Antimo Martino sul “caso” Sutton: Ha mancato di rispetto a staff e compagni

Reggio Emilia prossima avversaria di Olimpia Milano in Coppa Italia. Così Antimo Martino: Ci attende un match di difficoltà notevole

In casa Reggiana, avversaria di Olimpia Milano nei quarti di finale di Coppa Italia, c’è un “caso” Dominique Sutton. Il giocatore è rimasto in campo solo 3′, la spiegazione arriva direttamente da coach Antimo Martino.

«Sutton ha mancato di rispetto allo staff e ai compagni, e quindi abbiamo deciso di giocare senza di lui. Questa squadra è stata costruita in estate mettendo al vertice valori e principi di gruppo. Non accettiamo nessuno che venga qui a non rispettarli. Anche rischiando di mettere in difficoltà ancora di più la squadra con la sua assenza, abbiamo preso questa decisione».

SULLA GARA

«Partita che chiaramente non è andata come avremmo voluto. Sapevamo che sarebbe stato necessario restare concentrati per 40’, invece lo abbiamo fatto in maniera accettabile solo nel secondo quarto».

«Abbiamo iniziato male la gara, e poi nel secondo tempo non siamo stati in grado di restare attaccati all’avversario».

SUL MOMENTO

«E’ chiaro che siamo in un brutto momento, inutile girarci intorno, bisogna prendersi le proprie responsabilità. Dobbiamo uscire da un momento non semplice».

SU OLIMPIA MILANO

«Ci aspetta a Milano una partita di una difficoltà notevole. Poi abbiamo un periodo di due settimane per inserire i nuovi, lavorare e ritrovare Elegar, un giocatore molto importante noi».

Next Post

Buongiorno Olimpia | La Coppa Italia è arrivata: sarà tarlo o benzina?

Buongiorno Olimpia, la rubrica semi-quotidiana di cui non si sentiva il bisogno che ci accompagnerà quasi ogni mattina al risveglio
Buongiorno Olimpia

Iscriviti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Leggi articolo precedente:
Sasha Djordjevic
Sale Djordjevic: Basket e boxe a febbraio sono simili. I ragazzi dovevano rispondere

Sale Djordjevic dopo Reggio: Ci sono due maniere di giocare, giocare a pallacanestro e giocare per vincere. Noi giochiamo per...

Chiudi