Luca Banchi analizza la Flex dell’Olimpia Milano di Ettore Messina

Alessandro Maggi 3

Luca Banchi per Sportando analizza l’attacco Flex dell’Olimpia Milano di Ettore Messina. Un’analisi tecnica ricca di spunti

Luca Banchi per Sportando analizza l’attacco Flex dell’Olimpia Milano di Ettore Messina. Ecco alcuni passaggi.

L’attacco FLEX che lo staff milanese ha introdotto fin dall’inizio di questa stagione ha la peculiarità di esaltare le caratteristiche dei propri giocatori offrendo molte opportunità di lettura, creando vantaggi che la squadra dimostra di saper materializzare con chirurgica precisione.

Come si può notare dalle prime due clip, l’attacco FLEX garantisce un movimento corale che coinvolge spesso 4-5 giocatori. E non è un caso che questo movimento venga spesso utilizzato ad inizio periodo per permettere ad ogni giocatore di sentirsi coinvolto nel sistema offensivo esercitando pressione sulla difesa avversaria alla ricerca di un piccolo errore che possa essere puntualmente punito.

Poter schierare nel ruolo di playmaker giocatori “di taglia” come Moraschini o Delaney offre a Milano la possibilità di sfruttare il vantaggio fisico con movimenti “seal” successivi a blocco

Immagino che questo attacco accompagnerà la stagione di Milano per l’intera sua durata permettendo allo staff ma sopratutto a giocatori di così alto quoziente cestistico di scovare nuove soluzioni e modi di punire gli inevitabili adattamenti difensivi.

3 thoughts on “Luca Banchi analizza la Flex dell’Olimpia Milano di Ettore Messina

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Next Post

Andrey Vatutin: Finire l'annata ad ogni costo, o sarà la fine

Andrey Vatutin, presidente del Cska, dopo aver sottolineato i tempi duri per il suo club, annuncia una stagione cruciale per EuroLeague

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: