Olimpia Milano: ripresa l’attività, domani si gioca il derby

Fabio Cavagnera 13

Buone notizie dalla società biancorossa: è stata autorizzata la ripresa dell’attività, verso il derby con Cantù

Buone notizie da casa Olimpia Milano. La squadra biancorossa ha ripreso l’attività, dopo lo stop per le positività al Covid-19, e domani scenderà in campo nel derby a Desio contro Cantù. La partita è in programma alle ore 18, dopo lo spostamento di un’ora di un paio di giorni fa da parte della Legabasket.

Dunque, dopo l’allarme di lunedì e lo stop di alcuni giorni, la situazione per l’AX Armani Exchange è migliore di quanto si era temuto ad inizio settimana. Non è stato comunicato il numero di elementi del Gruppo Squadra positivi, ma sono sicuramente meno rispetto ai “numerosi casi” di cui si era parlato nel comunicato ufficiale di lunedì.

Il comunicato del club

La Pallacanestro Olimpia Milano comunica che, a seguito dei test di controllo effettuati venerdì mattina, è stata autorizzata la ripresa dell’attività di squadra in vista della partita di domenica 15 novembre a Desio.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

13 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Doc63
Doc63
13 giorni fa

Bella notizia. Non capisco questo riserbo nel comunicare chi sono i positivi. Tanto si capisce domani chi è fuori e non a bordo a campo.
Tutte le squadre e sportivi di altre discipline lo comunicano senza problemi. Un modo anche per derubricare anche il virus.

Alessandro
Alessandro
13 giorni fa

Ma con ste regole e con la privacy, non viene il Sospetto che una squadra ( in generale) se ha due o tre giocatori chiave positivi, dichiari di non avere numero di arruolabili sufficienti e decida deliberatamente di posticipare ?
Poveri stupidi coloro che sono andati al massacro con 8 uomini disponibili (kimki, se non erro). Mi pare una regola piuttosto discutibile

Mr. Tate
Mr. Tate
13 giorni fa

Alessandro, se è come dici tu, e cioè se le società non hanno obbligo di comunicare privatamente alla Lega il numero di positivi, condividere i referti, ecc., è chiaro che si presta a porcherie, sì. Attenzione però al discorso privacy: quando te la sei presa perché ti abbiamo criticato ti sei forse perso un pezzo. Il punto non è la segretezza, il punto è la privacy al di fuori del risvolto professionale. Noi tifosi non abbiamo alcun diritto di sapere se un Moraschini ha un virus, ma la Lega può avere tutto il diritto a ricevere comunicazione con nomi e… Leggi il resto »

Andrea
Andrea
13 giorni fa

Io spero che la privacy valga solo per noi e che i vertici dell’Eurolega e della LBA, che dispongono i rinvii delle partite, sono in possesso dei referti medici con i nominativi degli atleti risultati positivi, per non alimentare dubbi e sospetti. Naturalmente il mio è un discorso generale. Domani pomeriggio basta vedere chi manca nei 12 a referto per capire quali giocatori potrebbero essere positivi, quindi la privacy trova il tempo che trova. Tuttavia io rimango perplesso e dubbioso su tutto ciò.

Alessandro
Alessandro
13 giorni fa

Proprio quello intendevo, mr tate. Non so se le squadre sono obbligate a mandare un referto o se si va sulla fiducia. Nel secondo caso mi pare molto probabile qcn possa fare il furbo.

Sulle critiche a me di cui parli, non ti seguo. Non leggo tutti i commenti. Possibile mi sia perso qcs. Io sono contrario alla privacy in questi casi x una questione di contagio. Se Hines è positivo, trovo giusto lo si sappia perché se io ho avuto contatti con lui, possa agire di conseguenza. Non lo voglio certo sapere x spirito morboso.

Biancorossodasempre
Biancorossodasempre
13 giorni fa

La privacy spinta all’eccesso aiuta il diffondersi del contagio. Lo sport professionistico e’ un evento pubblico per cui esiste anche un diritto all’informazione oltre alla tutela della salute che sono diritti costituzionali mentre la privacy no.

trackback
Cantù vs Olimpia Milano | Le parole di Messina e la situazione del roster
13 giorni fa

[…] le preoccupazioni ed i tanti dubbi dei giorni scorsi, questa mattina è arrivato il via libera all’Olimpia Milano per la ripresa degli allenamenti e per la gara di domani pomeriggio al […]

Francesco Sacco
Francesco Sacco
13 giorni fa

Ovviamente le organizzazioni dei tornei sanno per filo e per segno le positività delle squadre. Lo scambio di documentazioni e informazioni tra le parti è costante. Mi sorprende che si pensi il contrario. La dice lunga e non mi sorprende, infatti, che il tenore delle discussioni su altri temi, poi, sia quello che tutti possono leggere costantemente.

Marco de Mattia
Marco de Mattia
13 giorni fa

@Alessandro : se sei entrato in contatto stretto con Hines, sarà l’autorità sanitaria a contattarti tramite la procedura del contact tracking, non l’ufficio stampa dell’Olimpia. Immagino che tra le squadre e la Lega ci siano le necessarie autorizzazioni per il trattamento dei dati personali, come in ogni rapporto di lavoro che è gestito tramite le normative di riferimento.

Andrea
Andrea
13 giorni fa

Proprio perché tutti gli organi di competenza sportiva sono a conoscenza dei nominativi e l’autorità sanitaria, a loro volta, contatteranno chi è stato a contatto con gli atleti positivi, non si comprende tutta questa riservatezza nel comunicare i nomi dei giocatori positivi, manco avessero rubato e rischiano il carcere per questo. Non c’è nulla di male ad aver contratto il Covid. Che poi è il segreto di pulcinella perché basterà aspettare domani per sapere chi sono i giocatori risultati positivi. Questo vale per tutte le squadre, non solo per la nostra. Nel calcio le società non comunicano i nominativi dei… Leggi il resto »

Francesco Sacco
Francesco Sacco
13 giorni fa

Perchè gli organi di competenza non sono il pubblico. Mi sento anche in imbarazzo a dover sottolinearlo. Non capisco perchè una persona non debba avere il diritto di gestirsi questa situazione con riservatezza. Ormai siamo talmente assuefatti dal vivere nella società dei social che esigiamo di sapere tutto di tutti. Non esiste ed è sacrosanto che sia così. Il rispetto dei ruoli deve essere ancora un valore. La scelta deve essere individuale e libera. Punto.

Andrea
Andrea
13 giorni fa

Che la scelta deve essere individuale e libera non ci piove ma Ronaldo, non uno qualunque ma il.giocatore di calcio più forte al mondo insieme a Messi, non ha esitato a comunicate la sua positività, e potrei farti un elenco di calciatori che hanno comunicano la loro positività, al contrario dei giocatori di basket. E inoltre ti rammento che è il segreto di pulcinella, basta aspettare domenica ore 18:00…

Tom Sawyer
Tom Sawyer
13 giorni fa

Francesco, rinuncia. Non capirà.

Next Post

Cesare Pancotto: Orgoglio, entusiasmo e senso di responsabilità per questo derby

Cesare Pancotto, coach della Pallacanestro Cantù, presenta così la sfida di domani ore 18 con Olimpia Milano
Olimpia Milano vs Cantù

Subscribe US Now

13
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: