare la squadra e molti temevano un flop. Secondo me ha fatto il suo, con tanto impegno. Per quello che doveva fare, ok, secondo me è andato bene.

    2. Si era venuto anche per sopperire all’infortunio di Leday perché ovviamente Brooks non dava le necessarie garanzie. E cmq Leday non è stato fuori qualche mese quindi sarebbe arrivato lo stesso.

  5. Grazie Jeremy abbiano apprezzato il tuo contributo al servizio della squadra e ti auguriamo di continuare la tua carriera al meglio! La tua energia esplosiva ci rimarrà nel cuore! ❤

  6. Il libellulone Evans(e non suoni a scherno) è arrivato per dare una mano e possiamo dire che onestamente si è impegnato, altresì tutti sapevamo che più di tanto non avrebbe potuto dare e così è stato, buona fortuna

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Next Post

Shavon Shields: Miglioriamo e guardiamo al prossimo anno

Il danese è ancora rammaricato per come si è conclusa la semifinale, ma pensa al futuro europeo

Iscriviti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Leggi articolo precedente:
Zach LeDay: Una buona stagione, insoddisfatti per come è finita

Il bilancio dell'americano sulle Final Four di Colonia e la voglia di tornarci al più presto

Chiudi