Simone Pianigiani: A Milano avevo offerta di rinnovo in mano, poi cambiò la società

Simone Pianigiani, ora in Cina con i Beijing Ducks, parla del suo passato a Milano: Sono molto sereno. Il progetto era in crescita

Simone Pianigiani, ora in Cina con i Beijing Ducks ha rilasciato una lunga intervista a Paolo Bartezzaghi de La Gazzetta dello Sport. E ha parlato anche di Olimpia Milano.

«Sono molto sereno. Il progetto era in crescita. Fino all’intervallo dell’ultima partita di stagione regolare eravamo ai playoff di Eurolega. In campionato siamo stati imbattuti fino a fine dicembre». 

«Gli infortuni ci hanno messo in difficoltà nei playoff. Poi ci sta che nello sport si cambi. La soddisfazione, guardando indietro, non viene dai trofei ma dal fatto che chi mi ha scelto, alla fine del secondo anno, mi ha sempre proposto il prolungamento del contratto. A Gerusalemme e a Milano. Poi è cambiata la società ed è normale fare altre scelte».

10 thoughts on “Simone Pianigiani: A Milano avevo offerta di rinnovo in mano, poi cambiò la società

  1. Gli infortuni….Credo che aver fatto giocare Mike James a Trento ( ultima partita di stagione regolare, del tutto insignificante ai fini della classifica ) sia stato un errore indimenticabile.

  2. Sc74 ti informo che Pianegiani dopo le indagini e’ stato assolto dalle accuse di evasione fiscale.
    Starei attento a quello che scrivi primo perché anche se non sei nessuno ti puoi beccare una denuncia e secondo perché prima di scrivere accuse bisogna fare un piccolo sforzo di informarsi.
    Troppo facile accusare a cazzo

  3. E sono un tifoso Olimpia che non ha compreso la campagna di odio quando e’ arrivato.
    Tu le tasse le paghi tutte ed anche il biglietto del tram?

  4. Per me il Piana è una bravissima persona, meno male che è cambiata la società e ci ha liberato del Piangina

  5. Questo è esattamente il punto su cui spesso di litiga in questo blog. Criticare è giusto e doveroso è legittimo se fatto argomentando.
    Sparare merda a casa è incivile e insopportabile.
    Avere la presunzione di criticare tanto per senza chiedersi se davvero abbiamo capacità e informazioni sufficienti per farlo è intellettualmente disonesto.

    A me non è mai piaciuto l’approccio al basket di Pianigiani, ma i cori e le critiche di principio perché stava antipatico o perché arrivava dalla nemica Siena li ho sempre trovati insopportabili.
    E ho ammirato la sua capacità di andare oltre e tenere fede alla sue idee in modo onesto e lineare.
    Dopo di che, se devo scegliere, scelgo Messina.
    Ma stiamo comunque parlando di grandi professionalità che sanno di basket talmente più di noi che ogni volta che pretendiamo di criticarli dovremmo sempre abbassare la voce.

    Siamo tifosi e appassionati, non siamo allenatori professionisti, non siamo proprietari della società e tanto meno siamo agenti della finanza o giudici.

  6. Pare che la polizia postale abbia fatto richiesta dell’indirizzo i p di @sc74. Il seguito alla prossima puntata

  7. X orlandoilrosso e giorgioiv

    Ho già chiarito la mia posizione a chi di dovere,ma sarò multato

    Ps: A me non risulta che il Sig. Pianigiani sia stato assolto ,nel caso chiedo scusa
    Ladro era a livello sportivo ovviamente

Comments are closed.

Next Post

EuroLeague, il Covid-19 allenta la pressione. Mancano quattro recuperi

Mentre in Italia si lavora sul Natale, in EuroLeague la situazione va attualmente normalizzandosi dopo le grandi difficoltà d’avvio
EuroLeague

Iscriviti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Leggi articolo precedente:
Olimpia Milano post Khimki
EuroLeague Round#14 | Olimpia Milano settima in classifica

Se ne va il quattordicesimo round di EuroLeague, che racconta dei pesanti ko dell’Efes a Mosca e del Khimki a...

Chiudi