Luca Biganzoli: L’Urania, i playoff, i progetti di crescita, e il sogno derby con l’Olimpia in LBA

Intervista esclusiva di ROM a Luca Biganzoli, GM di Urania Milano: Il presente, la voglia di ritrovare i tifosi, i giovani e quel sogno

Una stagione regolare alle spalle, una post-season pronta a partire con la fase ad orologio davanti agli occhi. Nel mezzo, il progetto Urania, serietà e progettualità che ha saputo costruire, e conservare in tempi di pandemia, un ruolo importante all’ombra della potenza Armani-Olimpia.

Perché se il cuore è un motore, in una città come Milano la spinta di tutto sono i giovani: e il battito è dettato da anni da questa piccola/grande società, che nell’umiltà dei piccoli passi non cela le sue grandi ambizioni.

E allora nel giorno della gara con Chieti, il GM Luca Biganzoli fa il punto con noi di ROM.

SULLA STAGIONE

«Siamo molto soddisfatti. Il quinto posto, i 28 punti conquistati che sono un record, in un girone con Torino, Udine, Tortona, Verona, big che hanno nella promozione il loro unico obiettivo. Se ripenso infine ai successi con Reale Muta e Bertram, non posso che ritenere tutto questo molto soddisfacente». 

SUI TIFOSI

«Nella scorsa stagione abbiamo coronato un grande lavoro con la presenza di 3.000 persone al Lido, e fu un qualcosa di molto emozionante. L’Allianz Cloud riaperto, tutta quella gente realmente appassionata… Purtroppo la pandemia non ci ha permesso di capitalizzare tutto questo, ma abbiamo continuato ad avvertire il calore e la vicinanza dei simpatizzanti. I social ci hanno permesso di lavorare con iniziative importanti, come quelle con Pane Quotidiano o sulla “mobilità green”. Non a caso, il motto è #coinvolgimi».

SUI PROGETTI

«Abbiamo lanciato ora il virtual pack che permetterà ai sottoscrittori di assistere alla gara e avere una sagoma a palazzo. Si è dovuto lavorare con la testa, ragionare a vista, visto che sospensioni e rinvii hanno creato difficoltà su difficoltà. Siamo statti bravi ad affrontare tutto questo senza lamentarci troppo. Questo il tifoso lo ha percepito e si è orientato sulla nostra linea».

SULLA GESTIONE DEL BUDGET

«Il nostro lavoro è sempre stato complesso, oggi di più. Direi che abbiamo fatto una scelta lungimirante nel non considerare da subito il ticketing nel nostro budget. Non si vive nella speranza, non ora. Al fianco di un budget ridotto, abbiamo anche coinvolto qualche società in più».

SUL SETTORE GIOVANILE

«A settembre abbiamo ripreso l’attività, poi dopo lo stop di ottobre siamo ritornati al lavoro a gennaio accollandoci anche un protocollo ulteriore rispetto a quello federale, con un tampone a settimana. Ora ritorneremo in campo in campionati compressi, ma abbiamo deciso di rispondere ad un’esigenza dei nostri tesserati. Tornare in campo».

SULLE AMBIZIONI

«Abbiamo sempre vissuto di sogni. Ho sognato l’A2, e quando è successo hanno anche riaperto il Lido. Ho sognato il palazzo pieno, ed è successo. Ora, chiaramente, pensare ad un derby con l’Olimpia Milano in Serie A è emozionante e intrigante. Ma la programmazione necessita di passaggi, di un percorso di consolidamento societario che ci permetta di essere pronti quando la Serie A diventerà un’opportunità. Quel giorno, come sempre, ci faremo trovare pronti. Ma ora pensiamo al campo, a battagliare per la miglior posizione playoff, e godiamoci questo momento».

Next Post

The Shot torna in Italia: accordo con la Reyer Venezia

Pronto ritorno per Curtis Jerrells in Italia. Secondo quanto appreso da Sportando, sarebbe ad un passo l’accordo con la Reyer Venezia

Iscriviti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Leggi articolo precedente:
Mike James Futuro
Esordio positivo per Mike James in maglia Nets. Ma quale sarà il suo futuro?

Si è consumato nella notte il secondo esordio in NBA di Mike James, che ufficializzato il decadale con i Brooklyn...

Chiudi